Obama stringe sulle armi. Sul piede di guerra lobbisti armi e Donald Trump

Washington DC, 5 gennaio 2016 – Il presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, ha promulgato un decreto presidenziale con 10 punti per dare un giro di vite alla diffusione delle armi.

Il focus del decreto è sui controlli che i rivenditori saranno obbligati a condurre sugli acquirenti definito “background check”. I rivenditori di armi saranno inoltre tutti obbligati a detenere un’apposita licenza per la vendita
Si dispone inoltre che l’Fbi incrementi del 50% il suo personale dedicato a condurre le verifiche, assumendo oltre 230 nuovi esaminatori.

Il presidente USA chiede inoltre al Congresso 500 milioni di dollari per affrontare il problema sul piano della salute mentale sottolineando come vi sia coscienza che parte delle stragi negli Usa siano condotte da persone affette da disturbi mentali che hanno facile accesso alle armi.

Obama dunque nell’immobilismo del congresso dal quale si attende da tempo una legge sulle armi, va avanti per la sua strada convinto che saranno salvate delle vite grazie al suo provvedimento.

“Cinque anni fa, un membro del Congresso e altre otto persone sono state uccise in Arizona, è stata la prima volta che ho dovuto parlare alla Nazione e non è stata l’ultima, purtroppo” ha detto Obama alla Casa Bianca, annunciando la stretta sulle armi.
“Siamo qui per prevenire una nuova strage”. “Oltre 30.000 le vite spezzate dalle armi negli Usa ogni anno, siamo l’unico Paese al mondo in cui le stragi avvengono con tale frequenza. Ci sono limiti al diritto di difesa”.

Contro Obama la più grande lobby delle armi, la National rifle association (Nra), che fa sapere: “Non consentiremo che i proprietari di armi rispettosi della legge diventino un capro espiatorio per il fallimento delle politiche del presidente Obama”. Per i lobbisti delle armi le misure adottate da Obama sono “quasi un abuso” e mancano di serietà-dice il capo della Nra- e non avrebbero impedito le stragi.”Gli americani non hanno bisogno di lezioni emotive e paternalistiche”

Sul piede di guerra il candidato alla presidenza USA Donald Trump il quale annuncia che, se verrà eletto, annullerà il provvedimento di Obama.

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *