You are here
Home > Italia > Processo Yara. Bossetti condannato all’ergastolo. Mamma Yara: “Nostra figlia non tornerà”

Processo Yara. Bossetti condannato all’ergastolo. Mamma Yara: “Nostra figlia non tornerà”

Fallback Image

E’ condanna all’ergastolo per Massimo Bossetti. Questa la sentenza del processo di primo grado che si è celebrato a Bergamo per l’omicidio di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate di Sopra trovata morta in un campo di Chignolo d’Isola a 3 mesi dalla sua scomparsa avvenuta il 26 novembre del 2010,.

E’ stato emesso, dopo ben 44 udienze, il verdetto di ergastolo per Massimo Bossetti da parte dei giudici della Corte d’Assise di Bergamo. I giudici hanno così accolto quasi totalmente la richiesta del pubblico ministero Letizia Ruggeri, che ha accusato Bossetti di omicidio pluriaggravato e per lui aveva chiesto proprio l’ergastolo. I giudici non hanno accolto la richiesta del pm dell’isolamento di 6 mesi

Secondo l’accusa apparterrebbero proprio a Bossetti le tracce di Dna trovate sugli abiti della vittima. Per il procuratore di Bergamo, Massimo Meroni, La prova del Dna è stata “decisiva”: “Siamo arrivati a metà strada nel senso che questa è una sentenza di primo grado, è stata un’inchiesta difficile e la collega Ruggeri è stata fantastica”.

Massimo Bossetti, 45 anni, muratore, è rimasto impassibile alla lettura della sentenza. Al Bossetti è stata inoltre tolta la podestà genitoriale ed è stato assolto dall’accusa di calunnia.

La moglie di Bossetti, Marita Comi e Laura Letizia Bossetti, sorella del muratore condannato all’ergastolo si sono abbracciate in lacrime.

Bossetti dovrà risarcire le parti civili con la somma di 400 mila euro per ciascun genitore di Yara e 150 mila euro per ogni fratello per un totale di 1,25 milioni di euro, più 18mila euro di spese legali.

Bossetti si dichiara innocente. Prima della sentenza Massimo Bossetti, unico imputato nel processo per l’omicidio di Yara Gambirasio, ha fatto dichiarazioni spontanee: “Sarò uno stupido, sarò un cretino, sarò un ignorantone ma non sono un assassino: questo deve essere chiaro a tutti” ha ribadito “Non vedevo il momento di poter parlare”, ha aggiunto rivolgendosi direttamente ai giudici della Corte d’Assise di Bergamo.
“Quello che mi viene attribuito è vergognoso”,vi supplico di ripetere l’esame del Dna. “Quel Dna trovato non è il mio” ha insistito.

La madre di Yara Gambirasio
ha così commentato ai suoi legali la sentenza: “Ora sappiamo chi è stato, anche se siamo consapevoli che Yara non ce la riporterà indietro nessuno”.

L’avvocato di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni ha commentato: “Sono amareggiato perché la convinzione dell’innocenza è forte”. “Queste 45 udienze non hanno restituito alcuna prova a suo carico.E’ un processo indiziario”. Salvagni ha ricordato che si tratta di una sentenza di I grado e che vige il principio di non colpevolezza.

Massimo Bossetti avrebbe commentato: “Non è giusto. Una mazzata grossissima,avevo fiducia nella giustizia”.

Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top