Omicidio suicidio a Cornigliano (Genova). Poliziotto suicida uccide moglie e figlie

Volante della Polizia di Stato

Un agente di polizia, Mauro Agrosì, 50 anni, in servizio al reparto mobile, ha sparato, colpendole a morte nel, la moglie, Rosanna Prete 49 anni, e le due figlie di 14 e 10 anni, poi ha telefonato al 113 confessando il gesto e si è suicidato.

L’ennesimo caso di tragedia familiare si è consumato stamattina poco prima delle 7 in un’abitazione in piazza Mario Conti a Cornigliano, nel Genovese.

L’uomo, Mauro Agrosì, poliziotto da anni passato nei ruoli tecnico-informatico del reparto mobile di Bolzaneto, ha lasciato una lettera in cui spiega che la vita ha troppi problemi.

Ai poliziotti del 113 ha detto: “Venite a casa mia, vi lascio la porta aperta, ho ucciso tutti”.

Sul posto è intervenuta la polizia che indaga sull’omicidio-suicidio. In casa sarebbe stata trovata una lettera dove il poliziotto ha spiegato i motivi del gesto: “Troppi problemi, preferisco portarle con me”, avrebbe scritto.

I colleghi del reparto mobile lo descrivono come una persona equilibrata che non aveva mai mostrato atteggiamenti che potessero lasciar presagire quanto ha fatto.

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *