Tumore al seno. Al via la campagna “Pink is Good” della Fondazione Umberto Veronesi

Milano, 23 settembre 2015 – Il tumore al seno è la forma di cancro più diffusa tra le donne eppure, stando ai dati statistici, almeno tre donne italiane su dieci, tra i 50 e i 69 anni, non si sono mai sottoposte ad una mammografia, esame diagnostico fondamentale per poter agire in tempo e sconfiggere la neoplasia mammaria.

[easy_ad_inject_1]Al fine di incentivare la prevenzione è partita la campagna nazionale “Pink is Good” della Fondazione Umberto Veronesi, un progetto che coinvolge le più importanti società scientifiche impegnate nella gestione della salute delle donne: l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom), la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo), la Società Italiana di Medicina Generale (Simg) e l’Osservatorio Nazionale Screening (Ons).

Secondo i dati diffusi, ogni anno nel nostro Paese 48 mila donne scoprono di avere un cancro al seno, purtroppo circa il 30% di loro perde la battaglia contro il male.

“Solo il 70% delle donne ha svolto una mammografia negli ultimi due anni. Di queste il 57% ha aderito allo screening, ma con forti differenze percentuali tra i vari territori. Dobbiamo aumentare in tutta Italia la partecipazione al test, che è garantito gratuitamente ogni due anni a tutte le donne dai 50 ai 69 anni. Non si tratta solo di convincere tutte le donne che ricevono l’invito ad accoglierlo e fare il test. Molte più abitanti delle regioni centro-settentrionali ricevono l’invito a fare gratis i test che permettono di scoprire precocemente l’eventuale presenza di un tumore, mentre al Sud troppo spesso le Regioni non si organizzano e l’invito a casa non arriva”

spiega il dottor Marco Zappa, epidemiologo e responsabile dell’Osservatorio nazionale screening.

Ancora una volta il Sud finisce sotto i riflettori per le grosse lacune rilevate in questo settore, ma va sottolineato che sono ancora molte le donne che nonostante abbiano ricevuto l’invito ad eseguire il test gratuitamente non si sono presentate.

L’obiettivo della campagna “Pink is Good” è riuscire ad arrivare al 100% di adesione e di risposta da parte delle donne all’invito ad eseguire la mammografia, un servizio incluso nei Lea, i Livelli essenziali di assistenza, che il nostro Servizio Sanitario Nazionale garantisce a tutti i cittadini, indipendentemente da dove essi risiedano. Attualmente, tutte le donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni dovrebbero ricevere, ogni due anni, l’invito ad effettuare una mammografia.

A tal fine, nelle prossime settimane la Fondazione Umberto Veronesi distribuirà materiale informativo presso tutti gli ospedali italiani, Asl, consultori e ambulatori di ginecologi e medici di famiglia.

“Con questo esame possiamo sconfiggere il carcinoma mammario. Se la malattia viene identificata nelle fasi iniziali e adeguatamente curata, la sopravvivenza può arrivare fino al 98%. Ecco perché la prevenzione è un’arma così importante per tutte le donne. Si tratta poi di un esame sicuro e poco invasivo per il corpo femminile. Negli ultimi tre anni abbiamo avuto il 2% in più di adesioni ai programmi di screening organizzati sul territorio nazionale. È un dato incoraggiante, ma ancora insufficiente. Pigrizia, paura o noncuranza del pericolo spingono ancora troppe italiane a non svolgere i controlli. Il nostro compito è invitarle a essere più attente, a prendere coscienza di quanto la loro salute dipenda da una doverosa e consapevole attenzione personale”

ha dichiarato il professor Umberto Veronesi.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l’autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore..
Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *