Protesta residenti di Marino Laziale per l’arrivo di 78 migranti. Sindaco: “l’umanità non mancherà verso persone sfortunate”

Marino Laziale, 21 maggio 2015 – Protesta dei residenti di Marino Laziale, comune di 42.237 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale, nel Lazio, tra le città inserite nel piano nazionale per ospitare i migranti in arrivo sui barconi.

[easy_ad_inject_1] Almeno duecento persone sono scese in strada, nella zona di via Colizza, in pieno centro di Marino, per l’arrivo disposto dal prefetto di Roma di 78 immigrati richiedenti asilo. Sul posto sono intervenuti carabinieri e polizia a presidio della zona che dovrà ospitare i migranti. Sul posto anche il sindaco di Marino, Fabrizio De Santis e l’assessore comunale Arianna Esposito, per calmare e dare spiegazioni ai cittadini arrabbiati e che ha dichiarato: “L’umanità che non mancherà, come non è mai mancata da Marino e dai marinesi, verso persone sfortunate, in fuga da orribili guerre, non può farci mettere in secondo piano i cittadini residenti a Marino e le problematiche già vive sul territorio, così come chi ha dato la propria disponibilità ad ospitare circa ottanta profughi dovrà chiarire tutti i contorni della vicenda su cui non possiamo e non vogliamo in alcun modo restare fermi ma prendere posizioni chiare nel rispetto di tutti”.

Il timore per i cittadini di Marino è che tra gli immigrati possano esserci persone che potrebbero creare problemi per la sicurezza delle loro famiglie. Tuttavia l’arrivo dei 78 profughi è previsto nelle prossime ore e tutto fa pensare che le istituzioni faranno rispettare la disposizione prefettizia, ma i cittadini promettono: la protesta continua.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *