You are here
Home > Salute > Stare seduti troppe ore davanti alla Tv aumenta il rischio di embolia polmonare

Stare seduti troppe ore davanti alla Tv aumenta il rischio di embolia polmonare

Fallback Image

Londra (Regno Unito), 1 settembre 2015 – La sedentarietà fa male alla salute e lo confermano molte ricerche secondo cui stare troppo tempo seduti davanti ad uno schermo ci espone a seri rischi che potrebbero essere evitati semplicemente adottando uno stile di vita che compensi il tempo in cui il nostro corpo rimane in una posizione costante, mentre lavoriamo o ci riposiamo (forse in certi casi eccessivamente).

[easy_ad_inject_1]Lo confermano anche i risultati di una recente ricerca presentata da Toru Shirakawa, del dipartimento di Medicina Sociale dell’Università di Osaka, in Giappone, nel corso del congresso della Società europea di cardiologia (Esc) che si svolge in questi giorni a Londra, nel Regno Unito. Trascorrere troppe ore seduti davanti alla tv espone ad un aumento del rischio di embolia polmonare fatale.

Lo studio, durato 18 anni e condotto su più di 86 mila persone di età compresa tra 40 e 79 anni, avrebbe dimostrato che trascorrere 5 ore o più al giorno davanti alla televisione aumenta di sei volte il rischio di subire embolia polmonare fatale rispetto a chi, invece, si limita a stare davanti alla tv per meno di 2 ore e mezza. Tra quelli di età compresa tra 60 anni o meno, le differenze erano ancora più marcate.

Durante il periodo di osservazione ci sono stati 59 decessi per embolia polmonare.

Gli specialisti del cuore avvertono che la sedentarietà che deriva dal trascorrere così tanto tempo davanti alla tv o a giocare davanti al computer, può causare rischi di coaguli di sangue, appunto l’embolia polmonare fatale, normalmente associati ai viaggi a lungo raggio.

“Abbiamo dimostrato che guardare la televisione per un tempo prolungato può essere un comportamento a rischio di morte per embolia polmonare. L’associazione tra lo stare seduti in maniera prolungata e l’embolia polmonare è stata riportata tra chi usava i rifugi antiaerei a Londra durante la Seconda guerra mondiale. Oggi, un volo a lungo raggio in classe turistica è una causa ben nota di questo disturbo, che non a caso viene chiamato ‘sindrome da classe economica’. In Giappone sta crescendo sempre di più il numero di persone che guarda la televisione per molte ore, oppure sostituisce la tv con lo smartphone e tecnologie similari per intrattenersi”

ha spiegato Toru Shirakawa, autore principale dello studio.

L’embolia polmonare è una malattia grave, a volte fatale, – spiega ancora il ricercatore giapponese – caratterizzata dall’improvvisa comparsa di sintomi come dolore toracico o difficoltà di respirazione. È causata da un’ostruzione delle arterie polmonari da parte di coaguli di sangue, generalmente formati nei vasi delle gambe. sono diversi i fattori di rischio, ma va tenuto conto che lo stare seduti per tempi prolungati rappresenta un fattore di rischio da non sottovalutare.

“L’Immobilità delle gambe durante la visione della tv può spiegare in parte la constatazione. Per prevenire il verificarsi di un’embolia polmonare, si consiglia lo stesso comportamento preventivo usata contro la sindrome da classe economica. Vale a dire, fare una pausa, alzarsi, e camminare in giro durante la visione della televisione”

ha commentato Toru Shirakawa.

[easy_ad_inject_2]
Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top