Choc Radio Maria: Terremoto castigo divino per le offese alla dignità del matrimonio

Terremoto o ira divina. Energia rilasciata dallo spostamento e assestamento della crosta terrestre o punizione di Dio Padre Onnipotente Misericordioso? Beh su questo evidentemente ci sono visioni contrastanti tra la scienza e la teologia (o almeno parte di essa). Leggi tutto “Choc Radio Maria: Terremoto castigo divino per le offese alla dignità del matrimonio”

Usa: polizia uccide nero a Baltimora. Charlotte: Keith Scott forse disarmato

Mentre a Charlotte continuano le proteste della comunità afroamericana per l’uccisione di Keith Scott da parte della polizia, arrivano ancora notizie di neri caduti sotto i colpi delle Beretta 7.75 della polizia USA, questa volta da Baltimora, città dello Stato del Maryland dove la polizia ha ucciso nel corso di una sparatoria un afroamericano durante un inseguimento. Un suo amico considerato complice, anche lui nero, è stato arrestato.

A quanto si apprende i due erano in un’auto che gli agenti avevano fermato perché sospettati di aver rapinato una banca a circa 7 km di distanza. Da quel momento è partito l’inseguimento poi la sparatoria. Tuttavia non sarebbe stato ancora accertato se i due afroamericani fossero armati. Uno dei poliziotti indossava una telecamera che avrebbe registrato i momenti dell’azione.

Intanto da Charlotte, in North Carolina, si apprende che Keith Scott era disarmato. Lo dimostrerebbe un video girato dalla moglie durante l’omicidio e le immagini sono state pubblicate sul sito del New York Times.
Il video non mostra immagini ravvicinate, ma si sente la donna urlare ripetutamente: “Non sparate, è disarmato!” e poi dice: “Non ha fatto nulla. Non ha una pistola, non vi farà nulla. Keith, scendi dall’auto!”,prima che si sentano diversi spari. E ancora la donna: “Avete sparato?”.

Eurostat. Povertà: in Italia più poveri che in tutta Europa

Roma, 14 aprile 2016 – Sono dati sconcertanti quelli diffusi dall’Eurostat sulla povertà in Europa nel 2015. Il nostro Paese risulta avere più poveri fra tutti gli altri paesi europei: sono quasi 7 milioni gli italiani ridotti in povertà, precisamente 6,982 milioni, il doppio della Germania (3,974 mln e il triplo della Francia (2,824 mln).

L’Eurostat comunica (nonostante i dati negativi in Italia che segnano una discesa solo marginale passando dall’11,6% all’11,5%), che il tasso di povertà in Europa inizia a segnare una discesa sensibile. Dai dati raccolti emerge, infatti, che nel 2015 l’8,2% della popolazione, circa 41 milioni di cittadini dell’Unione Europea hanno vissuto in gravi privazioni materiali, il che significa che avevano condizioni di vita limitate da una mancanza di risorse tali da non poter permettersi di pagare le bollette, mantenere la loro casa in modo adeguato al caldo, o fare una settimana di vacanza.

Cala in Europa anche il numero di persone gravemente indigenti, continuando la sua tendenza al ribasso dal suo ultimo picco nel 2012 ((9,9%).

Le famiglie con figli a carico sono colpiti più delle famiglie senza figli, l’8,3% delle famiglie con due e più adulti con bambini soffrono di gravi privazioni materiali, rispetto al 6,0% per quelli senza bambini. Ma la povertà colpisce anche, e molto di più, i genitori ‘single’ (17,3% del totale Ue) e gli adulti senza compagno (11%).

“come si può vedere, gravi privazioni materiali influiscono anche sulle famiglie con un solo adulto o su nuclei composti da almeno due adulti”, sottolinea l’Eurostat.

Smog Milano, calano i livelli di inquinamento ma restano oltre limiti

Milano, 1 gennaio 2016 – A Milano inizia lo smog ha segnato nelle ore scorse un calo drastico ma resta comunque sopra i livelli oltre i limiti.

Nell’ultimo giorno del blocco della circolazione il livello dei pm10 erano calati ma sono restati comunque sempre sopra i limiti, per il 36mo giorno consecutivi.

Nel giorno del 30 dicembre le centraline di Arpa Lombardia hanno certificato un consistente abbassamento dei livelli degli agenti inquinanti. Il Pm10 è sceso a ridosso dei limiti di legge.

Nella giornata di ieri sono stati vietati botti e fuochi d’artificio che contribuiscono ad aumentare i livelli di smog.

Roma. Protesta risparmiatori Banche. Lettera al Papa:”Confidiamo in Lei”

Roma, 22 dicembre 2015 – A Roma i risparmiatori vittime del provvedimento “salvabanche” protestano contro Governo e Bankitalia, per i danni provocati dal provvedimento.
Partecipano alla protesta aderenti al Comitato Vittime Salva Banche, Adusbef e Federconsumatori.

La cronaca registra circa 200 persone che stanno protestando in via Nazionale davanti al Palazzo delle Esposizioni. I manifestanti si sono poi spostati davanti a Palazzo Koch, sede della Banca d’Italia e chiedono di incontrare il governatore Ignazio Visco.

“Ci sentiamo raggirati e truffati”, dicono tanti di loro. Partecipano anche le associazioni dei consumatori.

In una lettera indirizza a Papa Francesco i risparmiatori scrivono: “Confidiamo in Lei caro Papa Francesco, per aiutarci a far comprendere a governanti sordi e ciechi, a tecnocrati, cleptocrati europei di Troika e Bce che stanno portando il mondo verso la catastrofe,che non può essere il paradigma dell’arbitrato affidato a foglie di fico a restituirci la dignità, ma il risarcimento integrale dei nostri beni espropriati”.