Migranti. Ministro Lorenzin: “Dall’Italia sono state salvate 360mila vite nel Mediterraneo”

Roma, 7 settembre 2015 – Nel giorno delle lodi ad Angela Merkel per aver aperto le frontiere a qualche migliaio di profughi siriani il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin,a margine del sesto congresso dell’Italian Great Network congiunto con Memc (Mediterranean Emergency medicine congress), organizzato da Great-Global research on acute conditions Team Italy insieme alla American academy of Emergency medicine (Aaem) e la Mediterranean academy of Emergency medicine (Maem), all’Hotel Ergife di Roma, tiene a precisare l’impegno dell’Italia nell’accoglienza dei migranti in tutti questi anni.

[easy_ad_inject_1]”Dall’Italia sono state salvate 360mila vite nel Mediterraneo e solo 100mila nella fase di ‘Mare Nostrum’. Credo che il nostro Paese abbia fatto un’operazione straordinaria a livello mondiale sotto il profilo tecnico e umanitario” ha dichiarato il ministro.

“Si può fare molto per migliorare ancora, innanzitutto aggiornando continuamente i modelli operativi che, per via della pressione demografica, per i cambiamenti dei livelli sociali, ma anche per quanto riguarda l’innovazione tecnologica, richiedono appunto continui e nuovi aggiornamenti. Noi abbiamo ancora il tema dei pronto soccorso che tra l’altro è un tema affrontato anche in un dibattito internazionale come quello di oggi e questo ci fa dunque capire che si tratta di una questione discussa in tutte le grandi metropoli del mondo. Nello stesso momento, noi abbiamo un sistema integrato territorio-ospedale che dobbiamo migliorare insieme a tutta la parte di gestione dell’urgenza sul territorio” ha aggiunto.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *