Omicidio ad Acerra (Napoli). Dà fuoco e uccide il rivale in amore. Fermato presunto omicida

Acerra, 20 giugno 2015 – E’ stato fermato dai carabinieri di Acerra e di Castello di Cisterna, Vincenzo Di Balsamo, l’uomo accusato dell’omicidio di due notti fa ad Acerra, comune italiano di 59578 abitanti della città metropolitana di Napoli in Campania, dove un uomo di 51 anni è morto in ospedale dopo che gli è stato versato del liquido infiammabile e gli è stato dato fuoco.

[easy_ad_inject_1] Raffaele Di Matteo, questo il nome della vittima, è spirato al Cardarelli di Napoli dove è giunto in condizioni gravissime. A dargli fuoco probabilmente un rivale in amore. E’ questa per ora l’ipotesi che emerge da fonti investigative dopo che i carabinieri di Acerra e di Castello di Cisterna hanno raccolto testimonianze e compiuto sopralluoghi.

Il movente del tragico delitto sarebbe dunque da ricercare nei motivi passionali e il gesto sarebbe scaturito in seguito ad un raptus di gelosia. A quanto si apprende i rapporti tra i due erano burrascosi da tempo, a causa dell’ex compagna di Di Matteo, una 37enne originaria dell’est Europa con cui la vittima ha avuto una relazione dal 2007 al 2014. Tra le ipotesi anche un eccesso di difesa come emergerebbe dalle parziali ammissioni del Di Balsamo.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Un pensiero riguardo “Omicidio ad Acerra (Napoli). Dà fuoco e uccide il rivale in amore. Fermato presunto omicida”

  1. Buongiorno,
    questo caso purtroppo è destinato ad essere l’ultimo di una lunga serie destinata a continuare. Finché non si destineranno risorse anche ai percorsi di consapevolezza e ri-socializzazione per i presunti autori di violenza e stalking, senza distinzione di genere, non si potrà attuare una reale prevenzione. Se ne parlerà giovedì 35 giugno a Roma presso il Teatro della Casa Circondariale Rebibbia – Nuovo Complesso maschile. Il gruppo multidisciplinare dell’AIPC è a disposizione degli autori e familiari di questo ennesimo caso di cronaca!
    http://www.socialmente.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *