Riforma Pensioni Inps. Governo e Sindacati si confrontano. Renzi: “intervento anche su pensioni minime”

Confronto Governo Sindacati – Sindacati:” buon inizio”. Renzi: “interverremo anche sulle pensioni minime.

E’ una giornata importante quella di oggi sul fronte della riforma delle pensioni Inps. Si parla di anticipo pensioni e flessibilità in uscita ma anche di pensioni minime troppo basse.

Come è noto il Governo ha intenzione già con la prossima legge di Bilancio permette ai lavoratori di andare in pensione qualche anno prima perdendo qualche punto in percentuale del proprio assegno.

Tra le ipotesi allo studio del Governo c’è l’Ape, meccanismo che dovrebbe consentire tale possibilità che, come detto da Renzi, non può prescindere da un confronto con l’Europa e con le parti sociali. l’Anticipo pensionistico prevederebbe di uscire dal lavoro e andare in pensione fino a 3 anni prima del termine naturale previsto dalla Legge Fornero, con penalizzazioni differenti a seconda delle situazioni.

E oggi è al via proprio il confronto tra Governo e sindacati al Ministero del Lavoro alla presenza del Ministro Poletti sul tema delle pensioni e l’introduzione della flessibilità in uscita superando alcune norme della Legge Fornero. Sul tavolo c’è anche l’estensione degli 80 euro ai pensionati.

Dal canto suo il Fondo monetario (Fmi) chiede di “non compromettere la sostenibilità del sistema pensionistico”.

Sindacati:bene avvio confronto – L’esito del confronto sulle pensioni sembra essere andato bene almeno a detta dei maggiori sindacati italiani:
“Il governo,dopo molto tempo,ha deciso di avviare un confronto di merito su pensioni e lavoro: non una novità da poco” ha detto Susanna Camusso (Cgil) al termine del tavolo al ministero del Lavoro aggiungendo che comunque “siamo ai titoli”, “cifre non ce ne sono”.

Per Furlan (Cisl) si tratta di una giornata “positiva”. “Spero che oggi segni davvero un cambio di passo nel rapporto tra governo e sindacati”.

Sulla stessa linea anche il segretario della Uil, Barbagallo: “Dal punto di vista del metodo abbiamo iniziato col piede giusto”. “Vedremo come proseguirà” sul merito.


Renzi:”Intervento anche su pensioni minime”
– «Le pensioni minime sono troppo basse, valutiamo interventi». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, parlando a Repubblica tv. Il premier ha poi aggiunto: «Vanno trovate delle soluzioni per chi ha fatto dei lavori usuranti», a patto che si tratti di soluzioni «che salvino i conti pubblici». E ha spiegato: «Nessuno deve temere per la propria pensione, non ci sono ipotesi di lavoro sulla reversibilità. Dobbiamo capire se, nell’ambito delle regole europee e della legge Fornero, a quella categoria di persone rimaste un po’ schiacciate tra incudine e martello possiamo dare l’anticipo pensionistico, l’Ape. Ne stiamo discutendo». Chi va in pensione prima, però, «deve rinunciare a qualcosa». I tempi «sono quelli della legge di stabilità, cioé i prossimi 3-4 mesi ».

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *