Miopia. La malattia del secolo in aumento in tutta Europa: colpito un giovane su due

Londra (Regno Unito), 4 giugno 2015 – Il numero di persone che soffrono di miopia è in aumento in tutta Europa. E’ quanto emerge dai risultati di una recente ricerca britannica condotta dal King College di Londra. Questo tipo di difetto della vista colpisce un giovane su due nel vecchio continente e sarebbe molto più diffuso tra i soggetti che hanno ricevuto un’istruzione superiore e che utilizzano prevalentemente pc e dispositivi digitali, come smartphone e tablet. E’ bastato questo perché i media ribattezzassero subito la miopia come la malattia del secolo.

La miopia, nel corso degli anni e dell’evoluzione tecnologica, è diventata un problema sempre più comune nei paesi europei, ne soffre il 50% dei giovani tra i 25 e i 29 anni, come dimostrano i risultati di un recente studio condotto da un team di ricercatori il King College di Londra, ha anche scoperto che la miopia è due volte più frequente nei soggetti con un’istruzione superiore rispetto alle persone che hanno lasciato la scuola prima dei 16 anni.

[easy_ad_inject_1]I ricercatori, guidati da Katie Williams del dipartimento di oculistica presso il King College di Londra, spiegano che ciò potrebbe dipendere da una serie di fattori, come ad esempio l’aver trascorso più tempo a studiare, un maggior uso del computer, o l’essere coinvolti meno in giochi all’aperto. Non vanno poi trascurati, ovviamente, i fattori genetici che sono alla base della miopia, o fattori legati allo status socio-economico, ma anche l’alimentazione può essere un potenziale fattore scatenante. Gli esperti sostengono che la prevalenza di miopia è in significativo aumento, soprattutto nel sud-est asiatico, e in Europa, Australia e Stati Uniti, anche se qui in misura minore.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati relativi a più di 60 mila persone raccolti in studi condotti tra il 1990 e il 2013. Dai risultati dell’analisi, i ricercatori hanno scoperto che in chi era nato nel 1960 e aveva raggiunto un grado d’istruzione superiorre è stato riscontrato il doppio delle probabilità di essere affetto da miopia rispetto a chi era nato nel 1920 che avevano avuto solo un’istruzione primaria. Inoltre, le persone nate nel 1960 che avevano terminato l’università avevano circa quattro volte in più il rischio di essere affetti da miopia.

La ricerca ha rilevato una elevata prevalenza di miopia in quelli di età compresa tra 25 e 29 anni, il 47,2%, rispetto al 27,5% in quelli di età compresa tra i 55 e i 59 anni. La miopia si sviluppa in genere durante l’infanzia e l’adolescenza, causando la visione offuscata che deve essere corretta da occhiali, lenti a contatto o dalla chirurgia laser oculare. Un generale aumento dei casi di miopia, anche in una percentuale significativa della popolazione in età lavorativa, ha implicazioni sia per il sistema sanitario sia per l’economia di un Paese, affermano gli autori dello studio.

“Sapevamo che la miopia stava diventando un problema sempre più comune in alcune parti del mondo, ma è molto interessante scoprire che la stessa cosa sta accadendo in Europa. Questo ha importanti implicazioni per la futura salute degli occhi, in quanto la miopia può minacciare la vista in età avanzata, in particolare nelle persone che hanno una miopia con valori molto elevati” ha detto Katie Williams, autrice principale dello studio.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se un cambiamento nelle tendenze alla poca esposizione all’aperto durante l’infanzia, la lettura, e le pratiche educative stanno influenzando lo sviluppo della miopia. Anche se questo studio è stato svolto sugli adulti,non conosciamo ancora l’impatto del recente rapido aumento dell’uso di computer, tablet e telefoni cellulari sullo sviluppo visivo dei bambini” ha aggiunto il professor Chris Hammond, del King College di Londra.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Ophthalmology.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *