Gdf, maxi sequestro di sigarette di contrabbando a Caserta. 14 arresti

Un maxi sequestro di sigarette di contrabbando è stato messo a segno a Caserta ad opera della Polizia Tributaria locale diretti dal colonnello Luca Gennario Cioffi.

I finanzieri hanno rinvenuto le sigarette in un Tir in un magazzino di Teverola, ben nascosti nei rulli destinati ai fili elettrici. Invece dei cavi nelle bobine vi erano casse piene di sigarette destinate al contrabbando sulle bancarelle sparse tra Napoli e Caserta. Leggi tutto “Gdf, maxi sequestro di sigarette di contrabbando a Caserta. 14 arresti”

Ragazzo di 20 anni ucciso a Caserta. “Stavano giocando alla roulette russa”

Svolta nelle indagini per la morte di Marco Mongillo, 20 anni, morto venerdì sera con un colpo di pistola alla testa.

Un ragazzo di 19 anni, Antonio Zampella, è stato fermato dai carabinieri della compagnia di Caserta per l’omicidio di Marco Mongillo.

Secondo quanto si apprende dalle agenzie, il giovane, avrebbe confessato ai militari di aver fatto fuoco durante una sorta di gioco, una roulette russa, nel corso del quale aveva puntato per spavalderia l’arma in testa alla vittima, facendo poi partire il colpo fatale.

Il brutale omicidio è avvenuto in un appartamento del Rione Rosalia in via Cappuccini 29. I carabinieri di Caserta sono intervenuti sul posto e dopo una perlustrazione hanno rinvenuto una pistola con colpo in canna vicino alla rampa di scivolo del garage del palazzo.

Terremoto 3.5 a Caserta e 2.0 ad Ascoli Piceno. Sisma in Campania e nelle Marche il 28 giugno 2016.

I terremoti del 28 giugno 2016: ecco tutte le informazioni sulle scosse di terremoto maggiori di 2.0 gradi richter registrate sulla terraferma oggi. Scossa 3.5 stanotte in Campania in provincia di Caserta a Marzano Appio seguita da una scossa minore meno di tre minuti dopo. Scossa stamattina 2.0 ad Ascoli Piceno ad Acquasanta Terme..

Terremoto stanotte 3.5 in Campania a Caserta alle 04:33:43 – Una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 gradi della Scala Richter è stata registrata dai sismografi dell’INGV in Campania in provincia di Caserta, nella notte di martedì alle 04:33:43 ad una profondità (ipocentro) di 7 km, con epicentro alle coordinate 41.32, 14.03, a 37 Km a Nord Ovest di Caserta, nella zona di Marzano Appio a meno di dieci chilometri di raggio dai comuni di Tora e Piccilli, Conca della Campania, Caianello, Roccamonfina, Galluccio, Presenzano, Teano e Vairano Patenora.

La scossa è stata seguita da un secondo sisma di magnitudo 2.4 verificatosi nella stessa zona alle 04:36:06.

Terremoto stamattina 2.0 nelle Marche ad Ascoli Piceno alle 07:40:48 – Una scossa di terremoto di magnitudo 2.0 gradi della Scala Richter è stata registrata dai sismografi dell’INGV nelle Marche in provincia di Ascoli Piceno, nella mattina di martedì alle 07:40:48 ad una profondità (ipocentro) di 21 km, con epicentro alle coordinate 42.74, 13.44, a 23 Km a Ovest di Teramo, nella zona di Acquasanta Terme a meno di dieci chilometri di raggio dai comuni di Valle Castellana (TE) e Rocca Santa Maria (TE).

Non si segnalano danni a persone e cose.

Terremoto M2.0 a Reggio Calabria. Sisma in Calabria il 14 maggio 2016

Terremoti oggi sabato 14 maggio 2016 in Italia. Stamattina lieve scossa di terremoto 2.0 in Calabria a Reggio Calabria

Terremoto stamattina 2.0 in Calabria a Reggio Calabria alle 06:26:20- Una scossa di terremoto di magnitudo 2.0 gradi della Scala Richter è stata registrata dai sismografi dell’INGV in Calabria in provincia di Reggio Calabria nella mattina di sabato alle 06:26:20 ad una profondità di 8 km, con epicentro alle coordinate 38.15, 15.66, a 5 Km a Nord Est di Reggio di Calabria a meno di 10km di raggio da Calanna, Campo Calabro, Fiumara, , Laganadi, Villa San Giovanni, Sant’Alessio in Aspromonte e San Roberto.

Non si segnalano danni a persone e cose.

Terremoto M2.4 a Caserta. Sisma in Campania il 13 maggio 2016

Terremoti oggi venerdì 13 maggio 2016 in Italia. Stamattina scossa di terremoto 2.4 in Campania in provincia di Caserta

Terremoto stamattina 2.4 in Campania a Caserta alle 08:26:54- Una scossa di terremoto di magnitudo 2.4 gradi della Scala Richter è stata registrata dai sismografi dell’INGV in Campania in provincia di Caserta nella mattina di venerdì alle 08:26:54 ad una profondità di 10 km, con epicentro alle coordinate 41.34, 14.42, a 31 Km a N di Caserta nella zona di San Potito Sannitico (CE) a meno di 10km di raggio da Piedimonte Matese (CE), Castello del Matese (CE), Gioia Sannitica (CE), San Gregorio Matese (CE), Alife (CE), Cusano Mutri (BN) e Faicchio (BN).

Non si segnalano danni a persone e cose.

Terremoto a Capua (Caserta). Sisma 2.3 in Campania stamattina 30 novembre 2015

Caserta, 30 novembre 2015 – Un lieve terremoto di magnitudo 2.3 della scala Richter è stato registrato oggi in Campania in provincia di Caserta.

[easy_ad_inject_1] L’evento sismico è stato rilevato dai sismografi dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) stamattina 30 novembre 2015 alle 11:29:20 ora italiana ad una profondità (ipocentro) di 10 km.

L’epicentro è stato individuato alle coordinate 41.08, 14.18 a 12 Km a Nord di Aversa, 13 Km ad Ovest di Caserta e 17 Km a Nord di Giugliano in Campania, nel comune di Capua, a meno di dieci chilometri di raggio da San Tammaro, Santa Maria la Fossa, Santa Maria Capua Vetere, Grazzanise, Curti, Macerata Campania, San Prisco, Casaluce, Portico di Caserta, Villa di Briano, Casal di Principe, Casapulla, Frignano, San Cipriano d’Aversa, Teverola, Bellona, Vitulazio, San Marcellino e Carinaro.

 Se avete avvertito la scossa e volete lasciare una vostra testimonianza fatelo con un commento sotto.  [easy_ad_inject_2]

Camorra, blitz contro i Casalesi. Indagini rivelano sequestro di due fratellini per non far pentire il padre

Caserta, 10 novembre 2015 – Ha davvero dell’incredibile la storia dei due fratellini sequestrati dalla camorra emersa nel corso dell’inchiesta “Azimut” che oggi ha condotto aal’arresto di 19 persone affiliate al Clan dei Casalesi nel corso del blitz dei carabinieri di Caserta e del Ros.

[easy_ad_inject_1]Le indagini del Ros hanno, infatti,  rivelato che i figli di Massimo Alfiero, affiliato ai Casalesi, vennero sequestrati dal cognato che poi contattò sua sorella, la madre dei due bambini, e minacciò di fare del male ai piccoli se il padre si fosse pentito. Sarebbe stato questo, secondo la Procura Antimafia, il motivo per cui Massimo Alfiero decise di non collaborare con la giustizia, rimanendo detenuto, ancor oggi, al 41 bis.

Le ordinanze di custodia cautelare eseguite oggi sono state emesse dal Gip di Napoli nei confronti di capi e gregari del clan campano. I reati contestati sono di associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata a commettere estorsioni, sequestro di persona, detenzione e porto illegale di armi, intestazione fittizia di beni.

Dall’inchiesta denominata “Azimut” gli inquirenti sono riusciti a risalire ed individuare gli attuali capi e gregari del clan dei Casalesi, ma è emerso anche un altro fatto davvero inquietante ricostruito dalla Dda di Napoli: il sequestro di due bambini avvenuto nel 2010 per zittire il padre ma gli inquirenti ne sarebbero venuti a conoscenza solo nel 2013.

 

Nel corso del blitz sono stati sequestrati dai carabinieri del Ros anche beni per un valore di circa 34 milioni di euro , tra terreni e immobili.

[easy_ad_inject_2]

Tragedia a Piedimonte Matese, due operai morti per caduta ponteggio

Piedimonte Matese (Caserta), 1 novembre 2015 – Una tragedia sul lavoro è avvenuta a Piedimonte Matese, comune di 11.376 abitanti della provincia di Caserta in Campania dove due operai hanno perso la vita in seguito alla caduta di un ponteggio. Un terzo operaio pure lui coinvolto ha riportato soltanto qualche contusione.

[easy_ad_inject_1]A quanto si apprende, le vittime, Tammaro Albino, 48 anni di San Potito Sannitico, e Antonio Atzeri, 56 anni, di Gioia Sannitica, stavano lavorando da un paio di giorni ad montaggio di un ponteggio alla basilica di Santa Maria Maggiore dove è previsto un lavoro di risanamento conservativo.

Improvvisamente il ponteggio è caduto travolgendo i due operai. Non sono ancora note le cause della caduta dell’impalcatura. Sul posto sono confluite le ambulanze del 118 e dei vigili del fuoco.
Sul fatto indagano i carabinieri di Piedimonte Matese che intanto hanno posto i sigilli sull’intero cantiere ed insieme all’ispettorato del lavoro stanno cercando di capire se si tratta di una tragica fatalità o di un errore tecnico.
[easy_ad_inject_2]

Camorra, 6 arresti nel Casertano per corruzione aggravata dal metodo mafioso

Caserta, 5 ottobre 2015 – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta coordinati dalla DDA di Napoli, hanno eseguito sei misure cautelari, due in carcere e quattro agli arresti domiciliari, nei confronti di altrettante persone accusate del reato di corruzione, aggravato dal metodo mafioso.

[easy_ad_inject_1] L’indagine della Direzione Distrettuale antimafia, partita nel 2012 ha visto destinatari di provvedimenti restrittivi 57 indagati tra appartenenti alla criminalità organizzata, imprenditori, funzionari pubblici della sanità locale e esponenti del mondo politico.

Sequestrati anche beni per un importo di circa trenta milioni di euro.

[easy_ad_inject_2]

Camorra. Catturato ad Aversa latitante Ciro Manco del clan “Polverino”

[easy_ad_inject_1]Aversa, 3 ottobre 2015 – I Carabinieri del Nucleo investigativo di Napoli hanno catturato ad Aversa (Caserta) il latitante Ciro Manco, 52 anni, latitante e ricercato da due anni su cui pende una condanna a 30 anni di carcere.

Per gli investigatori il Manco sarebbe esponente di vertice del clan Polverino, ritenuto il clan di camorra tra più attivi nell’area Nord di Napoli.

A qunto si apprende su Manco pendeva anche una misura cautelare per associazione per delinquere di tipo mafioso e narcotraffico.

Il latitante conduceva una vita defilata, ed sarebbe stato individuato in un appartamento residenziale vicino ai comuni sotto influenza del clan.

[easy_ad_inject_2]