Postalmarket, dichiarato il fallimento del catalogo leader nelle vendite per corrispondenza

Udine, 27 luglio 2015 – Postalmarket, tra i cataloghi leader nel campo delle vendite per corrispondenza degli anni ’80 è fallito.

[easy_ad_inject_1] La dichiarazione di fallimento è stata decretata dal Tribunale di Udine sulla base dell’istanza presentata dall’amministratore straordinario del Gruppo Bernardi, società di abbigliamento con sede a Ronchis (Udine), che aveva rilevato il catalogo nel 2003 con l’obiettivo di rilanciarlo, operazione evidentemente non andata a buon fine.

Postalmarket – una storia di successi: Postalmarket, chiamata Postal Market Italiana fino al 1973, Postal Market dal 1973 fino all’inverno del 1983, è stata un’azienda commerciale italiana, leader nazionale nella vendita per corrispondenza nata nel 1959 da un’idea di Anna Bonomi Bolchini, che ha importato con successo in Italia il modello statunitense della vendita per catalogo.

Boom di vendite negli anni sessanta e settanta, nel 1980 l’azienda affronta la sua prima crisi, che si conclude nel 1983. La successiva crescita porta nel 1987 a fatturare 385 miliardi di lire, con una crescita del 20,4% sul giro d’affari dell’anno precedente. Nello stesso anno i dipendenti diretti sono oltre 1400, e stilisti come Krizia, Enrico Coveri e Laura Biagiotti, firmano i cataloghi più esclusivi.

Tra la fine degli anni ottanta ed i primi anni novanta Postalmarket era il leader italiano nel mercato delle vendite per corrispondenza, fatturava circa 600 miliardi di lire e gestiva 45 000 spedizioni giornaliere.

Nel 1993 Postalmarket passa sotto il controllo del colosso tedesco Otto Versand che gestisce il catalogo fino al 1998, ricorrendo più volte alla cassa integrazione; poi la società, sull’orlo del fallimento.

Nel 1998 Postalmarket viene rilevata dal senatore Eugenio Filograna che reintroduce il Made in Italy, costruisce l’e-commerce con 22.000 prodotti, riporta l’azienda in utile, prepara la quotazione in Borsa che però salta a causa degli scandali di Banca Leonardo (unico sponsor e global-coordinator di Postalmarket). Il mancato accordo tra l’azienda ed il sindacato costringe Filograna al “commissariamento ministeriale”.

Nel 2003 Postalmarket passa a Bernandi che nel 2007 decide di chiuderla definitivamente. I resti della società vengono comunque ceduti a La Redoute.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *