You are here
Home > Salute > Test medicina 2015. Infuria la polemica: previsti mille posti in meno

Test medicina 2015. Infuria la polemica: previsti mille posti in meno

Fallback Image

Roma, 30 giugno 2015 – Infuria la polemica sulle indiscrezioni circolate in merito ai posti disponibili per l’ammissione ai Corsi di Laurea di Medicina e Chirurgia. A giorni si prevede infatti l’uscita del bando per l’accesso al corso di laurea in medicina e chirurgia ed odontoiatria 2015/16 e sembra che il numero di posti messi a disposizione sarà di 9.146 posti, con un calo pari al 9,3% rispetto all’anno accademico 2014/15, in termini numerici si parla di quasi mille posti in meno.

[easy_ad_inject_1]Tempi duri, dunque, in vista dell’8 settembre, quando i giovani aspiranti medici dovranno affrontare i Test di Medicina per l’ammissione ai corsi di laurea che diventano ancora più difficili da affrontare vista la riduzione dei posti messi a disposizione.

“Se davvero il numero di posti a disposizione verranno abbassati, ancora una volta il ministero dimostrerà la sua incapacità nel gestire il caos causato della scomparsa del plico di Bari che ha permesso a migliaia di studenti ad essere ammessi in sovrannumero. Quanto accaduto lo scorso anno non è responsabilità dei ricorrenti che sono stati ammessi con riserva nelle università, ma è solo colpa di un Ministro che non ha avuto il coraggio di assumersi la responsabilità di quanto accaduto e prendere provvedimenti. Se a questo aggiungiamo il modo in cui viene effettuata la concertazione tra regioni e l’ordine professionale dei medici per l’individuazione del fabbisogno di medici, vediamo come l’aumento o la riduzione di posti messi a bando per il corso di laurea in medicina e chirurgia è figlio di una scelta arbitraria e fortemente influenzata da interessi particolari, tanto che a dare l’annuncio del taglio sarebbe stata la stessa FNOMCEO”

commenta Gianluca Scuccimarra, Coordinatore Nazionale Unione degli Universitari in una nota stampa.

“E’ assurdo che a fine luglio gli studenti che stanno terminando gli esami di maturità vedano cadersi improvvisamente addosso anche la tegola della diminuzione dei posti per Medicina e Chirurgia. Il Ministero deve smetterla di giocare con il futuro di tanti studenti che da mesi si stanno preparando per la lotteria dei test di accesso, servono chiarimenti immediati e risposte certe”

aggiunge Alberto Irone, portavoce nazionale Rete degli Studenti Medi.

In questo modo la selezione degli studenti diventa sempre più severa e aumenta la competizione sfrenata già insita nel meccanismo dei Test di Medicina. Gli studenti di Udu, Uds, Link e Rete della Conoscenza sono fortemente contrari a una decisione del Miur che rischia di ripercuotersi tra alcuni anni sulla qualità e la capillarità del Sistema Sanitario Nazionale.

Secondo Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di Link-Coordinamento Universitario, qualora le indiscrezioni fossero confermate, si tratterebbe di una “decisione totalmente arbitraria poiché manca ad oggi una seria previsione del fabbisogno di personale medico nei prossimi anni, e autoritaria poiché non vi è stato alcun confronto su questo argomento con gli organismi di rappresentanza studentesca o le associazioni di categoria”.

La proposta di Fnomceo è di abbattere a 6500-7000 il numero degli accessi a Medicina, fabbisogno adeguato – spiegano – a soddisfare il turnover dei medici, senza creare sacche di disoccupazione e sottoccupazione. Un invito subito raccolto dal ministero della Salute. Rosanna Ugenti, direttore generale delle professioni sanitarie, ha infatti annunciato – riporta il comunicato di Fnomceo – che il Ministero sta lavorando a un nuovo strumento per calcolare il fabbisogno di medici e personale sanitario su scala europea.

“Se non si corre ai ripari nei prossimi 10 anni saranno 25.000 i medici che non avranno alcuna possibilità di sbocchi occupazionali nel SSN”

ha spiegato Ezio Casale, delegato della Fnomceo sulla tematica della programmazione del fabbisogno del personale sanitario.

[easy_ad_inject_2]

Similar Articles

Lascia un commento


Top