Uber. Tribunale Milano: legittima la confisca auto Uberpop

Roma, 3 marzo 2015 – Ultime notizie sulla Uber e in particolare sul servizio Uberpop, il servizio di ‘car sharing’ che permette tramite l’apposita app a chiunque abbia patente e automobile di trasformarsi in un guidatore professionista trasportando passeggeri.

Il Tribunale di Milano, ribaltando e annullando la precedente decisione del Giudice di Pace, ha deciso che è legittimo il sequestro, in vista della confisca, dell’auto di un autista di Uberpop. Era stato il Comune di Milano a rivolgersi al Tribunale.

Come altri suoi colleghi il Giudice di Pace aveva precedentemente accolto il ricorso presentato da un autista a cui, nel 2004, era stata sequestrata la vettura.

Già nel 2014 il Comune di Milano aveva preso posizioni ben precise scrivendo attraverso il suo sito web: “In merito al servizio Uberpop, presentato da Uber, è importante sottolineare che si tratta di un progetto irresponsabile. Questa novità espone tutte le persone che decideranno di farsi pagare per fare il tassista abusivo – magari in buona fede – alla confisca del veicolo, a una sanzione amministrativa (da 1.761 a 7.045 euro) e alla sospensione della patente da quattro a dodici mesi, così come previsto dal Codice della Strada.”

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

2 pensieri riguardo “Uber. Tribunale Milano: legittima la confisca auto Uberpop”

  1. Uno stato mafioso fa il forte con i deboli e si caga sotto davanti ad un branco di beceri falliti !! W UBER E W LE LIBERALIZZAZIONI !! FANC,,, LE LOBBY DI MERDA!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *