Roberto Saviano si appella a Matteo Renzi: “Per il sud non ha fatto nulla”. Renzi: “Basta piagnistei”

Roma, 2 agosto 2015 -Dure accuse al premier Matteo Renzi e al suo governo arrivano dallo scritto di Gomorra, Roberto Saviano, non nuovo a critiche contro esponenti PD (si ricorda ancora la sua critica a De Luca alla vigilia delle elezioni regionali in Campania). Il problema del mezzogiorno è stato evidenziato anche dagli ultimi dati agghiaccianti dell Svimez. Sotto i vostri commenti.

[easy_ad_inject_1] Roberto Saviano, con una lettera aperta al premier Matteo Renzi pubblicata su Repubblica, scrive: “Le istituzioni italiane devono infatti chiedere scusa a quei milioni di persone che sono state considerate una palla al piede e, allo stesso tempo, sfruttati come un serbatoio di energie da svuotare”. “La corruzione più grave – afferma – non è quella del disonesto che vuole rubare: la vergogna è quella dell’onesto che se vuole un documento, se vuole un legittimo diritto, se vuole fare impresa o attività deve ricorrere appunto alla corruzione per ottenere ciò che gli spetta. A sud i diritti si comprano da sempre: e Lei non può non ricordarlo”. E ancora: “Permette un paradosso? E’ un tristissimo paradosso. Dal Sud, caro primo ministro, ormai non scappa più soltanto chi cerca una speranza nell’emigrazione. Dal Sud stanno scappando perfino le mafie: che qui non ‘investono’ ma depredano solo. Portando al Nord e soprattutto all’estero il loro sporco giro d’affari. Sì, al Sud non scorre più nemmeno il denaro insanguinato che fino agli anni ’90 le mafie facevano circolare”.

“Per la prima volta governiamo tutte le Regioni del Sud, isole comprese, e non possiamo sprecare energie in un dibattito pubblico che rischia di apparire sterile polemica tra componenti del Pd. Si convochi piuttosto, è questo l’appello che rivolgo al Presidente Orfini e al Segretario Renzi, una sessione monotematica della Direzione nazionale del Partito, per varare un piano di interventi che corroborino il lavoro svolto, sino ad oggi, dai Governi Letta e Renzi e che, di concerto con i Governatori delle regioni meridionali, valorizzi al meglio la programmazione comunitaria 2014-2020”.

“Nonostante il tempo sia scaduto e la deindustrializzazione abbia del tutto desertificato l’economia e la cultura del lavoro del Mezzogiorno,” continua Saviano “Lei ha il dovere di agire. E ancora prima di ammettere che ad oggi nulla è stato fatto. Solo così potremo ritrovare la speranza che qualcosa possa essere davvero fatto”.

Direzione del PD discuterà della questione meridionale il 7 agosto – La direzione del Partito Democratico ha deciso di convocare un tavolo per il Mezzogiorno il 7 agosto alle 15 al Nazareno. A quanto si apprende la decisione sarebbe stata maturata dopo una telefonata tra il presidente PD Orfini e il premier Renzi.

Renzi. Mezzogiorno: basta piagnistei – “Basta piagnistei: rimbocchiamoci le maniche. L’Italia, lo dicono i dati, è ripartita. E’ vero che il Sud cresce di meno e sicuramente il governo deve fare di più ma basta piangersi addosso”. Lo ha dichiarato il premier Renzi incontrando la comunità italiana nella nostra ambasciata in Giappone dove è in visita ufficiale per tre giorni.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

11 pensieri riguardo “Roberto Saviano si appella a Matteo Renzi: “Per il sud non ha fatto nulla”. Renzi: “Basta piagnistei””

  1. non è stato già fatto abbastanza in 60 anni per il sud? saviano, sarebbe ora che nel meridione d’italia la gente cominci ad aiutarsi da sola, come avviene nel resto della penisola e, più in generale, nel resto d’europa. Il sud è un pozzo senza fondo e le persone non fanno nulla per cambiarlo se non qualche mosca bianca ostracizzata dei suoi stessi compaesani. Il sud italia è marcio perchè la gente che lo abita è ormai marcia, purtroppo. qualunque aiuto andrebbe come sempre in mano alle mafie. Ci sono delle eccezioni, ma sono sempre troppo poche o troppo isolate dalla stessa gente che dice di volere un sud migliore. FAndonie: alle persone la situazione sembra che stia bene così com’è altrimenti sarebbe cambiata da decenni

