You are here
Home > Economia > Pensioni. Tiziano Treu lancia le sue tre proposte

Pensioni. Tiziano Treu lancia le sue tre proposte

Fallback Image

Roma, 21 agosto 2015 – In attesa che da settembre il Governo di Matteo Renzi ed in particolare il ministro dell’economia Padoan esprimano le loro posizioni sulla prossima riforma delle pensioni da inserire nella Legge di Stabilità, torna a dire la sua l’ex commissario straordinario dell’Inps Tiziano Treu secondo il quale Renzi deve correggere il sistema pensionistico che deve diventare più flessibile in uscita e su questo punto anche Tito Boeri e Cesare Damiano sono d’accordo.

[easy_ad_inject_1] Però, dice Treu, bisogna “fare bene i conti” e una prima ipotesi, un sistema come la quota 97 costerebbe agli italiani sugli 8-10 miliardi di euro e dunque non sarebbe sostenibile. Ci vogliono dunque penalizzazioni più consistenti “Se si usasse la flessibilità. ma con penalizzazioni più consistenti del 2% annuo” proposto da Cesare Damiano.

“In altri Paesi – spiega Treu – si applica una riduzione del 4/5% annuo, con costi minori per il Fisco e maggiori per i lavoratori che scelgono di ritirarsi prima, i quali perdono anche il 15-20% della pensione”.

In alternativa Treu ricorda la proposta del Prestito-ponte “E’ un intervento che richiederebbe risorse relativamente limitate, perché si tratta soltanto di un’anticipazione di valuta”.
Terza soluzione potrebbe essere un part-time per lavoratori anziani, guardando al modello Francese: “Come avviene in Francia, si può fare lavorare gli anziani part-time, in modo da aprire la strada per i giovani. Poiché chi fa il part-time perderebbe una parte di retribuzione, la si potrebbe completare con mezza pensione”.

[easy_ad_inject_2]
Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

6 thoughts on “Pensioni. Tiziano Treu lancia le sue tre proposte

  1. I vantaggi.
    1.Sarebbe meno traumatico passare dal lavoro alla pensionè.
    2.A completamento della giornata potrebbero assumere i giovani a part time in modo di avviarli al lavoro. Cosi facendo risparmierebbe il datore di lavoro e l’inps.
    Mi sembra la via migliore per tutti.

  2. MALATO DI MENTE… la mia proposta… tutto il governo in pensione anticipata con PENAlizzazione del 99% per ogni proposta oscena fatta riguardo alle pensioni.

  3. “COSTEREBBE TROPPO PER GLI ITALIANI”
    Premesso che dopo averli “rubati” non sarebbe un costo, ma solo un parziale rimborso, e dato che non voglio rubare nulla agli italiani,
    propongo a Treu che mi siano RIMBORSATI TUTTI I VERSAMENTI PREVIDENZIALI versati fino ad ora, e io dallo stato non voglio NULLA !!!
    Poi vediamo chi ha rubato !!!
    La cosa già avviene in Gran Bretagna voluta da Camerun

  4. dopo averci derubato di tutto e aumentato nel tempo i contributi a favore della previdenza,ogni tanto il Tizio di turno,che tra le altre cose di danni ne ha fatti,propone una cosa buona e cento cattive.

  5. Non capisco a che titolo il sig. Treu rilasci tali dichiarazioni, non ha combinato abbastanza guai.Il traghettatore del pesante disavanzo INPDAP 8 mld. di debito in dote a INPS con 8 mld INPS avrebbe potuto pensionare con quota 96 o 97 tutti i dipendenti del privato messi fuori per chiusura stabilimenti o svecchiamento di personale, metodo sempre piu’ in uso dagli industriali.
    Perche’ invece di tassare le future gia’ misere pensioni del privato non taglia i privilegi della politica ,e del suo pesante indotto.Il Quirinale ha in forza oltre 1600 dipendenti ,piu’ della Versailles del re sole, si taglino i loro corposi stipendi, le loro laute pensioni con 35 anni di contributi, gli alloggi gratuiti,i bonus, le auto blu, e ancora altro.Basta privilegi e i soldi per le pensioni anticipate da 1000 euro netti saltano fuori.
    Si faccia una legge con eta’ pensionabile uguale per tutti, e non settaria e corporativa ,chi lavora per lo stato ha posto di lavoro e pensione garantiti nel privato no.
    Si tenga conto del lavoratore del privato senza garanzie i licenziamenti collettivi sono previsti per legge. a 59 anni e 37 di contributi ci si trova in un paese del terzo mondo, senza lavoro, e pensione con zero euro per giorno.
    Governo, TREU BOERI MORANDO; FORNERO MONTI CI STATE LASCIANDO MORIRE DI FAME.

  6. Ma il sig.TREU perché i conti non ho fa anche per tutti loro politici che dopo 5 anni di legislatura prendono la pensione ma stiamo scherzando ho ci prendiamo per i fondelli? Basta TREU cerca di avere un po’ di buon senso.

Lascia un commento


Top