You are here
Home > Salute > Settimana Mondiale del Glaucoma: fino al 12 marzo check-up gratuiti in oltre 70 città

Settimana Mondiale del Glaucoma: fino al 12 marzo check-up gratuiti in oltre 70 città

Fallback Image

Roma, 8 marzo 2016 – Il glaucoma è una degenerazione progressiva del nervo ottico, dovuta principalmente all’aumento della pressione oculare. Se non diagnosticato e curato in tempo, provoca una riduzione permanente del campo visivo, fino alla perdita della vista. E’ una malattia oculare curabile, la terapia si basa sull’utilizzo costante di colliri, ma è indispensabile una diagnosi precoce. In Italia si stima che ci sia circa un milione di italiani colpiti dal glaucoma, ma uno su due non sa di averlo.

Proprio per questo torna anche quest’anno la “Settimana Mondiale del Glaucoma” che si celebra dal 6 al 12 marzo si celebra in almeno 77 città italiane, con check-up oculistici gratuiti ed incontri informativi per prevenire la prima causa disabilità visiva al mondo. La “Settimana mondiale del glaucoma”, proposta dal Ministero della Salute è organizzata dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità – IAPB Italia onlus che ha lanciato la campagna sociale “C’è così tanto da vedere. Non perdere nulla: prevenire è semplice”.

Obiettivo della campagna è sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione e soprattutto ad eseguire controlli periodici dal medico oculista per poter diagnosticare in tempo la malattia che, spesso, si presenta senza sintomi. I check-up oculistici comprendono la misurazione del tono oculare (tonometria), analogamente a quello che avviene con gli pneumatici, la pressione degli occhi deve avere un valore né troppo basso né troppo elevato. Una pressione eccessiva danneggia il nervo ottico: il campo visivo si restringe progressivamente fino a diventare ipovedenti o ciechi. Il check-up oculistico gratuito, che include la misurazione della pressione dell’occhio, si svolge in più di 30 città a bordo di Unità mobili oftalmiche – speciali camper attrezzati – e in alcuni ambulatori oculistici.

“In Italia sono circa un milione le persone malate di glaucoma e solo la metà ne è a conoscenza. Il glaucoma è una malattia che, se diagnosticata in tempo utile, può essere curata e controllata”, spiega Giuseppe Castronovo, presidente della Iapb.

Il glaucoma è una malattia subdola, che nelle fasi iniziali può colpire senza dare sintomi. Si stima che ne siano affette oltre 55 milioni di persone nel mondo, quasi quanto l’intera popolazione italiana. Sono principalmente coloro che hanno più di 40 anni che possono manifestare la patologia, il più delle volte associata a una pressione oculare troppo alta che danneggia il nervo ottico. In Italia ne soffre circa mezzo milione di persone, ma una su due ancora non lo sa. Da qui parte un grande impegno per la prevenzione, che deve essere basata sui controlli oculistici periodici, comprensivi della misurazione del tono oculare (ossia della pressione dell’occhio).

Tra i fattori di rischio la pressione intraoculare è il più importante, insieme alla familiarità. Altri fattori sono miopia, emicrania, ipotensione arteriosa, diabete, malattie cardiovascolari.

La forma più frequente è il glaucoma cronico, una malattia subdola e quasi sempre asintomatica, (solo in una minoranza dei casi può dare cefalea o dolore al bulbo oculare), pertanto viene chiamato “il ladro silenzioso della vista”. Solo nelle fasi tardive, quando ormai il danno al nervo ottico è già avanzato, si manifestano evidenti difficoltà visive fino alla cecità. Importante è scoprire le alterazioni iniziali con specifici esami strumentali, come il campo visivo computerizzato, che evidenzia la perdita progressiva della visione periferica, e l’OCT, per valutare lo stato di salute delle fibre del nervo ottico.

Altra forma meno frequenti sono il glaucoma acuto, il glaucoma a bassa pressione, il glaucoma congenito, nei bambini, ed il glaucoma iatrogeno, dovuto all’uso prolungato di cortisone.

La diagnosi di glaucoma può essere effettuata soltanto dal medico oculista, con una serie di indagini semplici ed indolori: storia familiare, tonometria, cioè la misurazione della pressione oculare, esame del fondo oculare, esame del campo visivo, OCT. Dopo i 40 anni, quando iniziano le prime difficoltà nella visione da vicino, è indispensabile rivolgersi ad un medico oculista e controllare la pressione intraoculare, per diagnosticare per tempo una malattia familiare, asintomatica ed in aumento come il glaucoma.

Anche l’Associazione di Volontariato Medici Artisti A.M.A et Am.A., di cui è Presidente l’Oculista Vincenzo Pagliara, aderisce alla campagna di prevenzione del Glaucoma proposta dal Ministero della Salute, promuovendo uno screening con controllo gratuito della pressione oculare e distribuzione gratuita di materiale informativo.

Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top