Pensioni Inps. Da maggio le pensioni delle gestioni pubbliche saranno liquidate il giorno 7

Novità arrivano sul fronte della prima liquidazione e pagamento delle pensioni delle gestioni pubbliche.

Secondo quanto rende noto il Messaggio Inps n. 1763/2016 inviato ai direttori regionali e delle strutture territoriali, a partire dalla mensilità di maggio 2016 il primo pagamento potrà essere effettuato, oltre che il giorno 1, anche il giorno 7 del mese, o il giorno bancabile immediatamente successivo, qualora l’1 o il 7 sia festivo o non bancabile.

La novità serve per allineare le regole per il pagamento delle delle rate di nuova liquidazione delle pensioni delle gestioni pubbliche con quelle delle gestioni private.

“Com’è noto, nelle convenzioni stipulate con gli enti pagatori per il pagamento delle pensioni, è stabilito che il pagamento delle rate di nuova liquidazione possa avvenire nei giorni 1, 7 e 20, o giorno bancabile immediatamente successivo qualora tali giorni risultino festivi o non bancabili. Si rammenta che per Poste Italiane Spa anche il sabato è considerato bancabile. Il calendario è identico indipendentemente dal mezzo di pagamento prescelto dall’avente diritto alla prestazione.” si legge nel messaggio. “Tali scadenze finora erano state attivate per le sole pensioni delle gestioni private, mentre per le pensioni della gestione pubblica era operativa la sola scadenza del giorno 1.”

“Si informa che per le pensioni liquidate nell’ambito delle gestioni pubbliche, a partire dalla mensilità di maggio 2016, il primo pagamento potrà essere effettuato, oltre che il giorno 1, anche il giorno 7 del mese, o il giorno bancabile immediatamente successivo, qualora l’1 o il 7 sia festivo o non bancabile.” continua precisando che”il pagamento del giorno 7 conterrà tutte le somme da corrispondere a titolo di arretrato dalla decorrenza giuridica fino al mese in corso. A titolo di esempio, con il pagamento di maggio relativo a una pensione con decorrenza marzo 2016, saranno pagate tutte le somme relative ai mesi di marzo, aprile e maggio 2016.”

“Le rate successive saranno corrisposte secondo le regole ordinarie: il primo giorno di ciascun mese o in quello successivo, se questo cade in giorno festivo o non bancabile.”

Partono le buste arancioni. Come annunciato dal presidente Tito Boeri parte l’operazione «busta arancione» con l’invio delle prime 150 mila lettere ad altrettanti lavoratori con l’estratto conto dei contributi, l’età alla quale si potrà andare in pensione e la simulazione di quanto si prenderà.

L’Inps ha come obiettivo di inviare 7 milioni di buste ad altrettanti lavoratori che non hanno chiesto il pin per accedere direttamente al simulatore on line dell’Inps.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *