Festival Cinema di Roma. Antonio Monda nuovo direttore artistico.

Roma, 25 febbraio 2015 –  Antonio Monda, giornalista, scrittore, autore di documentari, docente di cinema a New York e collaboratore di RaiNews24 è stato nominato direttore artistico per la decima edizione della Festa del Cinema di Roma. Insieme a lui è stato nominato direttore generale Lucio Argano, già responsabile del coordinamento generale, strategie e sviluppo della Fondazione Cinema per Roma.

Lo ha deciso il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Cinema per Roma, l’ente che organizza dal 2007 il Festival Internazionale del Film di Roma.

[easy_ad_inject_1] Attraverso una nota la fondazione informa che ci sarà una nuova convocazione per il prossimo 4 marzo nel corso del quale

“in quella sede, il presidente Piera Detassis (direttore del mensile Ciak, è il nuovo presidente della Fondazione Cinema per Roma) e i consiglieri si confronteranno sui nuovi indirizzi da dare alla manifestazione”. In quella occasione, “il Cda convocherà a Roma il neo direttore artistico Antonio Monda – conclude la nota – per la discussione sul progetto complessivo dell’evento e sul lavoro della Fondazione durante l’anno”.

 

 

Libia. Colloqui Onu rinviati a data da destinarsi

Tripoli, 25 febbraio 2015 – I colloqui tra le parti per la difficile questione in Libia mediati dall’inviato delle Nazioni Unite, Bernardino Leòn e previsti per giovedì prossimo si sono impantanati e rinviati “sine die“.

Ad annunciato è alah al Makhzoum, capo della squadra negoziale del Congresso generale, il parlamento insediato nella capitale e non riconosciuto dalla comunità internazionale secondo il quale i colloquio sarebbero stati rinviati a data da destinarsi.

[easy_ad_inject_1] Conferme arrivano anche dal parlamento di Tobruk che ha reso noto di aver sospeso la propria partecipazione al dialogo, che doveva iniziare giovedì in Marocco.

Si attendono nuovi sviluppi ed iniziative diplomatiche nella difficile situazione libica.

Estrazioni del lotto di ieri. A Venezia centrata quaterna da 124 mila euro

Roma, 25 febbraio 2015 – Le estrazioni del lotto di ieri, concorso numero 24, ha premiato la città di Venezia dove è stata centrata una quaterna da 124 mila euro, la vincita più alta registrata ieri.

Sul fronte dei numeri ritardatari è stato estratto il 13, il numero più ritardatario della Capitale, che mancava dalla ruota di Roma da 86 estrazioni. Bisogna ancora attendere per i due centenari, il 26 che manca da Firenze da 127 turni, e il 15 su Torino, via da 113 turni.

Per chi non ha ancora controllato i numeri delle estrazioni del lotto di ieri sera sono i seguenti: NAZIONALE 80 47 86 81 70, BARI 62 37 58 74 87, CAGLIARI 83 84 41 44 6, FIRENZE 81 20 23 4 47, GENOVA 73 63 62 89 24, MILANO 68 30 82 20 9, NAPOLI 9 55 12 50 39, PALERMO 73 38 7 51 15, ROMA 13 35 73 29 52, TORINO 5 16 28 45 30, VENEZIA 57 72 64 19 28.
I venti numeri del 10eLotto collegati all’estrazione di oggi sono: 5 9 13 16 20 30 35 37 38 55 57 58 62 63 68 72 73 81 83 84. Numero Oro:62.

Ergastolo al killer di Chris Kyle il cecchino di American Sniper

New York, 25 febbraio 2015 –  Chris Kyle il cecchino di American Sniper ha avuto giustizia. La giuria del Tribunale di Stephenville, nello stato del Texas, ha condannato all’ergastolo Eddie Ray Routh, un ex marine di 27 anni, per aver ucciso Chris Kyle, l’American Sniper, il cecchino dei Navy Seals reso celebre dal film di Clint Eastwood.

