Sciopero dei trasporti a Roma. Usb denuncia l’Atac in procura. Marino: “assunzione di 200 nuovi autisti a giugno”

Roma, 10 giugno 2015 – Uno sciopero dei trasporti a Roma è previsto per oggi per quattro ore dalle 11.30 alle 15.30. A fermarsi saranno i mezzi Atac e anche i treni locali.

[easy_ad_inject_1] La protesta, indetta da Orsa e Fast, potrà provocare stop e rallentamenti sulla rete Atac di bus, filobus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Nord.

In una nota l’Atac chiarisce: “alle 11,30 alle 15,30 non sono garantite le corse di autobus, tram, filobus, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo. Durante lo sciopero, nelle stazioni metroferroviarie, potrebbero essere temporaneamente disattivati ascensori, scale mobili e montascale. In caso di sospensione, le linee A – B/B1 – C della metropolitana, saranno riattivate dopo le necessarie operazioni tecniche.Servizio regolare su rete RomaTpl, Trenitalia, Cotral e Ntv”

In una nota il sindaco di Roma Ignazio Marino annuncia “Da metà giugno al 31 dicembre 2015 Atac assumerà, a tempo determinato, 200 autisti. Questa è la risposta semplice e concreta di questa amministrazione che – appena possibile – potenzia i servizi ai cittadini, intervenendo laddove le sue aziende devono essere rafforzate, e migliorando nel contempo anche le condizioni dei lavoratori. Un’inversione di rotta rispetto al recente passato quando, anziché investire in autisti, macchinisti e controllori, Atac assumeva amministrativi senza neppure le qualifiche necessarie”.

Intanto il sindacato Usb, attraverso l’avvocato Carlo Guglielmi del Forum Diritti/Lavoro, ha presentato un esposto contro l’Atac per alcune norme del “Manuale dell’operatore di esercizio” consegnato ai dipendenti il 27 e 28 maggio.

Usb contesta all’azienda di trasporti che nel testo “si prevede l’obbligo per gli autisti di proseguire il servizio anche nei casi di guasti come l’avaria delle luci di stop, la rottura del clacson o dello specchietto laterale e persino del blocca porte”. “È appena il caso di ricordare – sottolinea l’Usb – come proprio a causa del difettoso funzionamento di tale dispositivo una giovanissima studentessa poco più di un anno fa è caduta da un mezzo dell’Atac riportando la parziale amputazione di un piede”.

Per Usb “queste disposizione aziendali non solo violano il codice della strada, ma mettono a grave repentaglio l’incolumità dei passeggeri e la salute e la sicurezza sul lavoro dei conducenti”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l’autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore..
Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *