Crisi Usa. Crescita 2012-2014 più lenta delle stime

Roma, 31 luglio 2015 – L’economia usa nel triennio 2012-2014 è cresciuta meno delle stime. Lo afferma il Dipartimento USA del Commercio.

[easy_ad_inject_1] In particolare il Pil è salito salito del 2% l’anno rispetto al +2,3% precedentemente stimato.
Nel secondo trimestre la crescita del pil si attesta al 2,3% contro i 2,5% stimati.
Stesso discorso per le esportazioni USA che sono cresciute del 5,3% rispetto all’atteso 6% del primo trimestre, mentre le importazioni sono cresciute del 3,5%.

I consumi, che da soli fanno i due terzi del Pil americano, sono saliti del 2,9%. e le spese del governo sono saliti del +0,8%.

[easy_ad_inject_2]

Usa. Realizzato per la prima volta un doppio trapianto di mani su un bambino di 8 anni

Philadeplhia (USA), 30 luglio 2015 – Per la prima volta al mondo negli Stati Uniti è stato effettuato ad inizio luglio un sensazionale intervento chirurgico di trapianto di mani su un bambino di otto anni, Zion Harvey presso il Children Hospital di Philadelphia. Si tratta di un intervento straordinario di cui si è saputo soltanto ora.

[easy_ad_inject_1]il piccolo Zion all’età di soli 2 anni perse sia piedi che mani a causa di un’infezione che lo costrinse anche al trapianto di reni. Aveva quasi dimenticato cosa fossero le mani ma oggi può tornare ad usare grazie allo straordinario trapianto.

A quanto si apprende l’intervento è stato condotto da un team di 40 specialisti e l’esito è stato a dir poco eccezionale e il piccolo sarebbe già in grado di muovere le mani. L’operazione chirurgica è stata condotta in in 11 ore tempo nel quale gli specialisti hanno attaccato al braccio tutti gli elementi: ossa, terminazioni nervose, vene, tendini, pelle e il sangue ha iniziato subito a fluire alle due mani. Il bambino non avrebbe avuto particolari problematiche collaterali o crisi di rigetto organiche impreviste.

L’operazione si è resa possibile grazie al fatto che il bambino risultava già assuefatto ai farmaci anti-rigetto che gli sono stati somministrati a seguito del precedente trapianto di reni.

Scott Levin, direttore del dipartimento di chirurgia ortopedica dell’ospedale e responsabile del team ha dichiarato: “Speriamo che sia il primo di centinaia di migliaia di bambini a cui offrire questa possibilità”.
Il piccolo Zion poi ha ringraziato:”Grazie a tutti per avermi aiutato in questo cammino difficile”,

Il piccolo è sottoposto a riabilitazione e i medici si aspettano che le nuove mani trapiantate da piccolo donatore cadavere, crescano naturalmente insieme agli avambracci.

[easy_ad_inject_2]

Usa. Albero caduto su parco in California: 8 bambini feriti, 2 gravi

Pasadena (USA), 29 luglio 2015 – Un incidente in California causato dalla caduta di un albero su un parco ha causato il ferimento di otto persone, tutti bambini due dei quali in gravi condizioni.

[easy_ad_inject_1] E’ accaduto ieri nel Brookside Park di Pasadena, in California dove intorno alle 17 ora locale un pino alto 22,5 metri e vecchio di 75 anni è improvvisamente caduto vicino al Kidspace Children’s Museum. Proprio nei pressi dell’albero vi era un gruppo di bambini in attesa dei genitori.

Ad essere rimasti schiacciati dai rami ci sarebbero otto bambini dai 6 agli 8 anni due dei quali sono stati ricoverati in gravi condizioni mentre gli altri sei sono stati medicati sul posto per tagli e contusioni. Non sono ancora chiare le cause della caduta dell’albero. A quanto si apprende la giornata era limpida e non c’era vento.

[easy_ad_inject_2]

Usa. Sventato attentato in Florida. Arrestato 23enne simpatizzante Isis

Miami, 29 luglio 2015 – La polizia ha arrestato a Key West un ragazzo di 23 anni, Harlem Suarez, accusato di aver progettato un attentato dinamitardo nella zona.

[easy_ad_inject_1] A quanto si apprende da fonti di polizia, il giovane aveva progettato inizialmente per il 4 luglio, festa dell’Indipendenza americana, di compiere un attentato con uno zaino imbottito di esplosivo e chiodi seppellito sotto la sabbia di una spiaggia e farlo esplodere con un comando a distanza.

La polizia sospetta che il ragazzo sarebbe un “sedicente adepto” dello Stato islamico

Suarez sarebbe noto anche come “Almlak Benitez” e avrebbe postato su Facebook materiale pro-Isis. L’FBI da mesi lo aveva individuato e contattato mediante un agente sotto copertura che avrebbe appreso del piano dinamitardo e consegnatogli una falsa bomba prima di arrestarlo.
[easy_ad_inject_2]

Usa. Domande sussidi di disoccupazione ai minimi storici

Washington D.C, 23 luglio 2015 – Un grande risultato sul fronte disoccupazione si è registrato negli Stati Uniti d’America.

[easy_ad_inject_1]Le richieste di sussidi alla disoccupazione sono scese ai minimi storici da 40 anni.
Secondo i dati diffusi nelle ultime ore dalle agenzie americane, la scorsa settimana le domande per avere i sussidi di disoccupazione sono diminuite di ben 26.000 unità, arrivando a 255.000, il livello più basso da novembre 1973.

Si tratta di un dato sensibilmente migliore di qualsiasi stima degli esperti, la migliore delle quali puntava su un dato ritenuto positivo di 278.000 domande.

Il dato conferma un trend positivo per la 17ma settimana consecutiva sotto quota 300.000, livello associato a un mercato del lavoro in espansione.

[easy_ad_inject_2]

Usa. Via la bandiera confederata. Ku Klux Klan (kkk) manifesta contro la rimozione

Columbia (Usa), 20 luglio 2015 – Scontri si sono registrati A Columbia, capitale del South Carolina, dove membri del Ku Klux Klan (KKK) hanno protestato contro la rimozione da tutte le sedi istituzionali dello Stato americano della bandiera confederata.

[easy_ad_inject_1] La bandiera confederata fu rimossa dopo la strage di Charleston, nella quale il bianco Dylann Roof uccise 9 persone di colore.

Scontri si sono registrati tra i gruppi di estrema destra e afroamericani con il bilancio finale di cinque arresti e 23 feriti.

La governatrice della Carolina del Sud Nikki Haley, che aveva sempre difeso l’esposizione del vessillo, ha ordinato la rimozione da tutti i palazzi pubblici. “Quella bandiera è parte integrante del nostro passato ma non rappresenta il futuro del nostro grande stato. Spero vivamente che venga rimosso questo simbolo di divisione, per poter vivere in armonia di questo stato ed essere in grado di onorare le anime di quelle nove vittime che ora sono in Paradiso”.

La Carolina del Sud sebbene è l’unico stato ad esporre fino ad oggi la bandiera confederata originale con le 11 stelle, che risale alla fondazione della Confederazione e appare essere basata sulla prima bandiera confederata. Una versione rivisitata della stessa sventola ancora in altri sette stati: Arkansans, Georgia, Mississippi, Tennessee, Alabama, Carolina del Nord, e Florida.

La bandiera confederata, storicamente associata alla schiavitù, fu utilizzata dai segregazionisti prima dell’abolizione dell’apartheid. Il Ku Klux Klan ne ha fatto il suo simbolo per eccellenza.

[easy_ad_inject_2]

Censimento California: “latinos” superano i bianchi non ispanici

Sacramento, 9 luglio 2015 – Storico sorpasso in California dove gli immigrati “latinos” superano per la prima volta la popolazione bianca non ispanica.

[easy_ad_inject_1] Lo rivela l’ultimo censimento effettuato nello Stato americano secondo il quale alla data del 1 luglio 2014 i cosiddetti ‘latinos‘, cioè la comunità di messicani, portoricani e immigrati (legali o meno) dagli Stati del Centro e del Sud America sono 15 milioni mentre i bianchi non ispanici si fermano a quota 14,9 milioni.

Inoltre il censimento rivela che la California è anche lo Stato con più asiatici di tutti gli Stati Uniti d’America: sono, infatti 6,3 milioni.

La California è uno stato situato nel sud della West Coast, affacciato sull’oceano Pacifico, che occupa una parte dell’omonima regione geografica. Chiamata anche “The Golden State” rivelò nel precedente censimento del 2010 i seguenti dati demografici: 40,1% bianchi non ispanici, 37,6% ispanici (prevalentemente messicani)13,0% asiatici (prevalentemente cinesi, vietnamiti e filippini)6,2% afroamericano, 4,9% persone che si riconoscono in più di una etnia, 1,0% nativi americani, 0,4% nativi hawaiani e altri popoli del Pacifico.

[easy_ad_inject_2]

Choc Usa. Bimbo ucciso a botte per aver mangiato dolce senza permesso

New York, 7 luglio 2015 – Un bambino di appena 9 anni è stato ucciso di botte e ammanettato al letto dal compagno della madre. Sotto choc i cittadini del Maryland e di tutti gli Stati Uniti per un caso di violenza assurda nei confronti di un bambino che non aveva alcuna colpa, se non, agli occhi del violento patrigno, quello di aver mangiato un dolce di compleanno senza permesso.

[easy_ad_inject_1] La notizia è stata riportata dal Washington Post,e purtroppo il bambino, ricoverato martedì scorso all’ospedale pediatrico di Hagerstown in condizioni critiche, è morto domenica scorsa.

La polizia dopo i primi rilievi ha arrestato Robert Leroy Wilson, 30 anni, compagno della madre con precedenti per aggressione e violenze ai danni del bambino e ora rischia l’imputazione per omicidio.

Gli inquirenti stanno cercando anche di chiarire la posizione della madre, assente quando il bambino è stato picchiato, ma quando è arrivata l’ambulanza sarebbe tornata a casa rimandando indietro i sanitari dicendo che il figlioletto era solo un pò “congestionato”.

L’ambulanza sarebbe stata allertata solo dopo diverse ore, quando il bambino versava ormai in condizioni disperate e quasi non respirava più.

All’ospedale pediatrico di Hagerstown i sanitari avrebbero rilevato sul bimbo contusioni multiple, in varie zone del corpo, tra cui viso, orecchie, collo, colonna vertebrale, addome e glutei, contusioni che i medici hanno accertato non essere dello stesso periodo ma molte delle quali precedenti e in via di guarigione.

[easy_ad_inject_2]

Tragedia Usa. Jayln Rippy, bimba di 5 anni, uccisa da uno storione

Tallahassee (Florida), 5 luglio 2015 – Doveva essere un giornata di pura gioia e divertimento per la piccola Jayln Rippy, appena cinque anni.

[easy_ad_inject_1] Jayln era sorridente perché andava in barca con sua mamma Tanya e il “fratellone” Trevor di nove anni. Una bella gita tranquilla in barca percorrendo il fiume Suwannee in Florida per Jaylin, felice di vedere i fiotti d’acqua che morivano contro lo scafo e i pesciolini di cui il fiume, che definisce il confine nella zona nord, ovest ed in parte anche sud della contea omonima, è ricco.

All’improvviso quella gioia e quel sorriso si trasformano in tragedia, paura, dolore e, purtroppo morte. Secondo quanto riferito dalla Fish and Wildlife Conservation Commission , agenzia governativa specializzata fondata nel 1999 e con sede centrale a Tallahassee, un grosso storione è saltato nella piccola barca agitandosi violentemente e ha ucciso la piccola. Gli altri due familiari, la mamma e il fratellino, sono stati colpiti violentemente tanto che è stato necessario un intervento di ricostruzione facciale.

Secondo l’agenzia sono quattro gli incidenti simili registrati quest’anno lungo il fiume Suwannee, anche se fino ad ora non si erano registrate vittime. Inoltre proprio ieri altre due persone sono state ferite da uno storione in circostanze simili lungo il fiume Sante Fe.

Gli esperti sostengono che tali incidenti sarebbero dovuti anche al ridotto livello dell’acqua che induce gli storioni a saltare molto più frequentemente.
[easy_ad_inject_2]

Usa. Lester Bower giustiziato a 67 anni dopo 31 anni nel braccio della morte

Houston, 4 giugno 2015 –  Lester Bower Jr è stato giustiziato con una iniezione letale in Texas dopo 31 anni passati nel braccio della morte. L’uomo è stato condannato per l’omicidio di quattro persone nel corso di una sparatoria in un hangar all’interno di un ranch nei pressi di Dallas avvenuta nel lontano 1983. A darne notizia è stato il portavoce della prigione Jason Clark.

[easy_ad_inject_1] Bower si è sempre proclamato innocente e aveva fatto appello alla Corte Suprema, ma tre ore prima dell’esecuzione i giudici hanno respinto il ricorso chiudendo le porte ad ogni speranza.

A 67 anni di età Lester Bower ha il triste primato di essere l’uomo più anziano ad essere oggetto di esecuzione nello Stato del Texas. A quanto si apprende, le ultime parole di Bower prima di morire sarebbero state: “Molto è stato detto e scritto su questo caso. Ma la verità non è mai venuta fuori. Ma il tempo per cercare la verità è finito”.

In passato Bower aveva già avuto ben sette date fissate per l’esecuzione, tutte sospese, in alcuni casi all’ultimo istante.

Amnesty International ha organizzato nelle stesse ore una veglia a Houston presso la Chiesa Metodista di St. Paul.

[easy_ad_inject_2]