Roma. Paura in metro: fermato ucraino armato di fucile “giocattolo”

Roma, 17 marzo 2016 – Paura oggi alla fermata Flaminio della metro A di Roma dove un giovane ucraino di 24 anni è stato fermato da militari dell’Esercito mentre vagava, visibilmente ubriaco, tra i pendolari, con un fucile giocattolo ad aria compressa sotto la maglietta, con in tasca diverse munizioni calibro 12 da caccia.

L’episodio è avvenuto alle 8.30 circa del mattino. A lanciare l’allarme alcuni pendolari che si trovano sulla banchina dove l’uomo vagava col fucile e che hanno gridato “Aiuto, c’è un uomo armato”. Subito l’intervento dei militari che presidiano la metro, che lo hanno bloccato e disarmato. Sul posto è intervenuta la polizia a cui i militari dell’esercito hanno consegnato l’uomo, probabilmente senza fissa dimora, e con diversi precedenti penali.

Il 24enne ucraino è stato poi condotto negli uffici del commissariato Villa Glori, dove è stato denunciato per porto abusivo di arma e procurato allarme.

Un episodio simile era già accaduto nel mese di gennaio quando fu fermato, alla stazione Termini di Roma, un uomo di 44 anni, un pizzaiolo che fu ripreso dalle telecamere di sorveglianza mentre camminava in stazione con un fucile giocattolo. si è poi scoperto che era semplicemente un regalo per il figlioletto.

Anche la vicenda di oggi fa capire quanto sia alta la tensione e come stia influendo il fattore “paura terrorismo” sui cittadini, ma sottolinea anche la prontezza dei controlli oltre che la tempestività degli interventi dei militari in presidi così sensibile in un momento di forte tensione internazionale per le palesi minacce dell’Isis al nostro Paese, in particolare a Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *