You are here
Home > Esteri > Svizzera. Siriano evade dal carcere aiutato da una guardia: i due amanti in fuga

Svizzera. Siriano evade dal carcere aiutato da una guardia: i due amanti in fuga

Fallback Image

Zurigo (Svizzera), 11 febbraio 2016 – Hassan Kiko, 27 anni, è riuscito ad evadere dal carcere di Limmattal, nel Canton Zurigo, in Svizzera, grazie all’aiuto di una guardia carceraria che si è innnamorata di lui. L’uomo condannato a quattro anni per lo stupro di una adolescente di 15 anni fuori da un locale a Schlieren, è evaso nella notte tra lunedì e martedì.

Ad aprirgli la porta della cella Angela Magdici, 32 anni, spprofittando della pausa del suo collega, ed è poi fuggita con il prigioniero. I due amanti, ricercati dalla polizia di tutta Europa, sono ora in fuga e secondo il marito della donna sarebbero diretti in Siria.

Soltanto al mattino con l’arrivo delle guardie carcerarie di turno, si sono accorti che il prigioniero era evaso. Nei confronti dei due in fuga è stato emesso un mandato di cattura internazionale.

Secondo le prime indiscrezioni, i due sarebbero fuggiti a bordo di una Bmw nera di proprietà della donna. Secondo quanto emerge dalle indagini, tuttora in corso, Angela Magdici e Hassan Kiko sono fuggiti verso l’Italia, il cui confine è a meno di 250 Km dal carcere.

Il marito della donna, dalla quale sta divorziando, non riesce a dare una spiegazione del suo comportamento e del perché avrebbe preso parte alla fuga anche se aveva notato dei cambiamenti in lei negli ultimi tre mesi nel corso dei quali non avrebbe avuto più sue notizie dopo la sua richiesta di divorzio. L’uomo ha raccontato ai media svizzeri che la donna, poco prima della separazione, aveva iniziato ad interessarsi al Corano e si documentava molto sulla situazione in Siria, molto probabilmente si era convertita all’Islam.

Roland Zurkirchen, il direttore del carcere di Limmattal a Dietikon, ha detto di non essere a conoscenza della storia d’amore tra il prigioniero e la guardia carceraria, ma la sicurezza nella prigione non è in questione in quanto la donna si è approfittata della pausa del collega per darsi alla fuga con il condannato.

Mena Cirillo
Appassionata di divulgazione dal 2001 al 2009 ho collaborato con la testata giornalistica Salus.it e dal 2009 al 2011 con Italia News. Per contattarmi: notizie@notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top