Terremoto oggi 3.1 a Mirabello (Ferrara). Sisma in Emilia Romagna il 26 aprile 2017

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 della Scala Richter è stata registrata oggi mercoledì 26 aprile 2017 in Emilia Romagna, in provincia di Ferrara, con epicentro a Mirabello. A quanto si apprende la scossa non ha causato danni a cose o persone. Leggi tutto “Terremoto oggi 3.1 a Mirabello (Ferrara). Sisma in Emilia Romagna il 26 aprile 2017”

Terremoti oggi a Castiglione dei Pepoli in provincia di Bologna. Sciame sismico in corso in Emilia Romagna il 25 marzo 2017

Uno sciame sismico è in corso da questa mattina in Emilia Romagna, in provincia di Bologna.
Per ora si sono registrate solo lievi scosse di magnitudo non superiori a 2.3 gradi della scala Richter.

La scossa di terremoto di maggiore intensità, pari a magnitudo 2.3 della Scala Richter è stata registrata stamattina sabato 25 marzo 2017 alle 08:43:29 ad una profondità di 9 km.

L’epicentro è stato individuato alle coordinate 44.16, 11.13, a 31 Km a Nord Est di Pistoia, con epicentro nel territorio di Castiglione dei Pepoli, in provincia di Bologna, a meno di dieci chilometri di raggio dai comuni di Camugnano, Castel di Casio e San Benedetto Val di Sambro.

E voi l’avete avvertito il terremoto? Scrivete un commento sotto.

La prima scossa di terremoto con magnitudo superiore a 2 gradi è stata registrata alle 08:40:01 con profondità di 10 km ed epicentro sempre a Castiglione dei Pepoli. Sono seguite altre 4 scosse l’ultima delle quali è stata registrata sempre stamattina alle 10:18:51.

Non si segnalano danni a persone e cose.

In Emilia Romagna è legge l’obbligo di vaccinare i bambini per l’iscrizione al nido. Presto anche nel Lazio

Bologna, 23 novembre 2016 – L’Emilia Romagna è la prima regione italiana ad aver approvato una legge che impone l’obbligo di vaccinare i bambini da 0 a 3 anni per poterli iscrivere al nido. La legge ha ricevuto non solo il plauso del premier Renzi, ma sembra sia destinata ad essere un buon esempio da seguire anche per le altre regioni. Leggi tutto “In Emilia Romagna è legge l’obbligo di vaccinare i bambini per l’iscrizione al nido. Presto anche nel Lazio”

Maltempo. Allerta Protezione Civile a Roma. Neve a Torino

La Protezione civile del Lazio ha lanciato un allerta meteo per la capitale dalla tarda mattinata di oggi e per le successive 12 ore.

Su Roma e Lazio sono “precipitazioni diffuse anche a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, forti raffiche di vento e locali grandinate. Si prevedono altresì venti da forte a burrasca dai quadranti meridionali, con rinforzi di burrasca forte, e mareggiate lungo le coste esposte” si legge nel bollettino.

Maltempo è previsto anche su gran parte delle regioni peninsulari, particolarmente su Campania e Puglia.

In Piemonte ha nevicato anche in pianura. In particolare Torino è imbiancata dalla neve per la prima volta in questa stagione.

Rimini. Operazione Idra. Camorra in Romagna: sei arresti per truffa, riciclaggio ed estorsione

Rimini, 1 marzo 2016 – La camorra non è solo un fenomeno circoscritto ad una determinata regione. Gomorra lo ha rivelato molti anni fa. La notizia che arriva dall’Emilia Romagna dimostra l’impegno dello Stato a non sospendere una guerra continua contro la criminalità organizzata.

Questa volta i militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale dei carabinieri di Rimini, dopo tre anni di indagine, hanno notificato sei arresti, tre obblighi di firma e undici denunce a piede libero emessi dal Gip del Tribunale di Rimini nell’ambito della operazione denominata “Idra” che ha permesso di svelare un intreccio tra Romagna e ambienti camorristici napoletani fatto di truffa, riciclaggio, estorsione e bancarotta fraudolenta.

Per gli arrestati l’accusa è di associazione per delinquere finalizzata all’estorsione, all’esercizio abusivo del credito, alla bancarotta fraudolenta nonché alla fittizia intestazione di beni a nome altrui e al trasferimento fraudolento di valori, concorso continuato nella truffa e nel riciclaggio.

L’indagine svolta dagli inquirenti evidenzierebbero rapporti di affari tra gli indagati, residenti in Romagna, ed esponenti dei clan camorristici di Napoli che gestivano un sistema di riciclaggio del denaro, provento delle attività illecite, con l’intestazione fittizia di quattro società da parte di alcuni prestanome, per le quali si sta procedendo al sequestro e alla successiva confisca, estesa anche a beni mobili ed immobili a loro facenti capo e considerati beni strumentali.

Nell’operazione sono stati anche sequestrati 126 mila euro in contanti, frutto di una truffa in danno di un cittadino russo.
Inoltre si sta procedendo al sequestro preventivo finalizzato alla confisca, dei beni degli indagati consistenti in 72 conti correnti, depositi vari e cassette di sicurezza, 2 appartamenti, 3 autovetture e 5 autocarri nonché le quattro società a loro riconducibili, con sede a Rimini, Fondi e Cesena, società il cui valore nominale delle quote ammonterebbe a 220.000 circa.

“Quella contro le infiltrazioni malavitose è una sfida che il nostro territorio ha raccolto e che vuole rilanciare. – ha dichiarato tra l’altro il sindaco di Rimini – Una battaglia lunga e difficile, che trova slancio grazie all’ennesima attività di successo portata a termine dalle forze dell’ordine, che anche oggi hanno raccolto un altro importante risultato con l’Operazione Idra, riuscendo a smantellare un sistema di riciclaggio di denaro frutto di attività illecite tra personaggi residenti in Romagna ed esponenti di clan camorristici campani. Un’operazione che ha visto impegnati i militari del Comando provinciale dei Carabinieri di Rimini ai quali va il mio ringraziamento e i miei complimenti a nome dell’intera comunità, per l’attenta e proficua attività investigativa conclusa oggi.”

Maltempo in Emilia Romagna. Allerta per il livello dei fiumi

Bologna, 29 febbraio 2016 – Continua a piovere anche in Emilia Romagna dove è scattato l’allarme della Protezione Civile in particolare per la situazione di alcuni fiumi e torrenti, soprattutto nella parte occidentale della Regione.

Allarme per i fiumi Panaro e Secchia e nel Modenese per il fiume Taro e i torrenti Enza, Parma, Stirone, Rovacchia, nel Parmense per il Riglio e lo Stirone nel Piacentino.
A Modena sono stati chiusi alcuni ponti e le scuole in alcuni comuni della provincia.

L’Agenzia Regionale della Protezione Civile consiglia ai cittadini di seguire l’evoluzione della situazione: sul web consultando le “Allerte di protezione civile” all’indirizzo http://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/servizi/allerte-avvisi-protezione-civile/ultimi-avvisi e gli aggiornamenti meteo sul sito di Arpa (http://www.arpa.emr.it/sim/).

Terremoto 2.3 in Emilia Romagna oggi 13 novembre 2015 a Lizzano in Belvedere (Bologna)

Bologna, 13 novembre 2015 – Una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.3 della scala Richter è stata registrata oggi in Emilia Romagna in provincia di Bologna ai confini con la provincia di Modena.

[easy_ad_inject_1] L’ evento sismico è stato registrato dai sismografi dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) stamattina 13 novembre 2015 alle 10:51:36 (ora italiana) ad una profondità (ipocentro) di 10 km.

L’epicentro è stato individuato alle coordinate 44.18, 10.89 a 27 Km a nord di Pistoia nel territorio del comune di Lizzano in Belvedere a meno di dieci chilometri da Gaggio Montano, Porretta Terme, Fanano e Granaglione.

Non si segnalano danni a persone e cose.

[easy_ad_inject_2]

Terremoto 2.1 e 2.3 in Emilia Romagna oggi 3 novembre alle 08:50 a Ferriere (Piacenza)

Piacenza, 3 novembre 2015 – Due lievi scosse di terremoto di magnitudo 2.1 e 2.3 della scala Richter sono state registrate oggi in Emilia Romagna ai confini con la Liguria tra le province di Piacenza e Genova.

[easy_ad_inject_1] Il primo evento sismico è stato registrato dai sismografi dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) stamattina 3 novembre 2015 alle 08:50:12 (ora italiana) ad una profondità (ipocentro) di 9 km.

L’epicentro è stato individuato alle coordinate 44.63, 9.49 a 49 Km a sud ovest di Piacenza e 51 Km a est di Genova nel territorio di Ferriere (Piacenza) a meno di dieci chilometri da Santo Stefano d’Aveto (Genova)

Non si segnalano danni a persone e cose.

Aggiornamento: Una seconda scossa di magnitudo 2.3 ha interessato la stessa zona alle 10:37:03. La profondità del sisma registrato è di 11 Km.

[easy_ad_inject_2]

Terremoto 2.5 a Bologna in Emilia-Romagna oggi alle 14:15

Bologna, 23 ottobre 2015 – Una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.5 della scala Richter è stata registrata oggi pomeriggio in Emilia-Romagna in provincia di Bologna vicino a Porretta Terme e Sestola.

[easy_ad_inject_1] L’evento sismico è stato registrato dai sismografi dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) oggi 23 ottobre 2015 alle 14:15:59 (ora italiana) ad una profondità (ipocentro) di 10 km.

L’epicentro è stato individuato alle coordinate 44.17, 10.88 nel territorio tra Porretta Terme e Sestola, a meno di 10 km da Lizzano in Belvedere, Gaggio Montano, Fanano e Granaglione, in provincia di Bologna.

Non si segnalano danni a persone e cose.

[easy_ad_inject_2]

Terremoto 3.5 a Mirandola tra Modena e Ferrara ieri 20 ottobre 2015

Modena, 21 ottobre 2015 – Una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 della scala Richter è stata registrata ieri in Emilia Romagna in provincia di Modena con epicentro a Mirandola.

[easy_ad_inject_1] Il sisma è stato registrato dai sismografi dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) nella mattina di ieri 22 ottobre 2015 alle 12:35:50 (ora italiana) ad una profondità (ipocentro) di 7 km.

L’epicentro è stato individuato alle coordinate 44.9, 11.11 a 4 Km a nord di Mirandola, nella provincia di Modena a meno di dieci chilometri da Medolla, San Felice Sul Panaro, San Giovanni del Dosso, San Possidonio, Cavezzo, Poggio Rusco, Concordia Sulla Secchia e San Giacomo Delle Segnate.

Non si segnalano danni a persone e cose.

Come segnalare un terremoto – Per chi ha avvertito il terremoto l’Istituto Nazionale di Geofisica riceve direttamente segnalazioni con il nuovo servizio “Hai sentito il terremoto“.

Se avete avvertito il terremoto o volete lasciare una testimonianza aggiungete un commento al box sotto.
[easy_ad_inject_2]