“Toy Story – Il mondo dei giocattoli” vent’anni fa rivoluzionò i film di animazione

Los Angeles (USA), 23 novembre 2015 – Quando il film d’animazione “Toy Story – Il mondo dei giocattoli” ha debuttato vent’anni fa, tutti quelli che vi avevano lavorato sapevano che rappresentava qualcosa di speciale, ma nessuno avrebbe potuto prevedere il successo che ha ottenuto, Pixar compresa, e come avrebbe influito nel cambiare il modo in cui venivano realizzati i film di animazione.

[easy_ad_inject_1]Toy Story, il film dove i giocattoli prendono vita, è stato il risultato di quattro anni di lavoro presso gli Studios della Pixar Animation. Arrivò nelle sale cinematografiche vent’anni fa, il 22 novembre del 1995, incassando oltre 361 milioni di dollari e ottenendo l’assegnazione di un Oscar speciale per il regista John Lasseter come “primo film interamente animato al computer”.

“Quando io ho iniziato questo lavoro l’animazione era praticamente morta, la Disney realizzava un film ogni tre, quattro anni, tutti gli studios chiudevano i reparti cartoon e vendevano gli archivi alle tv, l’animazione era relegata alla programmazione del sabato mattina e al pomeriggio dopo scuola, noi eravamo convinti che i cartoon non fossero solo una cosa per bambini e dopo aver visto la rivoluzione fatta da Coppola, Scorsese, Lucas, Spielberg nell’intrattenimento live action volevamo fare lo stesso per l’animazione. Il successo di Toy Story ci ha dato la conferma che eravamo sulla strada giusta. Sono molto orgoglioso di cosa abbiamo fatto con la computer animation perché si ha una sola occasione per fare una buona impressione e con Toy Story l’abbiamo fatta”

ha raccontato John Lasseter.

Non a caso nove anni dopo “Toy Story”, la Disney, la società madre di ABC News, ha acquistato Pixar, e ha continuato a creare molti altri lungometraggi di animazione computerizzati. Altri grandi studi cinematografici hanno presto seguito il suo esempio.

Oltre ad essere in assoluto il primo lungometraggio animato tutto realizzato al computer che ha generato un vincente franchising, “Toy Story” realizzati ha cambiato l’industria cinematografica.

Toy Story ha conquistato il cuore di milioni di bambini in tutto il mondo, tanto da far realizzare alla Pixar altri due sequel, ed ora si attende già “Toy Story 4” (in preparazione, diretto sempre da Lasseter) che promette di essere “qualcosa di veramente emozionante”.

Il film, diretto da John Lasseter, ha ricevuto tre nomination agli Oscar tra cui miglior sceneggiatura originale, miglior colonna sonora originale e Miglior Canzone Originale per Randy Newman “C’è un amico in me”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *