Turchia, ucciso ad Ankara ambasciatore russo Andrey Karlov

Andrey Karlov

L’ambasciatore russo Andrey Karlov è rimasto ucciso nel corso di un attentato ad Ankara mentre stava presentando una mostra fotografica. Il diplomatico russo è stato colpito da un uomo mentre teneva un discorso all’inaugurazione di una mostra nella capitale della Turchia. Ci sarebbero anche altri feriti.

L’attentatore, è stato poi ucciso dalle forze speciali di polizia durante un blitz. Da quanto si apprende l’uomo, che pare fosse un poliziotto in giacca e cravatta (per entrare alla mostra ha infatti presentato il suo tesserino) mentre metteva in opera l’attentato gridava parole come “Allah Akbar”, “vendetta”, “Aleppo”, “noi moriamo in Siria voi morite qua”.

L’ambasciatore russo è rimasto ferito gravemente da colpi di arma da fuoco e nonostante la corsa in ospedale è morto.

“Atto terroristico, un giorno tragico per la diplomazia”, il commento di Mosca al tragico evento da parte della portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *