Studentessa cinese morta: i due nomadi patteggiano furto con strappo

Hanno patteggiato il reato di furto con strappo i due nomadi che lo scorso dicembre, a Roma, derubarono una studentessa cinese, Zhang Yao, finita sotto un treno mentre li rincorreva per riprendersi la sua borsa.

Il Gup ha condannato i due nomadi, entrambi ventenni, a due anni e diciotto mesi. La giovane studentessa si trivava a Roma per studiare arte e di lei si erano perse le tracce quando i due malfattori le rubarono la borsa mentre si trovava nei pressi della questura per ritirare il permesso di soggiorno.

La giovane nel rincorrerli fece in tempo a telefonare ad una sua amica per avvisarla che le avevano rubato la borsa e stava rincorrendo i ladri quando improvvisamente la chiamata si troncò.

Zhang Yao fu rotrovata diversi giorni dopo la sua scomparsa lungo i binari morta al passaggio di un treno che l’aveva sbalzata via a diversi metri dalle rotaie. La terribile scene fu ripresa dalle telecamere lungo i binari.

Autore: Mena Cirillo

Appassionata di divulgazione dal 2001 al 2009 ho collaborato con la testata giornalistica Salus.it e dal 2009 al 2011 con Italia News. Per contattarmi: notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *