Rinvio Referendum. Alfano: “questione chiusa”. Bersani: “togliamo la tensione”

Il giorno dopo l’impazzare della polemica sul rinvio referendum costituzionale tutto sembra normalizzarsi.

Il ministro dell’interno Alfano ha detto: “E’ una vicenda chiusa. Ciascuno ha parlato in modo chiaro”. E’ stata una proposta “a titolo personale e come presidente del mio partito (Ncd)”, ha spiegato. “Non provo alcun rammarico. Alcune reazioni erano prevedibili. ora la questione è chiara ed è inutile tirarla per le lunghe”, ha aggiunto. “La mia campagna elettorale prosegue”.

Pierluigi Bersani, esponente minoranza dem e tra gli attivisti per il “no” al referendum – “Il mondo non si preoccupi: il giorno dopo siam messi come il giorno prima, il governo deve stare lì e starà lì. Togliamo la tensione creata in modo colpevole, sennò il giorno dopo abbiam perso tutti”. Così Bersani, a Repubblica Tv, invita a smorzare la tensione creata sul referendum costituzionale, e assicura che se vince il Sì resterà nel Pd.

Alle accuse di tradimento, Bersani replica che “non c’è più nulla” del programma del 2013. Non si dia del traditore a me, perché li sbrano”.

Intanto sul fronte legale la decisione del tribunale civile di Milano sui ricorsi presentati da Valerio Onida e da un pool di avvocati in relazione al quesito del referendum costituzionale del 4 dicembre verrà presa “non prima di dieci giorni”.
Lo ha spiegato ai cronisti il presidente della Prima sezione civile, Gandolfi.

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *