Tragedia migranti. Salvini: “Servivano 700 morti? Ci vuole il blocco navale”

Matteo Salvini Lega Nord

Palermo, 19 aprile 2015 – E’ duro il commento di Matteo Salvini, leader della Lega Nord, sull’ultima grave tragedia di migranti naufragati nel Canale di Sicilia per il ribaltamento del barcone sul quale, secondo i sopravvissuti, ci sarebbero stati stipati almeno 700 persone.

[easy_ad_inject_1]Non è cambiato nulla dall’ultima strage di Lampedusa, dice Salvini, e il premier Matteo Renzi e il Ministro dell’Interno Angelino Alfano si portano dietro la responsabilità delle vittime. Salvini propone un netto “blocco navale” per porre fine al problema.

“Cos’è cambiato a 18 mesi da Lampedusa? Servono altri 700 morti per bloccare le partenze? Se le istituzioni Ue hanno un senso, ci vuole tanto a organizzare dei blocchi navali e identificare chi è immigrato clandestino e chi è rifugiato?

Non so più come dirlo. L’ipocrisia di Renzi e Alfano crea morti” ha dichiarato Salvini.

Salvini ha più volte esternato negli ultimi tempi i suoi dubbi sul sistema Triton che ha ereditato Marenostrum.
“No a speculazione sui morti in diretta tv” risponde il Partito Democratico a Matteo Salvini.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *