You are here
Home > Salute > Trapianto d’utero nell’uomo: tra 10 anni partorire non sarà più una prerogativa femminile

Trapianto d’utero nell’uomo: tra 10 anni partorire non sarà più una prerogativa femminile

Fallback Image

Ohio (USA), 7 dicembre 2015 – Tra meno di dieci anni anche gli uomini saranno potenzialmente in grado di portare avanti una gravidanza e partorire grazie al trapianto dell’utero. Sembra fantascienza, eppure le basi scientifiche sembrano provare che concepire e avere un figlio non sarà più una prerogativa delle donne.

[easy_ad_inject_1]Un gruppo di medici della Cleveland Clinic, nell’Ohio (USA), avrebbe già avviato le sperimentazioni, iniziando con trapianti di utero per le donne nate senza un utero o i cui uteri non funzionavano bene. Ciç ha portato molti a chiedersi: se la scienza può trapiantare un utero in una donna, può trapiantarne uno in un uomo?

La risposta è sì. L’era della gravidanza maschile è più vicina di quanto si possa pensare, visto che è stata proprio la Cleveland Clinic ad annunciare che ha iniziato lo screening di candidati maschili per una sperimentazione clinica di trapianto dell’utero negli uomini.

Secondo la dottoressa Karine Chung, direttrice del programma di conservazione della fertilità presso la University of Southern California’s Keck School of Medicine, a Los Angeles, non ci sono troppe differenze tra l’anatomia maschile e quella femminile e prima o poi qualcuno sarà in grado di arrivarci.

“La mia ipotesi è che tra cinque, dieci anni o forse prima, anche per gli uomini sarà possibile portare a termine una gravidanza e partorire. Oggi, i progressi della medicina permettono alle donne transgender di regolare la loro biochimica per sopprimere gli ormoni maschili e introdurre ormoni femminili, avere seni che possono allattare, e avere vagine chirurgicamente costruite che includono un ‘neoclitoris’, che permette di avvertire ogni sensazione”

ha detto Karine Chung, come riporta Yahoo Health.

In effetti, spiega la dottoressa Chung, la terapia ormonale può preparare il corpo per la gravidanza, con l’aumento di ormoni essenziali come il progesterone e la diminuzione di testosterone, necessari per preparare l’utero ad una futura gravidanza. Le arterie possono essere aiutate a fornire all’utero sangue e supplenti ai legamenti come quelli che si trovano nelle donne per far sì che possa sostenere e portare avanti una gravidanza.

“L’ostacolo più grande dopo un trapianto sarebbe l’impianto di un embrione coltivate in vitro per il nuovo grembo materno. Solitamente fatto tramite la cervice naturale, probabilmente richiederà una vagina chirurgicamente costruita per essere connesso all’utero, cosa che non è mai stata tentata finora, ma che, secondo alcuni chirurghi plastici ‘non è teoricamente una grande impresa chirurgica’”

spiega la dottoressa Karine Chung.

Oltre alla questione etica che potrà sorgere intorno alla questione, e di cui preferiamo non approfondire ora, uno degli ostacoli maggiori sarà il costo da affrontare per sottoporsi all’intervento che raggiunge cifre davvero da capogiro. Basti solo pensare che, secondo la Fondazione Nazionale dei Trapianti, negli Stati Uniti i costi per un trapianto vanno dai 25mila dollari per quello alla cornea fino ad 1,3 milioni per un trapianto di cuore.

Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

One thought on “Trapianto d’utero nell’uomo: tra 10 anni partorire non sarà più una prerogativa femminile

  1. Si continua a considerare la scienza e l’etica su due piani separati. E questo non va bene.
    Mary Wollstonecraft Shelley con il suo romanzo Frankenstein aveva visto bene.
    Chi li vuole davvero gli uomini con il pancione?

Lascia un commento


Top