    1. Sequestri di centinaia di milioni fatti a singoli contigui alle mafie e politica, (forse il 5/10% della popolazione, comunque percentuale alta e anormale) sono i soldi tolti, estorti, alla restante popolazione onesta che se non contigua non potrà mai emergere e creare ricchezza. La delinquenza è conosciuta, si sanno chi sono i boss, gente con ricchezze accumulate non giustificate dai redditi. La legge sui sequestri dei beni proventi di illeciti potrà fare tanto, riaprire l’asinara sicuramente di più. Per questi delinquenti (carcere a Vita, i tumori non si bloccano, si estirpano ma quale rieducazione, quante prove ci servono ancora che delinquono anche dall’interno delle carceri, figuriamoci una volta usciti). Buonismo e democrazia al contrario, hanno ha avuto effetto CONTRO il 90% della popolazione onesta. Si al SUD i diritti si sono sempre comprati, si è iniziato da un po anche NORD, per esserci dei corruttori, persone che cercheranno sempre di avere vantaggi a danno di altri, ci devono essere anche dei CORROTTI, dovè? Ma naturalmente nella pubblica amministrazione, vendono i beni e servizi della Nazione per avere benefici personali. Delle pene più severe e certe non guasterebbero (licenziamento). Chi gestisce beni pubblici, non ci rimette niente se non producono ricchezza o si sperperano, ridurre anche la gestione pubblica di beni e servizi non sarebbe male .
      Auguri Italia.

    2. caro fabio, è vero per il sud “dell’Italia ” è stato fatto tantissimo, non solo negli ultimi 60 anni, ma direi negli ultimi 150 di anni, la prego prima di sparare giudizi all’acqua di rosa con frasi fatte di cui certa letteratura è piena studi un po’ meglio la storia del sud italia, ma non le favolette che certi signori vorrebbero farci passare per verità e il discorso potrebbe essere ancora molto lungo… perciò egregio signore prima di parlare si informi meglio.
      PS: è vero molti aiuti, forse troppi aiuti al sud sono finiti nelle mani della criminalità, ma grandissima parte passando anche per le mani di certi “signori del nord”…

  2. Ricordiamo a tutti che Saviano è un VIP che ha gradito della protezione dello Stato a spese dei contribuenti. Penso che farebbe bene ad occuparsi del Sud da uomo della società: con i coldi che guadagna dia inizio ad una impresa che crei posti di lavoro puliti ed onesti. Mi pare che il suo atteggiamento sia quello tipico dell’uomo del Sud ‘negativo’, quello che strilla per avere i suoi diritti più che ampiamente riconosciuti e che non ritiene di avere doveri. Gli uomini del Sud che amo sono quelli che silenziosamente creano opportunità con la loro passione ed il loro lavoro, senza invocare la solita manna dallo Stato di turno. Mi sembra oramai solo un megafono stonato per grillaggini varie. Peccato…

  3. Gentile Saviano,
    io l’ho apprezzato quando a rischio della sua vita ha pubblicato un libro che denunciava la grave situazione dell’area Napoletana, ma più va avanti più ho l’impressione che lei stia facendo una battaglia contro mulini al vento.
    è vero che al sud siamo emarginata e io sono stato sempre dell’opinione che Garibaldi poteva starsene a Quarto, oggi non so se staremmo meglio ma almeno non avremmo subito i soprusi della nobiltà Piemontese.
    secondo il mio parere Renzi si sta muovendo nella giusta direzione modificando quelle regole e conseguenti istituzioni in modo da rendere più facile ed immediato la possibilità di liberarsi degli inetti e dei delinquenti(vedi la possibilità di licenziare i dirigenti pubblici come stabilito nel nuovo DL sulla riorganizzazione della amministrazione pubblica). certamente non tutto può essere fatto al meglio, ma almeno, dopo 20 anni di inettitudine), Renzi ci sta provando.
    comunque rimane il problema fondamentale, i cittadini del sud devono iniziare a ragionare non in termini di favoritismi, ma di diritti e doveri. quindi quando vanno a votare non pensino solo al loro orticello, ma al campo di tutti.
    comunque grazie per la sua attività di denuncia, primo o poi ci sveglieremo.
    Antonino Sorrentino

  4. Matteo Renzi è arrabbiato con il suo staff organizzativo perchè gli avevano promeesso uno spot plubicitario per il sud ; ma il suo staff è carente di inventive pertanto non ha potuto fare niente per il sud ma per il resto d’Italia ha fatto tanti spot.

  5. È ora che il sud si dia una svegliata e faccia da solo come fanno le altre realtà altrimenti se aspetta la mamma che torna a imboccarlo rimarrà sempre indietro.

    Perché dovete dipendere sa qualcuno?
    Ci vuole tanto a capirlo?
    Sono sicuro che qualche nuovo politico da quelle parti avrà esattamente queste idee e farà la differenza.

    Avete risorse pazzesche, se solo sapeste sfruttarle non avreste neanche bisogno di qualcuno che fa qualcosa per voi.
    Sveglia!

    Saviano non fare il populista!

  6. Mafia, camorra, ndrangheta, sacra corona unita, mafia capitale, omertà, boss rispettati e onorati, popolazione che interviene per difendere i delinquenti dalla Polizia, mentalità per cui uccidere è più onorevole che subire le corna o gli affronti, perenne attesa che lo SStato faccia qualcosa che invece dovrebbe essere fatto, in primis, dai cittadini etc. etc. Sig. Saviano incolpare lo Stato di trascurare il Sud è solamente un sotterfugio per nascondere i veri mali del Mezzogiorno e per cercare di ottenere denaro che, come in passato, beneficerebbe la criminalità ma non la popolazione. Rimboccarsi le maniche,dichiarare guerra alla criminalità (tutte le guerre di liberazione sono sanguinose ma vanno combattute), cambiare mentalità sono queste le cose da fare poi lo Stato potrà intervenire per dare una mano in modo efficace. Auguri a tutti coloro che subiscono questa situazione e vorrebbero cambiarla.

  7. Spett.le Renzi,
    e arrivata l’ora di aiutare anche il sud, specialmente i piu bisognosi di eta’ over 55 anni che non riescono ad inserirsi nel mondo del lavoro:
    ma si rende conto che il sud viene ignorato dal governo? noi siamo anche esseri umani come quelli del nord, qui non ce differenza e ce’ bisogno veramente di aiutare il sud, molti padri di famiglia sono in difficcolta’ economica non possono neanche mettere il piatto sulla tavola e dare da mangiare ai loro figli, a questo lei sign. Renzi non ci pensa? non ha pieta’ e non le dispiace per nulla che gli over padri 55 enni si vanno suicidando e ce un continuo di suicidio; ma si mette nei panni miei, se lei era nella stessa difficcolta’non chiedeva anche lei a qualcuno gli aiuti? ma lei e un uomo benestante,pensa solo al suo benessere, lei puo mangiare e stramangiare e ricco che neanche lei sa cosa deve fare con il suo stipendio elevatissimo, dia lei un aiuto ai disoccupati,!se si dispiace per loro,ma se lei fa un grande taglio ai stipendi d’oro e recupera dalle altre tasse inutili i soldi entrano per poter dare un reddito minimo ai over 55 enni, si faccia presto una riforma di legge del reddito minimo ai over 55 enni, che ha proposto il presidente Tito Boeri non lasci il sud ignorando qui tito boeri ha ragione si dia una fretta per questo reddito minimo. grazie

  8. Perchè accanirsi sempre contro il Sud con le solite frasi di : camorra, drangheta, mafia, sacra corona unita, piangersi addosso, ecc.ecc.ecc..? Qui sono tanti i giovani in cerca di una occupazione e, se casomai, qualcuno ci riesce, deve presto vedersela con il suo datore di lavoro, niente diritti solo doveri, tutto precario, non parliamo poi di contributi previdenziali! Zero…….Allora io mi chiedo: è la gente del Sud che deve svegliarsi, cambiare realtà di vita, piangersi addosso ecc. ecc.o è lo Stato che deve intervenire veramente e punire tutti coloro che creano queste condizioni? Sto parlando di tanti giovani che vorrebbero solo restare al Sud, lavorare con tutti i doveri, ma anche con i diritti!!!! Perciò dico al Sig, Renzi di fare veramente qualcosa di concreto per il Sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *