Olimpiadi a Roma? Virginia Raggi: “E’ da irresponsabili”. Malagò chiede danni

Virginia Raggi, sindaco di Roma

Il Sindaco di Roma sembrava quasi voler cedere, ma alla fine è tornata sui suoi passi e ha mantenuto la posizione largamente espressa in campagna elettorale: queste olimpiadi a Roma nel 2024 non s’hanno da fare, ha deciso Virginia Raggi.

Mancato incontro Malagò-Raggi – L’evoluzione antiolimpica romana ha iniziato a mostrare il suo epilogo già ieri con il mancato incontro tra la Raggi e la delegazione del Coni guidata dal suo presidente, Malagò. Arrivata in campidoglio, la delegazione ha atteso 35 minuti per poi apprendere che il sindaco non sarebbe più arrivato.
Conseguenza: la delegazione con a capo Malagò ha lasciato il Campidoglio a bocca asciutta. Niente discorsi per far desistere il sindaco dalla sua decisione e far restare in pista la candidatura Olimpica di Roma decisa già dal predecessore della Raggi, Ignazio Mario.

Conferenza Stampa di Virginia Raggi – Sulla pagina Fb del Comune di Roma è stata messa a disposizione dei cittadini una diretta streaming della conferenza di Virginia Raggi sulle Olimpiadi del 2024 in contemporanea con uno streaming uguale anche sulle pagine del Movimento 5 Stelle.
Durante la conferenza, avvenuta nella sala della Protomoteca del Comune gremita di giornalisti, cameramen e fotografi, la Raggi ha detto senza mezzi termini che “E’ da irresponsabili dire sì a questa candidatura. Ci viene chiesto di assumere altri debiti per i romani e per tutti gli italiani. Noi non ce la sentiamo”.
“Non abbiano nulla contro le Olimpiadi e contro lo sport ma non vogliamo che lo sport sia un pretesto per ulteriori colate di cemento. Non lo permetteremo, mai cambiato idea.I Giochi sono un affare solo per la lobby del mattone.Noi stiamo pagando ancora i debiti per le Olimpiadi del 1960”.

La replica di Malagò – Il presidente del CONI Giovanni Malagò non ci sta e replica al no del sindaco Raggi a Roma 2024. “Noi non apparteniamo a nessun partito, abbiamo avuto un mandato dal mondo dello sport.Il no fa male, perché sono cambiate le regole del gioco.Consiglio al sindaco di non presentare la mozione in Consiglio comunale. Amburgo e Boston non sono mai state ufficialmente candidate. E’ imbarazzante. Era possibile fare bene. Sbagliato mischiare i soldi per i Giochi con altre spese. Il preventivo di spesa era un decimo rispetto a Sochi 2014.

Sempre da Malagò arriva poi la richiesta di risarcimento per le spese già rendicontate. Il presidente del Coni ha infatti annunciato che chiederà al Comune di Roma 20 milioni di euro di danni per i soldi già spesi dal Comitato promotore.
Il parlamentare M5S Valente, su Radio1 chiede “vorrei sapere come sono stati spesi”, e Malagò replica: “Il Coni è un ente pubblico e tutte le spese sono online. Tutti i soldi sono quelli previsti dalla legge Sport e Periferie”.

Le reazioni della politica – Orfini (PD) twitta “E’ uno schiaffo al futuro di Roma: così i romani perdono opportunità di sviluppo,crescita e lavoro”. Grillo rilancia via twitter “No alle Olimpiadi del mattone. Prima i romani”. Giorgia Meloni (Fdi) scrive “Con il no, Raggi dichiara in sostanza di essere una incapace”. Stefano Fassina (Si), il no “è coerente con l’impegno preso dal M5S… A Roma, prima di candidarsi, è necessario far funzionare la città”.

Grillo si complimenta con la Raggi: avanti così, brava! – “Brava Virginia, ti ho seguito in conferenza stampa, avanti così”. Con queste parole Beppe Grillo si è complimentato per la conferenza stampa sul no alle Olimpiadi del 2024.

Los Angele e Parigi festeggiano: una concorrente in meno – Felice il comitato olimpico americano per la decisione di ritirare la candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2024. “Los Angeles ora ha una rivale in meno” scrive il Los Angeles Times e i media internazionali commentano: “La candidatura di Roma crolla tra l’acrimonia” (Bbc). E nel mondo la francese ‘Equipe’titola: “Roma verso l’uscita di scena” mentre sul sito di ‘Le Parisien’ (Parigi è una delle candidate, e ritenuta la vera rivale europea di Roma): “Il sindaco di Roma rifiuta di appoggiare la candidatura”.

Prossimi step: Virginia Raggi scriverà al Cio per ritirare la candidatura – prossimo passo il ritiro della candidatura appoggiata dal vecchio sindaco di Roma per le Olimpiadi 2024. Dal Campidoglio si viene a sapere che non ci sarebbe bisogno di alcuna delibera per formalizzare il no alla candidatura.
Gli step dunque sono questi: in Aula martedì sarà votata la mozione per dire no. Poi la sindaca Raggi scriverà al Cio, il Comitato Olimpico Internazionale, per esplicitare la nuova volontà che rovescia il sì deciso durante la Giunta dell’amministrazione Marino.

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *