You are here
Home > Italia > Mafia. E’ morto il boss Bernardo Provenzano. Sindaco di Corleone: “cittadini onesti si tolgono dalle spalle un pezzo di storia criminale”

Mafia. E’ morto il boss Bernardo Provenzano. Sindaco di Corleone: “cittadini onesti si tolgono dalle spalle un pezzo di storia criminale”

Fallback Image

Bernardo Provenzano, celebre boss della Mafia siciliana, è morto all’età di 83 anni. L’ex capo di Cosa Nostra era detenuto al carcere di Parma in regime di 41 bis e da anni gli era stato diagnosticato un cancro alla vescica.

Provenzano (Zu Binnu era il suo soprannome), dopo una latitanza lunga 43 anni fu arrestato nell’aprile 2006 in una masseria di Corleone, a poca distanza dall’abitazione dei suoi familiari.

Con Totò Riina, Provenzano fu protagonista nel 1981 della cosiddetta “seconda guerra di mafia” con cui eliminarono numerosi boss rivali.

Il Sindaco Corleone, Lea Savona: “I cittadini onesti di Corleone si tolgono dalle spalle un pezzo di storia criminale, che è stata rappresentata dal boss Bernardo Provenzano.” Così il sindaco di Corleone Lea Savona commenta la morte del “concittadino” Bernardo Provenzano a 24Mattino su Radio 24, rispondendo con un “Sì” alla domanda se la scomparsa di Bernardo Provenzano possa essere il 25 aprile di Corleone. Il primo cittadino di Corleone ritiene giusta la decisione del questore di vietare i funerali in forma pubblica: “Giustissima, anche io avrei fatto lo stesso perché Provenzano non è degno di avere dei funerali aperti al pubblico.”
Alla domanda se Provenzano non debba essere sepolto nemmeno nel cimitero di Corleone, Lea Savona risponde a Radio 24: “Esatto, ma io questo non posso impedirlo. Io parlo di una forma di giustizia ai cittadini perché questa persona non ha portato lustro a Corleone.”

L’Avvocato di Provenzano, Rosalba di Gregorio: “Il questore può avere vietato e ha vietato sicuramente i funerali pubblici ma non quelli religiosi. La Chiesa, dal momento in cui non si trova di fronte un soggetto che ha ricevuto il sacramento della confessione e poi dell’estrema unzione, non può ammettere i funerali religiosi.” Così l’avvocato di Provenzano, Rosalba di Gregorio a 24Mattino su Radio 24 commenta la decisione del questore di vietare i funerali pubblici e quella della Chiesa di non fare il funerale religioso al boss Provenzano. Di Gregorio continua: “Quindi la tumulazione può avvenire solo con la presenza dei parenti stretti e senza il corteo. Ma d’altra parte, queste erano le intenzione dei parenti e quindi sotto questo profilo non c’è nessun problema.” Sulla data dei funerali: “Non si può sapere perché bisogna attendere l’esito dell’autopsia. I famigliari chiedono che sia in forma privata.” Alla domanda se i parenti vogliono che Provenzano sia tumulato a Corleone, l’avvocato del boss risponde: “Penso di sì.”

Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top