Morte Piccolo Loris. Polizia effettua nuovi rilievi.

Nuove perquisizioni sarebbero state condotte dalla polizia sia nell’abitazione della madre del piccolo Loris Stival, il bambino di otto anni ucciso il 29 novembre scorso per strangolamento e trovato morto in un canale di S.Croce di Camerina nel ragusano, sia in quella del “cacciatore” che ha rinvenuto il corpicino.
Secondo quanto si apprende la notte scorsa la polizia scientifica ha eseguito rilievi e accertamenti nella casa di campagna di Orazio Fidone, il cacciatore, in contrada Passo di Scicli.
Ieri pomeriggio, inoltre, agenti di polizia si sono recati nell’abitazione della famiglia Stival per acquisire diari, quaderni e altro materiale, anche di tipo informatico, ritenuto utile per il proseguimento delle indagini.
Il legale della famiglia Stival, l’avv. Francesco Villardita, presente anche lui durante la visita della scientifica, ha precisato in diretta televisiva nel corso della trasmissione “Chi l’ha visto” andato in onda ieri sera in prima serata su Raitre che non è stata tecnicamente una perquisizione, ma semplicemente una ricerca di elementi utili alla soluzione del caso. La signora sta per come può stare una madre che ha perduto un figlio, e non ci sono indagini su di lei”.

Il Papa per i profughi e i rifugiati: togliamo le cause

Papa Francesco ha rivolto una preghiera durante l’udienza generale per i profughi e rifugiati del mondo con un auspicio: “Preghiamo per tutti i profughi e i rifugiati,e perché siano rimosse le cause di questa dolorosa piaga”. Il Papa ha incontrato un gruppo di profughi iracheni e del Medio Oriente a Istanbul, poi in Vaticano, ai partecipanti al “Summit of Christian and Muslim Leaders”, il Pontefice ha detto: “La strada della pace è il dialogo”.
Un pensiero è stato rivolto anche al popolo della Turchia dove il Papa si è recato lo scorso week end: “Dio continui a proteggere il popolo turco” ha detto auspicando che “Si realizzi luogo di pace, di pacifica coesistenza tra religioni e culture diverse”.

Morte Piccolo Loris. Video smentirebbe la madre. Sentita in questura

La madre del piccolo Loris Stival, ucciso per strangolamento e trovato morto in un canale di S.Croce di Camerina nel ragusano, è stata sentita in Questura. A quanto si apprende, secondo indiscrezioni, i video delle telecamere di fronte casa, acquisiti dagli inquirenti mostrerebbero la madre del piccolo avvicinarsi all’auto con i due figli ma solo il più piccolo sarebbe salito sull’auto mentre Loris dopo una breve discussione sarebbe tornato verso casa.
Una delle telecamere avrebbe infatti inquadrato Loris mentre cammina verso casa uscendo così dall’inquadratura.
L’indiscrezione, che se confermata potrebbe smentire la versione della mamma di Loris che ha sempre dichiarato di aver accompagnato il figlio in macchino fino a scuola, non è stata confermata dagli inquirenti.

Ast Terni. Raggiunto l’accordo

Una buona notizia arriva da Terni dove, dopo ben quattro mesi di negoziati, sarebbe stato raggiunto l’accordo tra governo, sindacati e Ast Terni del gruppo ThyssenKrupp. Ad annunciarlo è stato il sottosegretario al Welfare, Teresa Bellanova che, all’uscita dal ministero dello sviluppo economico ha dichiarato: “Io ho firmato, stanno completando le altre firme con tutti i sindacati”.
Secondo quanto si apprende l’accordo raggiunto prevede che tutti i 290 lavoratori in esubero escano volontariamente con incentivi.
“Credo che domani i lavoratori daranno il sostegno che merita a questo accordo”, ha concluso Bellanova.
Ora la parola spetta ai lavoratori Ast (Acciai Speciali Terni).

L’Europa approva il nuovo razzo Ariane-6

Via libera al progetto del nuovo razzo Ariane-6 da parte dell’europa che permetterà già dal 2020 di lanciare in orbita i satelliti scientifici e per telecomunicazioni. Il consiglio dei ministri della Ricerca Scientifica dei Paesi che sovrintendono alle attività dell’Agenzia Spaziale Europa (ESA) riuniti a Lussemburgo hanno approvato il nuovo progetto.
E’ una buona notizia anche per l’Italia che ha ottenuto l’approvazione del progetto della versione potenziata del piccolo vettore Vega C, prodotto per la maggior parte proprio in Italia da Avio e il cui primo volo è previsto nel 2018. Il nuovo Vega C diventerà anche uno dei razzi ausiliari del più potente Ariane-6.
Soddisfatto il commento del ministro per l’Università e la Ricerca Scientifica Giannini: Si tratta di “un risultato superiore alle aspettative” ha dichiarato.