La giuria ha respinto l’infermità mentale avanzata dalla difesa ma non è stata chiesta dall’accusa la pena di morte. Per Eddie si aprono dunque le porte del carcere a vita.

[easy_ad_inject_1]Christopher Scott “Chris” Kyle è stato un militare statunitense, uno dei migliori cecchini dei Navy SEAL, autore di una celebre autobiografia e recentemente, dopo la sua morte, protagonista di un film campione di incassi, “American Sniper” nel quale il suo ruolo è stato interpretato dall’attore Bradley Cooper.

Kyle fu assassinato il 2 febbraio 2013 nel poligono di tiro dove si allenava, da un suo commilitone marine, Eddie Ray Routh, che soffriva di disturbo post traumatico da stress.

Ucraina. Amnesty International denuncia uso di armi illegali

Kiev, 25 febbraio 2015 –  In Ucraina, nel conflitto tra esercito di Kiev fedeli a Poroshenko e separatisti filorussi fedeli a Putin, sarebbero usate bombe a grappolo, armi illegali.
Le bombe a grappolo o munizioni a grappolo, sono ordigni, che contengono grappoli un certo numero di munizioni: le bomblets,che, al funzionamento dell’ordigno principale (cluster), vengono disperse, secondo diversi sistemi, a distanza facendo il maggior danno possibile.

[easy_ad_inject_1]  Lo denuncia Amnesty international, l’organizzazione non governativa per i diritti umani, che denuncia anche l’alto numero di vittime civili che secondo le convenzioni internazionali dovrebbero avere adeguata protezione da entrambe le parti in guerra:

“Non sono riuscite a prendere precauzioni necessarie per proteggerli, in violazione delle leggi di guerra”.

si legge in un comunicato.

Amnesty ha anche denunciato numerosi casi di rapimenti, torture e uccisioni sommarie da parte di mercenari e volontari al fianco del governo ed unità combattenti separatiste.

Legge responsabilità civile dei magistrati. Orlando, Renzi e Anm commentano

Roma, 25 febbraio 2015 – La Camera ha approvato ieri sera il testo sulla responsabilità civile dei magistrati con 265 voti a favore (PD, NCD), 51 contrari (Movimento 5 Stelle) e 63 astenuti (Lega, Fi, Sel, Fdi e Alternativa Libera). Il M5S ha votato contro.

Già licenziata dal Senato la riforma ora è legge.

Per il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, si tratta di “un passaggio storico. La giustizia sarà meno ingiusta e i cittadini saranno più tutelati”.

[easy_ad_inject_1] Soddisfatto il premier Matteo Renzi che su Twitter scrive “Anni di rinvii e polemiche, ma oggi la responsalità civile dei magistrati è legge!” ed esulta a suon di hashtags “passodopopasso” e “lavoltabuona”.

Duro il commento dell’ANM, l’Associazione Nazionale Magistrati per voce del presidente Sabelli:

“E’ un pessimo segnale, la politica approva una legge contro i magistrati” e tutto questo mentre c’è una “corruzione dilagante”. Ci sono “profili di illegittimità costituzionale” e “al di la’ dei gravi effetti che avrà, è un segnale negativo per il presidio della legalità”

Terremoto in Emilia Romagna 3.3 tra Meldola e Predappio nell’Appennino Forlivese

Forlì, 24 febbraio 2015 – Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 gradi Richter è stata registrata oggi in Emilia Romagna nella provincia di Forlì nell’Appennino forlivese.

Secondo i dati pubblicati dall’Ingv la scossa di terremoto è stata registrata stasera 24/02/2015 alle 23:38:13 con una profondità di 23.1 km.

[easy_ad_inject_1]L’epicentro è stato individuato alle coordinate 44.1113°N, 12.0338°E nella zona tra Meldola e Predappio in provincia di Forlì-Cesena a meno di venti chilometri da Bertinoro, Castrocaro Terme, Civitella di Romagna, Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Galeata e Rocca San Casciano.

Non si segnalano danni a persone e cose.

Aggiornamento: alle 23,45, sette minuti dopo la prima scossa, è seguita una seconda scossa di magnitudo 2.0 nella stessa zona tra Predappio, Meldola e Castrocaro Terme con profondotà 25.5 km.

Se l’avete avvertito o semplicemente avete testimonianze lasciate un commento.

Decreto riforma Rai. Laura Boldrini contro Matteo Renzi “non c’è urgenza”

Roma, 24 febbraio 2015 – Il Presidente della Camera Laura Boldrini, terza carica dello Stato, dice la sua sul decreto di riforma della Rai tanto voluta dal premier Matteo Renzi che vuole provvedere per decreto legge.

“Il decreto si deve fare quando c’è materia di urgenza. Sulla Rai non c’è qualcosa di imminente, non c’è una scadenza”.

ha detto nel corso della trasmissione “di Martedì” su La7 ed ha aggiunto:

[easy_ad_inject_1]

“Il governo ha bisogno di tempi certi ma bisogna anche dare alle opposizioni le garanzie-insiste-se si arrivasse a dare tempi certi su provvedimenti ordinari non ci sarebbe bisogno di ricorrere al decreto”

Venezuela. Ucciso un 14enne durante manifestazione con Maduro

Caracas, 24 febbraio 2015 – Una triste notizia arriva dal Venezuela. Un giovane di 14 anni, studente liceale, è rimasto ucciso per uno sparo che lo ha raggiunto alla testa mentre prendeva parte ad una manifestazione contro il governo di Nicolas Maduro.

Il giovane adolescente si chiamava Kluiver Roa. Il proiettile lo ha centrato alla testa dopo diverse ore di scontri tra manifestanti e polizia nel corso delle quali sono state arrestate quattordici persone.

[easy_ad_inject_1]Secondo quanto dichiarato da Jose Vicente Garcia, presidente della commissisone diritti umani di San Cristobal, il ragazzo è deceduto durante il trasporto in ospedale.

Non è chiaro da chi sia sparato il colpo mortale ma l’ufficio del procuratore generale ha aperto un fascicolo per investigare sulla vicenda.

Il presidente Nicolás Maduro ha dichiarato oggi di essere vittima di un complotto internazionale di destra che vuole destituirlo e promette carcere e dura repressione il dissenso.

Classifica Serie A 24ma giornata. Derby Sampdoria Genoa pari nel campo e in classifica

Roma, 24 febbraio 2015 – Termina con un pareggio per 1-1 il derby della lanterna tra Sampdoria e Genoa recuperato oggi dopo il rinvio per pioggia. Un solo punto per squadra non cambia la rispettiva situazione in classifica che vede entrambe le squadre a 36 punti, a soli tre punti dalla zona Europa League.

Partita difficile con il vento che non agevolava l’azione dei calciatori, ma nonostante tutto il Genoa si è reso subito pericoloso con Bertolacci che ha sfiorato la traversa. In appena due minuti si consuma il risultato finale: al 17′ il Genoa va in vantaggio con Falque. Appena due minuti dopo Eder recupera in gol per i blucerchiati grazie allo svarione di Roncaglia.

[easy_ad_inject_1]Per il resto della partita solo emozioni e tentativi stranamente falliti: All’86’ Obiang fallisce un gol con un pallone che praticamente era in porta e stava già esultando prima di trovarsi fuori.
Al 94′ è Kucka che prende la traversa con un suono che si è sentito fino al porto.

Classifica definitiva serie A 24ma giornata: Juventus 57, Roma 48, Napoli 45, Lazio 40, Fiorentina 39, Sampdoria 36, Genoa 36, Inter 35, Milan 33, Torino 33, Palermo 33, Sassuolo 29, Udinese 28 (*), Empoli 27, Hellas Verona 25, ChievoVerona 24, Atalanta 23, Cagliari 20, Cesena 16, Parma 10 (**).
(*) Udinese 1 partita in meno
(**) Parma 1 punto di penalizzazione e una partita in meno