Pensioni e Busta arancione. Boeri: “Ne manderemo solo 150 mila per Natale”

Roma, 30 novembre 2015 – L’operazione tanto attesa dal nome “busta arancione”, l’invio cioè del documento in cui il contribuente è in grado di sapere quanto ragionevolmente può aspettarsi dal suo futuro assegno pensionistico non sembra decollare al meglio.

[easy_ad_inject_1]Il presidente Inps, Tito Boeri, a margine dell’assemblea nazionale dell’Amianto, ha fatto sapere che “Ne manderemo solo una piccola parte, ne spediremo circa 150 mila, entro Natale, perché non ci è stata data l’autorizzazione dai ministeri per superare il vincolo di spesa, la spesa per spedizioni è contingentata”.

In particolare ha spiegato come la spedizione della lettera riguardi” le categorie coperte”, nelle quali quindi non rientrano i lavoratori pubblici, e interessa quei soggetti “che non hanno il Pin”, ovvero il codice per l’accesso online per la simulazione della pensione.

Boeri si è augurato che “in legge di Stabilità possa essere sbloccata la spesa”, così “da inviare il grosso delle buste arancioni” subito dopo.

“Busta Arancione”: prende il nome dall’omologo svedese ed è un servizio Inps conosciuto anche come “La mia pensione”. Tale servizio permette di simulare quella che sarà presumibilmente la pensione che si riceverà al termine della tua attività lavorativa. Il calcolo della pensione tiene conto della normativa attualmente in vigore e si basa su tre fondamentali elementi: l’età, la storia lavorativa e la retribuzione/reddito.

Dal 2016, il servizio sarà disponibile anche per i dipendenti pubblici e per i lavoratori con contribuzione versata agli altri Fondi e Gestioni amministrate dall’Inps.

La simulazione della pensione non arriverà a casa in una busta arancione, tutto si farà online, utilizzando il sito internet e i codici personali per i servizi Inps a questo indirizzo
[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *