You are here
Home > Esteri > Molestie e violenze a Colonia: 31 identificati e due arresti. Sospeso il capo della polizia

Molestie e violenze a Colonia: 31 identificati e due arresti. Sospeso il capo della polizia

Fallback Image

Colonia (Germania), 8 gennaio 2016 – Vi sarebbero anche 18 rifugiati tra i 31 soggetti identificati come autori delle violenze e delle molestie sessuali ai danni di centinaia di donne la notte di San Silvestro a Colonia, in Germania, mentre si festeggiava l’arrivo del nuovo anno. Finora due gli arresti, un sedicenne e un ventitreenne.

Intanto in Germania iniziano a cadere le teste e la prima è quella dil capo della polizia Wolfgang Anders che è stato sospeso dall’incarico (in pensione anticipata) a seguito delle critiche ricevute per la gestione della sicurezza e dell’informazione in occasione delle violente aggressioni avvenute la notte di Capodanno, nonostante abbia sempre sostenuto di non ritenersi responsabile per i fatti orribili accaduti.

La polizia oggi ha fermato 31 sospetti e tra questi vi sarebbero 18 rifugiati che avevano presentato richiesta di asilo nel Paese. Un dato questo che mette in difficoltà non solo la cancelliera tedesca, Angela Merkel, ma anche il sindaco di Colonia, Henriette Reker, che, fin dai primi momenti, aveva sostenuto che non c’era alcuna prova che vi fossero rifugiati nel gruppo degli assalitori.

Nove delle persone identificate sarebbero di origine algerina, 8 marocchina, 5 iraniana e 4 siriana. Tra loro vi sarebbero anche 2 cittadini tedeschi, un iracheno, un serbo e un cittadino americano. Le accuse nei loro confronti sono per lo più di furto e lesioni corporali.

Nelle ultime ore, inoltre, la polizia tedesca fa sapere di aver fermato anche due persone di origine nordafricana. Sui loro cellulari sarebbero stati trovati video e foto di quella orribile notte che si è consumata nella piazza della stazione a Colonia.

“La piena verità sia messa sul tavolo senza sconti ed edulcorazioni. Diversamente si avrebbe un danno allo stato di diritto e alla grande maggioranza dei profughi che non ha alcuna colpa e cerca protezione”, ha detto Angela Merkel secondo quanto riferisce il suo portavoce George Streiter.

“Qui non si tratta in prima linea di profughi, ma si tratta di criminalità. E’ importante che tutta la verità esca fuori e che nulla venga taciuto e che non si passi sotto silenzio nulla”, ha dichiarato George Streiter aggiungendo che per la Merkel non bisogna automaticamente sospettare di tutti i migranti, malgrado le vittime abbiano denunciato molestie da uomini di aspetto arabo o nordafricano.

Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top