Profughi, Angela Merkel: “non potrei immaginare di accogliere un rifugiato a casa mia”

Berlino (Germania), 12 ottobre 2015 – Mentre in Germania cresce il malcontento verso la politica del cancelliere tedesca sull’accoglienza profughi nel Paese, la stessa Angela Merkel esce allo scoperto dichiarando di non poter nemmeno immaginare di accogliere un rifugiato in casa sua, pur dimostrando pieno rispetto per coloro che lo fanno.

[easy_ad_inject_1]Esce dunque allo scoperto la cancelliera, dopo aver praticamente quasi spalancato le porte dell’Unione Europea a centinaia di migliaia di immigrati in fuga dai loro paesi di origine.

“Con tutto il rispetto per quelli che lo fanno, è un qualcosa che al momento non riesco a immaginare di accogliere rifugiati in casa mia. Vedo come mio dovere fare tutto il possibile in modo che lo Stato possa affrontare questa situazione nella maniera più ragionevole possibile”

ha dichiarato la Merkel in un’intervista alla Bild difendendo la sua gestione della politica migratoria per l’accoglienza dei migranti in Germania nonostante i malumori emersi nel suo stesso partito, la Cdu, fortemente in calo nei sondaggi.

Proprio perché consapevole del forte calo del suo partito la Merkel, nel corso dell’intervista, ha sottolineato che i costi per l’accoglienza degli immigrati non andranno a gravere sui contribuenti tedeschi.

“Per fortuna siamo stati economicamente prudenti per anni e la nostra economia è forte”

ha precisato il cancelliere escludendo con fermezza la possibile introduzione di nuove tasse per coprire i costi dell’accoglienza dei rifugiati in Germania.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *