Orietta Berti denuncia: “pensione di 900 euro dopo ​50 anni di carriera”

Milano, 8 maggio 2015 – Orietta Berti, 69 anni, celebre cantante italiana, si sfoga per la pensione definita “da fame” dopo 50 anni di onorata carriera nel mondo della musica italiana. Secondo quanto si apprende la cantante percepisce una pensione di 900 euro al mese nonostante abbia versato contributi alla cassa previdenziale per gli artisti, l’Enpals, per cinquanta anni. In realtà poi si scoprirà che alcuni contributi previdenziali mancano all’appello.

[easy_ad_inject_1]

“Ho versato contributi per cinquant’anni ma ho una pensione di 900 euro. E’ mai possibile aver dato tanto e ritrovarsi con così poco in mano?”

dichiara Orietta Berti sul “Settimanale Nuovo”.

“Molti contributi non mi sono mai stati versati. Sono andati perduti quelli dal 1965, quando ho cominciato a cantare professionalmente, fino a quelli dei primi Anni Ottanta. Quando facevi le serate quasi nessuno ti versava i contributi: era prassi. La tv, per fortuna, si comportava diversamente quindi quelli non li ho persi”

ha aggiunto la Berti.

“Dovessi campare con la mia pensione non ce la farei, per fortuna ho lavorato molto e ho messo da parte tanto. Adesso non canto solo per bisogno, ma perché mi piace ancora. Inoltre sono una persona semplice, non faccio spese folli”.

Orietta Berti, nome d’arte di Orietta Galimberti, nata a Cavriago il 1 giugno del 1943 è un’ artista molto amata dal grande pubblico, per più generazioni, soprannominata da Silvio Gigli la “capinera dell’Emilia”, ha realizzato tournée di successo in tutte le parti del mondo, e ancora oggi non disdegna partecipazioni in importanti talk show televisivi sulle reti nazionali.

Dal 1966 al 1992, ha partecipato undici volte al Festival di Sanremo. Ha preso parte dieci volte a Un disco per l’estate, ottenendo sempre ottimi piazzamenti grazie anche al consenso del pubblico. Dal ’68 al ’74 è stata una delle protagoniste di Canzonissima, entrando in tutte le edizioni nella finalissima e, quasi sempre, prima fra le donne. Nell’edizione 1969-1970, grazie ad un corposo apporto di cartoline voto, rimane l’unica donna in gara con “Una bambola blu”.

L’11 ottobre 2010 riceve il Premio Speciale Mia Martini alla carriera per i suoi 45 anni di attività.
[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *