Lorenzin e Zingaretti al Gemelli in visita ai cantieri dei lavori per il Giubileo

Roma, 15 luglio 2015 – Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, stamattina sono stati in visita al Policlinico Agostino Gemelli, di Roma, per osservare da vicino il cantiere dei lavori in corso al Pronto Soccorso del Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA), in vista del Giubileo Straordinario della Misericordia, indetto da Papa Francesco.

[easy_ad_inject_1]Zingaretti e Lorenzin sono stati accolti dal Direttore Generale del Policlinico Universitario Agostino Gemelli Enrico Zampedri, dal Presidente della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Giovanni Raimondi, dal Preside della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica Rocco Bellantone, insieme al Direttore Sanitario aziendale Marco Bosio e ai professori Pierluigi Granone, Vicepreside della Facoltà di Medicina, e Rodolfo Proietti, Direttore del DEA del Gemelli.

Il costo complessivo per la realizzazione dei lavori ammonta a circa 3 milioni di euro, lavori che sono stati approvati e finanziati dalla Regione Lazio grazie ad un’anticipazione del Ministero della Salute dei fondi di terza fase per quasi 3 milioni di euro, con una copertura economica del 5% da parte del Policlinico.

Visti i tempi stretti dovuti all’approssimarsi della data del Giubileo Straordinario della Misericordia, che inizierà il prossimo 8 dicembre per concludersi il 20 novembre del 2016, i lavori saranno eseguiti in totale via d’urgenza.

Il progetto prevede una riqualificazione ed un ampliamento del DEA che servirà a migliorare e a gestire il flusso degli accessi del Pronto Soccorso, che solo nell’ultimo anno è aumentato del 4,8%. Gli interventi previsti nel piano di ristrutturazione si basano – riporta il comunicato stampa del Policlinico Gemelli – sul concetto di centralità del paziente rispetto al servizio. Il DEA del Policlinico Gemelli costituisce un importante Hub di riferimento regionale per il trattamento del paziente politraumatizzato. Qui i traumi vengono gestiti da un’equipe multidisciplinare con prestazioni che coprono tutte le evenienze. Il DEA è, inoltre, Centro Hub per l’ictus, l’emorragia cerebrale e l’infarto del miocardio oltre che Centro di riferimento regionale per le maxi emergenze come le calamità naturali, gli incidenti nucleari e le contaminazioni infettive su larga scala.

Per l’inizio del Giubileo Straordiario della Misericordia si prevede che tutti i lavori saranno terminati, per poter essere pronti ad accogliere i pazienti.

“Questi lavori di riqualificazione e ampliamento del Dipartimento di Emergenza e Accettazione del Gemelli sono il frutto di una bella collaborazione inter-istituzionale, cui partecipano il Governo, la Regione Lazio e la Santa Sede. A noi competono gli aspetti sanitari. Abbiamo attivato da subito un rapporto con il Ministero della Salute e il Ministero dell’Economia e delle Finanze per non vivere il Giubileo come un fatto straordinario, ma come l’occasione per accelerare i processi e i cambiamenti sostanziali per la nostra Regione”

ha dichiarato Nicola Zingaretti.

“Il Giubileo è un’occasione ma anche una prova per Roma. La volontà è di dare ai cittadini un servizio sanitario regionale adeguato a una Capitale europea, poiché siamo tra i primi sistemi sanitari del mondo. Nella Regione Lazio ci sono problematiche che si trascinano da decenni e la rete delle emergenze-urgenze è uno dei nodi sui cui lavorare e la sua efficienza fa la differenza tra la vita e la morte. A conclusione dei lavori, il Policlinico sarà ancora più forte e la stessa cosa deve avvenire per gli altri pronto soccorso degli ospedali della Capitale che saranno potenziati per il Giubileo”

ha detto Beatrice Lorenzin.

[easy_ad_inject_2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *