You are here
Home > Salute > Alcol, cibo spazzatura e binge drinking: è allarme tra i giovani

Alcol, cibo spazzatura e binge drinking: è allarme tra i giovani

Fallback Image

Roma, 16 luglio 2015 – Cibo spazzatura, fumo, alcol, stile di vita inadeguato si diffondono sempre di più tra i giovani, in particolare tra gli adolescenti. Lo stile di vita di giovani e adolescenti, nel nostro Paese, sta subendo numerose modifiche negli ultimi decenni. In particolare i giovani d’oggi sono andati sempre più incontro sia ad una alimentazione ipercalorica, ricca di grassi e povera di fibre, che ad un uso inadeguato di bevande alcoliche, sia per quanto riguarda la quantità di etanolo che la modalità di assunzione dello stesso.

[easy_ad_inject_1]Secondo una recente ricerca sull’impatto dell’alcol nei giovani Laziali, condotto su oltre 2700 studenti di licei a Roma Frosinone e Latina, si è osservato un drammatico incremento di uso-abuso di bevande alcoliche nel fine settimana con modalità del binge drinking.

Il dato è ancora più preoccupante se consideriamo che questo stile di vita interessa sia gli adolescenti nella fascia a rischio 14-19 anni che il sesso femminile. La prevalenza di uno stile di vita inadeguato e di un eccessivo uso di bevande alcoliche in giovani ed adolescenti risente di livello sociale, abitudini di vita e caratteristiche regionali.

La ricerca condotta dalla Fondazione Italiana Ricerca in Epatologia (FIRE – Onlus), è stata finanziata dalla Fondazione Roma, da sempre attiva nel settore della Sanità e della Ricerca scientifica su più linee di intervento, dalla ricerca in campo medico a quella in ambito socio-economico.

L’analisi è stata fatta su un campione di oltre 2700 ragazzi iscritti ai Licei di Roma, Latina e Frosinone di età compresa tra i 14 ed i 19 anni, che hanno aderito all’iniziativa. Lo scopo della ricerca era quello di analizzare lo stile di vita, le conoscenze sulla corretta alimentazione, l’assetto psicologico e il consumo di bevande alcoliche tramite questionari assolutamente anonimi.

Dai dati raccolti è emerso che il 70% dei ragazzi intervistati ha detto di bere, anche se saltuariamente, il 28% beve qualche giorno a settimana, il 2% tutti i giorni, mentre il 9% tra i 18 e i 20 anni è già alcoldipendente.

Per non parlare poi delle abbuffate alcoliche, la cosiddetta moda del binge drinking, cioè bere alcolici uno dietro l’altro nel corso della serata “di sballo totale”. Il 60% dei liceali intervistati ha infatti dichiarato di aver partecipato almeno una volta all’abbuffata alcolica.

“Hanno lo scopo di ottenere un’ubriacatura nonché la perdita di controllo, diventano un fattore di rischio importantissimo per lo sviluppo sia di problemi alcol-correlati che di alcoldipendenza”

ha dichiarato Antonio Gasbarrini, docente di gastroenterologia alla Cattolica di Roma e autore dello studio.

[easy_ad_inject_2]

Similar Articles

Lascia un commento


Top