Orrore Isis. Donne costrette a tornare vergini per essere rivendute e stuprate

Roma, 11 maggio 2015 – L’Isis avrebbe costretto diverse donne a operarsi con la forza per tornare vergini per essere poi stuprate. Vere e proprie schiave del sesso a disposizione degli jihadisti del Califfato islamico. E’ quanto denunciato da Zainab Bangura, inviato speciale per la violenza sessuale per l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) che avrebbe raccolto diverse testimonianze dirette.

[easy_ad_inject_1]”Le ragazze e le donne vengono denudate e divise in varie categorie prima di essere spedite in altre regioni. Sono a rischio e sotto assalto in ogni momento della loro vita” ha detto Bangura secondo il quale ci si troverebbe di fronte ad un vero e proprio mercato di schiave del sesso per mezzo del quale l’Isis avrebbe “istituzionalizzato la violenza sessuale come aspetto centrale della sua ideologia e delle sue attività, usandola come tattica di terrorismo per centrare i sui obiettivi”.

Secondo quanto si apprende una ragazza sarebbe stata costretta a subire anche 20 interventi chirurgici di ricostruzione dell’imene e poi, ritornata vergine per lo stesso numero di volte, sarebbe stata “sposata” da altrettanti miliziani che hanno abusato di lei.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *