Tagli Sanità, Lorenzin: sanzioni ai medici volute dalle Regioni. Chiamparino: atteggiamento scorretto

Roma, 28 settembre 2015 – I medici sono ancora sul piede di guerra per i tagli alla Sanità che il governo si appresta ad approvare, i cui costi a loro parere andrebbero a ricadere sulle fasce più deboli e più povere del nostro Paese. Continua dunque lo scontro con i tagli voluti fortemente dal Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, secondo la quale invece i cosiddetti “tagli” andrebbero invece ad eliminare gli sprechi riducendo la spesa sanitaria del nostro Paese e dando la possibilità a tutti di curarsi.

[easy_ad_inject_1]Il ministro Lorenzin spiega che l’obiettivo è risparmiare per reinvestire dove è necessario, in quelle cure che i cittadini chiedono allo nostro servizio sanitario, riducendo sprechi ed abusi per poter curare tutti. Dalle Regioni – dice il ministro – che hanno fortemente voluto queste norme, mi aspetterei che intervenissero per spiegare alle persone il perché dobbiamo fare questo salto culturale.

Anche il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, è entrato in forte polemica con il ministro Lorenzin accusandola di atteggiamento scorretto.

“L’atteggiamento del ministro della Salute non mi sembra corretto e soprattutto non ci fa andare da nessuna parte. Se si sono condivise delle scelte, lo si è fatto insieme”

ha detto Sergio Chiamparino, il presidente della Conferenza delle Regioni, al ministro della Salute che, in alcune dichiarazioni, aveva detto che le sanzioni ai medici sarebbero state volute dalle Regioni.

Dal canto suo Beatrice Lorenzin continua a sostenere fortemente la sua politica dei tagli alla sanità invitando tutti ad una maggiore collaborazione sperando di risolvere ogni divergenza in merito.

“In questi anni di crisi e di tagli lineari, i medici hanno tenuto in piedi il SSN e a loro va il mio plauso. Ma c’è la medicina difensiva che provoca un danno di 13 miliardi l’anno. Noi vogliamo togliere abusi e sprechi per reinvestire in sanità, insieme ai medici”

ha dichiarato Lorenzin.

“Nell’ambito dei tagli ci è parso, ed è parso anche al Governo, che una misura utile per risparmiare e necessaria per migliorare la qualità dell’assistenza fosse l’attenzione all’appropriatezza. Non è una misura voluta dalle Regioni ma condivisa in uno spirito di collaborazione. C’è stato un gruppo di lavoro fatto da tecnici di Regioni e ministero della Sanità che hanno condiviso un testo, quando si condivide un testo lo si fa in due. Io potrei allora dire: bastava non togliere i due miliardi alle Regioni, di questo passo si fa la corsa del gambero. Se si condivide un percorso lo si condivide fino in fondo. Potrei dire che Lorenzin non ha voluto che si intervenisse su altri capitoli”

ha detto Chiamparino nel corso di un’intervista in risposta ad una dichiarazione del ministro in cui sosteneva che le sanzioni ai medici fossero state volute dalle Regioni e non da lei.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *