Bollette luce e gas, da gennaio 2017 scatta aumento: +0,9% e +4,7%

2017 quanto mi costi. Mancano pochi giorni al nuovo anno e già le famiglie italiane si troveranno a fare i conti con nuovi aumenti che scatteranno proprio da gennaio. Salgono, infatti, le bollette di luce e gas, rispettivamente dello 0,9% e del 4,7% a causa dell’aumento del prezzo del petrolio. Leggi tutto “Bollette luce e gas, da gennaio 2017 scatta aumento: +0,9% e +4,7%”

Da gennaio calano le bollette: – 1,2% per l’elettricità e – 3,3% per il gas

Roma, 29 dicembre 2015 – La notizia di un calo del costo delle bollette è certamente rara in un sistema dove l’inflazione è normale.
Eppure, al netto della tassa sul canone rai, dal primo gennaio 2016 per la ‘famiglia tipo’ il costo delle bollette si ridurrà dell’1,2% per l’elettricità e del 3,3% per il gas.

E’ quanto previsto dall’Autorità per l’Energia che ha varato l’aggiornamento delle tariffe. Al via anche le riforme collegate al nuovo periodo di regolazione per le infrastrutture a rete.

Per l’Autorità, la “famiglia tipo” ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all’anno e una potenza impegnata di 3 kW; per il gas i consumi sono di 1.400 metri cubi annui.

“Dal 1° gennaio 2016 doppio ribasso per le bollette dell’energia. Per la famiglia-tipo la bolletta dell’elettricità registra infatti un calo del -1,2%, mentre per la bolletta gas la diminuzione sarà ancor più decisa, con un -3,3%, confermando risparmi complessivi nei 12 mesi per quasi 60 euro.” si legge nel comunicato dell’Autorità.

“E’ quanto prevede l’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori in tutela per il primo trimestre 2016.” continua.

Spesa e risparmio per l’elettricità: “Per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (1° aprile 2015- 31 marzo 2016) sarà di circa 505 euro, con un calo del -1,4% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° aprile 2014 – 31 marzo 2015), corrispondente ad un risparmio di circa 7 euro. Per il gas la spesa della famiglia tipo per lo stesso periodo sarà di circa 1.093 euro, con una riduzione del -4,4%, corrispondente a un risparmio di circa 50 euro rispetto all’anno scorrevole. Il risparmio complessivo nei 12 mesi dell’anno scorrevole per elettricità e gas sarà quindi di 57 euro per famiglia tipo.” precisa l’Autorità.

Arriva la nuova bolletta 2.0: “Con la fatturazione dei primi consumi del nuovo anno per tutti è in arrivo anche la ‘bolletta 2.0’, più semplice e chiara: un solo foglio con tutti gli elementi essenziali di spesa e di fornitura ben evidenziati, con un format più snello, moderno e termini semplificati. Una novità che arriverà anche sui nostri computer-tablet-smartphone per chi la riceverà on line. E proprio per chi, ancora in Tutela, sceglierà di ricevere la bolletta in formato elettronico con addebito automatico sul proprio conto è stato previsto un ulteriore sconto di circa 6 euro all’anno, sia per l’elettricità che per il gas. Una riduzione in linea con quanto già previsto da alcune offerte del mercato libero.”

Perché cala l’energia elettrica? “Nel I trimestre del 2016 il ribasso per l’energia elettrica è sostanzialmente dovuto ad un forte calo dei costi complessivi per l’approvvigionamento della “materia energia” che riflette le dinamiche di prezzo sul mercato all’ingrosso, ad un leggero adeguamento al ribasso degli oneri di sistema e ad un lieve ribasso delle tariffe di trasmissione, distribuzione e misura; cali in parte controbilanciati da un aumento delle componenti relative all’attività di commercializzazione della vendita al dettaglio”.

Perché cala il costo della bolletta del gas? – “Anche per il gas la decisa riduzione è sostanzialmente dovuta al forte calo della componente materia prima che riflette l’andamento dei mercati e, in particolare, le aspettative al ribasso riflesse nelle quotazioni a termine nei mercati all’ingrosso in Italia e in Europa per il prossimo trimestre (con prezzi previsti inferiori di oltre il 10% rispetto alle attese incorporate nei prezzi rilevati solo tre mesi fa con riferimento allo stesso periodo, invertendo anche la normale ciclicità legata alla stagionalità). Cali che grazie alla riforma gas dell’Autorità del 2012, capace di intercettare subito i segnali di prezzo all’ingrosso, vengono immediatamente trasferiti ai consumatori finali, con effetti particolarmente significativi in occasione dei più alti consumi invernali. In leggero calo anche le tariffe di distribuzione e misura e i costi per il trasporto. ”

Per approfondimenti qui il comunicato completo dell’Autorità per l’Energia

Energia pulita dagli agrumi: creato il primo impianto a Catania

Catania, 13 aprile 2015 – Creare energia pulita utilizzando gli scarti degli agrumi, questo l’obiettivo del primo impianto sperimentale a biogas prodotto dal “pastazzo” di agrumi, progettato e realizzato a Catania dalla Cooperativa Empedocle. Il pastazzo di agrumi è ciò che rimane dalla spremitura degli agrumi che, se opportunamente trattato, può diventare energia, vale a dire biogas e quindi elettricità e calore.

L’impianto, nato con l’intento di venire incontro alle esigenze dei principali attori della filiera agrumicola siciliana riuniti all’interno del Distretto Agrumi di Sicilia, è stato avviato nel 2014 e realizzato grazie alla collaborazione dei ricercatori del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania insieme alla Cooperativa Empedocle, che hanno avuto il compito di individuare i processi industriali più adatti per il riutilizzo del pastazzo.

[easy_ad_inject_1]Si tratta di un primo e significativo passo verso un corretto e biosostenibile metodo per trattare gli scarti delle produzioni industriali che, al posto di essere smaltito (procedura che ha sulle aziende produttrici un impatto economico non indifferente) viene qui utilizzato per produrre energia pulita. Va da sé che il cosiddetto pastazzo passa da rifiuto a materia prima per ottenere biomassa che produce energia rispettando l’ambiente.

L’impianto, realizzato a Catania, inaugurato il 10 aprile scorso, al momento, ha la capacità di attivare un generatore in grado di produrre 1 MW di energia elettrica e circa 500 metri cubi di biogas, ed è in grado di soddisfare il fabbisogno energetico di 333 famiglie.

Attualmente, il pastazzo, lo scarto della lavorazione industriale degli agrumi (pensiamo a tutti gli scarti che derivano dalla produzione dei succhi di frutta), rappresenta circa il 60% del quantitativo totale trattato. Stando ai calcoli fatti dai ricercatori si tratta di circa 340mila tonnellate all’anno che, per essere trattate come rifiuti, costano alla filiera produttiva 10 milioni di euro all’anno.

L’impianto sperimentale di energia pulita, spiegano i ricercatori, sfrutta la quantità di digestione anaerobica per produrre energia elettrica, biometano, bioprodotti e nutrienti per il terreno.

L’obiettivo ora è quello di poter estendere il progetto a tutta la Regione Sicilia. Si ipotizza che per utilizzare tutti gli scarti prodotti della filiera agroalimentare in Sicilia, basterebbero in tutto 20 impianti sparsi in tutta la Regione.

“Questo è un progetto che ha molteplici risvolti positivi. Il primo è quello di aver acceso i riflettori su un problema reale legato al riutilizzo di un sottoprodotto, il pastazzo, che da fattore critico ha tutte le potenzialità per divenire risorsa. Secondo: ha favorito il dialogo tra pubblico ed il privato. Terzo: questo progetto ha dato valore all’innovazione di sistema proposta dal Distretto degli Agrumi e sostenuta con passione da The Coca-Cola Foundation, una vera carica di energia positiva necessaria al cambio di rotta di tutto il comparto”

ha spiegato Federica Argentati, Presidente Distretto Agrumi di Sicilia, nel corso della conferenza stampa.

Secondo Vittorio Cino, direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali Coca-Cola Italia, la realizzazione di questo progetto rappresenta un’opportunità per la Regione Sicilia che, grazie a questo innovativo impianto, può rappresentare un modello virtuoso per tutto il Paese.

Il progetto di ricerca industriale ha ricevuto il finanziamento non condizionato della The Coca-Cola Foundation.
[easy_ad_inject_2]