Sanità. Per curarsi si ricorre al prestito: dai trattamenti dentali a quelli estetici

Roma, 18 gennaio 2016 – Lo stato del nostro sistema sanitario costringe sempre di più le persone a doversi indebitare per curarsi. Da un’analisi su 20 richieste di finanziamento, condotta da Facile.it in collaborazione con Perstiti.it è, infatti, emerso che in sei mesi sono stati erogati ben 28mila euro di prestiti per pagare le spese mediche.

Prestiti che non solo vanno a coprire cure necessarie, come ad esempio quelle dentistiche, ma anche trattamenti di bellezza ed interventi di chirurgia estetica. Secondo l’analisi (giugno-novembre 2015), quasi il 4% delle richieste di finanziamento aveva come finalità “spese mediche” e l’importo medio richiesto per potersi curare è di circa 6mila euro, che viene restituito, solitamente, nell’arco di cinque anni.

Un altro dato rilevante è che l’11% delle richieste di prestiti per spese sanitarie proviene da pensionati. Anche le donne (39%) ricorrono al prestito per cure mediche scegliendo il pagamento rateale, anche se normalmente il 75% delle richieste di erogazione prestiti proviene dagli uomini.

Per quanto riguarda la provenienza delle richieste di prestiti, l’incidenza più alta si registra nelle regioni Toscana e Friuli Venezia Giulia (6%), mentre in Campania e Puglia si fa meno ricorso al prestito per coprire le spese sanitarie (2%).

“Il ricorso a questa tipologia di finanziamento è ormai alquanto comune anche nel nostro Paese perché quando è difficile garantire cure sanitarie e assistenziali adeguate per sé e per la propria famiglia, dilazionare le spese nel tempo è una soluzione molto valida. Certamente migliore della rinuncia a controlli e interventi necessari”

spiega Mauro Giacobbe, amministratore delegato di Facile.it.

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *