You are here
Home > Economia > Pensioni Inps. Tito Boeri: “Se l’Inps fallisse i cittadini continueranno ad avere le loro pensioni”

Pensioni Inps. Tito Boeri: “Se l’Inps fallisse i cittadini continueranno ad avere le loro pensioni”

Fallback Image

Si parla tanto di flessibilità di uscita e reversibilità. Ma cosa succede se l’Inps fallisce? Le pensioni sarebbero ancora erogate? Quale il destino di milioni di pensionati? A questo scenario apocalittico risponde e rassicura il presidente dell’Istituto di Previdenza Sociale, Tito Boeri”
Roma, 25 febbraio 2016 – “Anche se l’Inps fallisse, e non sta avvenendo, i cittadini continueranno ad avere le loro prestazioni e le loro pensioni”.

E’ questa la dichiarazione rassicurante del presidente INPS Tito Boeri che ha parlato alla Commissione di controllo sugli enti previdenziali.

Boeri ha spiegato che è stata fatta un’operazione di “trasparenza” facendo un accantonamento più importante al fondo svalutazione crediti e questo ha portato al deterioramento del disavanzo.

L’Inps soffre il blocco turn over – “Chiediamo misure urgenti, stiamo perdendo 100 persone al mese – sottolinea Boeri. Abbiamo chiesto flessibilità gestionale nella Legge di stabilità anche per procedere a nuove assunzioni e siamo certi che con questa flessibilità potremmo fare risparmi anche più significativi di quelli richiesti» ha detto il presidente Inps criticando il blocco del turn over che «riduce la qualità delle istituzioni e le indebolisce” e “i tagli lineari che incidono inevitabilmente sui servizi. Le sedi territoriali fanno fatica a reggere alla domanda crescente dovuta anche alla crisi” ha detto.

Proposta di riduzione dei poteri del presidente Inps – Infine Boeri mostra la necessità di “ridurre il potere di cui dispongo da presidente dell’Inps”. “Abbiamo bisogno di un cda, di una accountability di natura diversa, sarebbe necessario avere una riforma della governance” ha precisato il presidente dell’Inps.

Fusione Inps, Inpdap e Enpals: solo su carta: La fusione con Inpdap ed Enpals è stata “fatta solo sulla carta, a freddo, le posizioni dirigenziali sono state sommate, 25 dirigenti Inps e 23 Inpdap, totale 48. Le procedure non sono state armonizzate. La fusione la stiamo facendo ora anche per essere più efficaci” ha detto Boeri.

Similar Articles

Lascia un commento


Top