Isis. Nuovo video delle tre ragazze di Londra scappate per unirsi alla jihad

Londra, 1 marzo 2015 – Ci sono novità sul caso delle tre ragazze adolescenti scappate di casa per unirsi ai guerriglieri dell’Isis dieci giorni fa.
La BBC ha diffuso nuove immagini di filmati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso che mostrano le tre minorenni, Amira Abase e Shamina Begum, di appena 15 anni e Kadiza Sultana, 16 anni, compagne di scuola a Londra, alla stazione dei bus di Bayram-pasa a Istanbul, in Turchia.

[easy_ad_inject_1] Secondo Scotland Yard, le ragazze britanniche avrebbero preso un bus per Urfa, vicino al confine che avrebbero superato poi a bordo di un’auto guidata da trafficanti di esseri umani.

Le tre adolescenti inglesi sono scomparse martedì 17 febbraio per imbarcarsi su un volo dall’aeroporto di Gatwick per Istanbul per raggiungere poi i campi di addestramento Isis al confine con la Siria.

Foto diffuse dalla polizia immediatamente dopo la scomparsa mostrano le tre ragazze che camminano insieme in direzione di Gatwick, portando borse da viaggio.

Gli studenti del Bethnal Green Academy, la scuola frequentata dalle tre ragazze si sono detti sorpresi per la scelta improvvisa delle ragazze. Nulla avrebbe fatto presagire che le tre adolescenti avrebbero messo in pratica il piano di fuggire da una normale vita quotidiana da adolescenti per unirsi ai terroristi Isis.

Isis. In autunno offensiva contro Isis a Mosul

Washington DC (USA), 1 marzo 2015 – Nessuna offensiva contro l’Isis in Iraq ci sarà da parte dell’esercito iracheno. Almeno per ora. Lo ha affermato il direttore della Defense Intelligence Agency, il generale Vincent Stewart, che, parlando al Senato USA ha detto che una offensiva dell’esercito iracheno contro i miliziani dell’Isis che controllano la città di Mosul potrebbe essere rinviata in autunno.

[easy_ad_inject_1] A motivazione di tale rinvio Stewart pone il fatto che le truppe irachene hanno ancora bisogno di essere addestrate adeguatamente per permettere loro di contrastare i guerriglieri dello Stato Islamico.

Sulla valutazione generale della situazione Stewart ha detto:
“Al di là dei rischi immediati che ISIL, l’insurrezione afgana, e gli estremisti violenti nelle nostre città che aspirano ad andare all’estero, in particolare in Siria e in Iraq, al-Qaeda rimarrà una sfida per l’intelligence difficile e critica nel 2015,”

Primarie PD Campania. Appello di Roberto Saviano: non andate a votare.

Napoli, 1 marzo 2015 – Sulle vicende delle primarie del PD in Campania che vede il popolo del centrosinistra scegliere tra Vincenzo De Luca, Andrea Cozzolino e Marco Di Lello in vista della sfida contro Caldoro alle Regionali, arriva un appello di Roberto Saviano, il celebre scrittore del best seller Gomorra: “Non votate”

“Alle primarie Pd in Campania non andate a votare”.

L’appello di Roberto Saviano è arrivato con un post pubblicato dallo scrittore ieri sera dove spiega:

“I candidati sono espressione della politica del passato. Queste elezioni saranno determinate da voti di scambio”.

[easy_ad_inject_1]Nel post pubblicato sul Blog di Beppe Grillo compare anche un video nel quale Saviano denuncia:

“Pacchetti di voto sono pronti ad andare a uno o all’altro candidato in cambio di assessorati. In più, saranno determinanti gli accordi con Cosentino”.

Roberto Saviano è un giornalista, scrittore e saggista italiano diventato celebre con il suo libro Gomorra, diventato anche un film e una serie tv di successo. Molti a questo punto si chiedono: Caro Roberto… perché non ti sei candidato alle primarie del PD nella tua campania?

Nucleare. Iran offre di tagliare le centrifughe per l’arricchimento di uranio

Teheran, 1 marzo 2015 – L’Iran si offre disposta a tagliare di ben un terzo le sue centrifughe per l’arricchimento dell’uranio. Lo rivela il quotidiano israeliano Haaretz, secondo il quale tale offerta pone nuove prospettive di raggiungere un accordo a Ginevra sul programma nucleare di Teheran.

Le diplomazie occidentali si dicono stupite della proposta che l’Iran si appresterebbe a formalizzare anche se molte questioni rimangono irrisolte e le possibilità di raggiungere un accordo sul programma nucleare iraniano entro il 30 marzo non sono alti.

[easy_ad_inject_1] La scorsa settimana la delegazione iraniana ha esplicitato la volontà di mantenere attive 6.000 delle 9.400 centrifughe per l’arricchimento dell’uranio per 10 anni. Queste ultime notizie pongono le basi di una visione produttiva per il prossimo incontro previsto giovedì prossimo sempre a Ginevra tra Iran e le potenze Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania, preceduti domani da un incontro in Svizzera tra il segretario di Stato Usa John Kerry e il suo omologo iraniano Zarif.

Cile. Presidente Bachelet visita 14enne che chiede eutanasia in ospedale

Santiago del Cile, 1 marzo 2015 – Un caso di richiesta di eutanasia sta sconvolgendo le coscienze del popolo del Cile.

La presidente cilena, Michelle Bachelet, accompagnata dal ministro della Sanità, Castillo, ha visitato in ospedale Valentina Maureira, la 14enne colpita fibrosi cistica che sta commuovendo da ore l’opinione pubblica cubana con un video postato dalla giovane su Youtube nel quale chiede che il governo autorizzi la sua eutanasia, perché, dice, ” sono stanca di vivere con questa malattia”.

L’incontro nell’ospedale dell’università Cattolica di Santiago tra il presidente cileno, Valentina e suo padre è durato circa un’ora. Non è stato diffusa alcuna informazione su quanto si sono detti. Il governo cileno ha solo diffuso una serie di foto tra le quali il selfie fatto con la ragazza.

[easy_ad_inject_1] Per ora la posizione ufficiale del Governo cileno è di negare l’autorizzazione, come riportato dal portavoce della Bachelet:

“La legge in vigore in Cile non permette al governo” di autorizzare l’eutanasia”

ma, offre consulenza e sostegno medico per Valentina Maureira.

La fibrosi cistica (detta anche mucoviscidosi o malattia fibrocistica del pancreas) è una malattia genetica autosomica recessiva mortale. La patologia è causata da una mutazione nel gene CF(cromosoma 7), il quale codifica per una proteina che funziona come canale per il cloro detta CFTR (Cystic Fibrosis Transmembrane conductance Regulator).

Incidente auto-scooter a Larino: morti 2 fratelli gemelli di 16 anni

Larino, 1 marzo 2015 – Un terribile incidente stradale si è verificato a Larino in provincia di Campobasso poco dopo la mezzanotte di oggi.
L’incidente è avvenuto tra un automobile, una Grande Punto guidata da un 22enne di Larino, e uno scooter a bordo del quale due fratelli gemelli, entrambi sedicenni di ritorno da una serata in pizzeria.

Subito dopo l’incidente sono intervenuti sul posto i carabinieri della Compagnia di Larino, agli ordini del maggiore, Alessandro Dominici, i sanitari del 118 Molise e i Vigili del Fuoco ma per i minori, Antonello e Giovanni Padulo, non c’è stato niente da fare: uno dei gemelli è deceduto sul colpo mentre l’altro poco dopo e a nulla è servito il trasporto in ospedale.

[easy_ad_inject_1]I resti sulla strada mostrano un impatto tremendo: per terra la sella, i rottami dello scooter e detriti dappertutto.

Secondo i primi accertamenti dei carabinieri intervenuti sul posto l’incidente dello scooter contro l’automobile sarebbe avvenuto per una manovra avventata in fase di sorpasso.
Il sindaco, Vincenzo Notarangelo, ha deciso di proclamare il lutto cittadino. I carabinieri continuano gli accertamenti per individuare l’esatta dinamica dell’incidente ed individuare le responsabilità per la morte dei due ragazzi.

Gran Bretagna. Ex capo controspionaggio inglese giustifica la tortura

Londra, 1 marzo 2015 – Stanno facendo discutere le dichiarazioni di Sir John Sawers, ex capo dello spionaggio britannico della celebre divisione MI6, tra i più efficienti servizi di controspionaggio per l’estero.
Sawers ha giustificato l’uso della tortura contro sospetti terroristi perché “si ottengono informazioni utili” ha detto, rivelando come solo grazie alle informazioni ottenute da sospetti torturati in Arabia Saudita si riuscì a scongiurare un attentato sul suolo britannico a opera di Al Qaeda che voleva abbattere due jet cargo nell’ottobre del 2010.

[easy_ad_inject_1]Nel programma Today della BBC Sawers ha poi parlato della minaccia russa:

“Il livello di minaccia da parte di Mosca è aumentato e dobbiamo essere pronti a prendere le misure difensive necessarie per difenderci, e difendere i nostri alleati che ora si estendono fino ai paesi baltici e dell’Europa centrale. Non dobbiamo illuderci che la Russia è su un percorso verso la democrazia, perché non lo è. ”

Maxi sequestro di marijuana al confine Usa Messico

San Diego (USA), 1 marzo 2015 – Un maxi sequestro di marijuana è stato messo a segno dalle autorità di frontiera degli Stati Uniti al confine con il Messico. Ben 15 tonnellate di marijuana suddivisi in 1296 pacchi plastificati sono stati rivenuti nascosti da materassi e cuscini stivati su un camion.

Il sequestro record, per un valore di quasi 19 milioni di dollari è avvenuto ad Otay-Mesa, il valico di frontiera tra la città californiana di San Diego e la città messicana di Tijuana. Si tratta del secondo sequestro più rilevante a livello nazionale dopo quello effettuato nel porto Calexico orientale nel 2013.

[easy_ad_inject_1]A renderlo noto sono state le stesse autorità di frontiera specificando che il ritrovamento è stato reso possibile mediante ispezione ai raggi x che ha rilevato l’anomalia.

A quel punto gli ufficiali dell’ US Customs and Border Protection hanno disposto una perquisizione ed hanno trovato i 1.296 colli contenenti droga.

Il conducente del camion, un cittadino messicano di 46 anni è stato consegnato alle autorità usa e il camion con il suo contenuto è stato posto sotto sequestro.

Venezuela. Nicolas Maduro accusa Stati Uniti di trame golpiste

Caracas, 1 marzo 2015 – I rapporti tra Venezuela e Stati Uniti d’Americano tendono ancora più a deteriorarsi dopo l’affondo del presidente venezuelano Nicolas Maduro agli USA di Barack Obama, accusando questi di trame golpiste davanti ad una folla inneggiate lo slogan “Maduro, Maduro, ha colpito il Yankee duro”.

“Lanciamo una lotta totale contro l’imperialismo americano!” ha dichiarato solenne Maduro che accusa i “dirigenti dell’amministrazione americana” di partecipare a “trame golpiste” contro il suo governo. Non si tratterebbe di accuse infondate: Maduro ha dichiarato, infatti, di possedere “prove indiscutibili, documenti e foto” di piani sovversivi contro il suo governo.

[easy_ad_inject_1] I primi provvedimenti che Maduro intende prendere è certamente riguarda l’attività diplomatica degli Usa in territorio venezuelano: limitare e regolamentare l’attività dei diplomatici Usa a Caracas e istituire un visto obbligatorio per i cittadini statunitensi che viaggiano nel suo paese. Una decisione che Maduro ha preso dopo la cattura di un pilota americano di origine latino-americana nello stato di Táchira, in Venezuela occidentale. Per Maduro quel pilota era sospettato di spionaggio ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Chi non avrà mai il visto per entrare in Venezuela: politici statunitensi come l’ex presidente George W. Bush, l’ex vice presidente Dick Cheney, l’ex direttore della CIA George Tennet e diversi legislatori che sono stati individuati come nemici del paese bolivariano dal governo venezuelano.

“Non entreranno coloro che hanno violato i diritti umani e hanno bombardato l’Iraq, la Siria e Vietnam”, ha detto Maduro.

Nicolas Maduro, erede del defunto Hugo Chavez, è Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela dal 14 aprile 2013, dopo aver ricoperto il medesimo incarico dal 5 marzo 2013 al 14 aprile 2013 ad interim.

Omicidio ad Acerra. Georgiano ucciso a coltellate

Acerra, 1 marzo 2015 – Un uomo di 40 anni, originario della Georgia, è stato rinvenuto morente riverso per terra, sanguinante, da alcuni passanti che ieri sera percorrevano l’ingresso di un condominio di Acerra, in provincia di Napoli.

Immediatamente è stato dato l’allarme ai carabinieri che sono intervenuti sul posto insieme ai sanitari del 118.
L’uomo presentava diversi fendenti da arma da taglio nell’addome. Trasportato nell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, purtroppo per l’uomo non c’è stato niente da fare ed è deceduto del Reparto di rianimazione dopo essere stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico

[easy_ad_inject_1]Sull’omicidio è stato aperto un fascicolo dalla procura e i carabinieri stanno indagando per capire la dinamica dei fatti e risalire alle responsabilità di questo atti criminale.