Leandro Castan: operazione terminata. Ora terapia intensiva per 24 ore

E’ stato concluso l’intervento neurochirurgico dopo tre ore e mezzo per il difensore della Roma, Leandro Castan. Secondo quanto hanno comunicato i sanitari, l’operazione ha permesso di rimuovere completamente il cavernoma alla testa che aveva costretto il calciatore brasiliano ad interrompere l’attività agonistica.
Leandro Castan rimarrà in terapia intensiva per 24 ore, prima che possa essere sciolta la prognosi.
Secondo il comunicato diffuso dalla società AS Roma “Leandro Castan è stato sottoposto ad intervento neurochirurgico, dal Professore Giulio Maira, per la rimozione di un cavernoma del peduncolo cerebellare medio di sinistra che aveva sanguinato. L’intervento chirurgico, iniziato alle 8.30, è terminato alle ore 12 ed è stato effettuato con l’ausilio del microscopio chirurgico, del neuronavigatore e con monitoraggio neurofisiologico. Il cavernoma, alla profondità di 3 cm, è stato rimosso completamente come confermato da un esame RM effettuato subito dopo l’intervento. Castan si è svegliato, respira spontaneamente, e si è già informato dell’esito dell’intervento. Rimarrà in terapia intensiva per le prossime 24 ore, dopodiché la prognosi potrà essere sciolta”

Sclerosi multipla: individuata proteina anomala che potrebbe innescarla

Una importante scoperta nella lotta alla Sclerosi multipla è stata fatta dai ricercatori britannici della University of Surrey in collaborazione con i colleghi della University of Texas e dei PrioCam Laboratories, i quali avrebbero individuato una proteina anomala accusata di poter innescare la malattia. Secondo quanto si apprende dal loro studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Neurologysarebbe, proprio la forma della proteina, tipo “accartocciata” a darle la possibilità di formare aggregati che attaccano il sistema nervoso centrale.

Potrebbe essere questo il passo per una nuova terapia della Sclerosi multipla ma altri studi sono necessari per confermare questo legale tra la proteina anomala e la malattia.

Gerard Depardieu ubriaco. Spettacolo interrotto

Una pubblica lettura con protagonista il celebre attore Gerard Depardieu, 65 anni, è stata interrotta dagli organizzatori dopo solo mezz’ora dall’inizio. La causa, piuttosto imbarazzante per i presenti intervenuti al teatro Flagey per celebrare la Grande Guerra della quale corre il centenario, è data dallo stato dell’attore che si è presentato, a quanto si apprende, visibilmente ubriaco.
Secondo testimonianze rilasciate ai media del Belgio, incapace di leggere i brani in programma, Depardieu ripeteva la stessa frase più volte tra l’imbarazzo del pubblico presente, lasciando poi il testo e lanciandosi in digressioni politiche. Alcuni spettatori hanno postato commenti sui social network: “uno spettacolo scandaloso”, “una vergogna” alcune esempi letti su Twitter.

Perdita dei dati. Un danno nel mondo da 1700 mld di dollari. Solo in Italia costa 11 mld.

La perdita di dati sensibili per guasti informatici o errori costa caro.

Secondo quanto rivelato da uno studio condotto da Vanson Bourne per l’EMC Global Data Protection Index tale fault grava per 11 miliardi di danni e nel mondo si arriva a 1700 miliardi di dollari.

Lo studio, condotto intervistando 3.300 dirigenti IT di medie e grandi aziende in 24 Paesi, ha evidenziato per l’Italia che solo 10% delle aziende è adeguatamente protetto contro il rischio di perdita dei dati sensibili.

L’altro 90% è a rischio con tutti i danni che ne possono derivare.

Nel report si legge che “L’80% delle aziende intervistate ha registrato, negli ultimi dodici mesi, un blocco inaspettato nei propri sistemi informatici o una perdita di dati sensibili, che hanno portato per il 38% a una perdita della produttività, per il 22% a un decremento del fatturato e per il 36% al ritardo nello sviluppo di un prodotto”.

In totale rivela lo studio “il 79% dei professionisti IT delle aziende italiane non nutre piena fiducia nella propria capacità di recuperare le informazioni a seguito di un incidente”.

Test della saliva per diagnosi predittiva

Dopo gli Stati Uniti, è stato messo in commercio anche nel Regno Unito il test della saliva che ha la proprietà di prevedere se si è predisposti, o comunque a rischio, di contrarre diversi tipi di malattie tra i quali l’Alzheimer, il Parkinson, alcuni tipi di cancro o semplicemente la predisposizione alla calvizie.

Il test, commercializzato dalla 23andMe, società guidata da Anne Wojcicki, moglie del cofondatore di Google Sergey Brin, e cofinanziata dallo stesso Google, costa 125 sterline (160 euro circa), e consiste in un tubicino in cui bisogna sputarci dentro e da inviare ai laboratori della società per le analisi del dna contenuto nella saliva. Il paziente riceverà poi direttamente a casa via posta la documentazione sui risultati del test.

Diversi dubbi sono stati sollevati su questo prodotto sia da specialisti del settore che considerano le conoscenze predittive non affidabili e dunque a rischio di dare false indicazioni ai pazienti fino a coloro che vedono la possibilità che aziende possano chiedere ai propri dipendenti di sottoporsi a tale test (o addirittura finanziarlo) per avere predizioni sulle pretese di vita dei propri manager o dipendenti.