You are here
Home > Economia > Renzi in diretta: “bye bye Equitalia. Entro l’anno Equitalia non ci sarà più”

Renzi in diretta: “bye bye Equitalia. Entro l’anno Equitalia non ci sarà più”

Fallback Image

Entro il 2016 ci sarà la fine di Equitalia, società italiana a totale controllo pubblico, incaricata della riscossione dei tributi su tutto il territorio, ad eccezione della Sicilia.

Lo ha reso noto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, rispondendo in diretta ad un ascoltatore dell’emittente radiofonica RTL: “Entro l’anno arriverà il decreto che cambierà il modo di concepire il rapporto tra fisco e cittadini. Equitalia non ci sarà più, che non vuol dire che le multe non si pagano più ma cambierà come. Confermo: entro l’anno bye bye Equitalia”.

“Famiglie, pensionati, partite Iva, piccole medie imprese, si può e si deve lavorare di più” per ridurre le tasse, ha detto il premier, che parla di “choc fiscale”: “Non faccio annunci ma è chiaro che dobbiamo farlo entro i vincoli europei”.

Cosa cambia per i cittadini? Si tratta per ora solo di un annuncio e sarà necessario vedere in concreto il provvedimento. Come annunciato dal premier ci sarà un modo diverso di gestire e riscuotere le multe e probabilmente il tutto sarà affidato ad altre società pubbliche o private o qualche agenzia nazionale costituita ex novo. Renzi infatti precisa che le multe continueranno a doversi pagare, dunque ci sarà chi dovrà gestire un monte di crediti e chi dovrà ovviamente riscuoterli, cosa che potrà essere fatta anche da un solo ente.

La scomparsa di Equitalia probabilmente è dovuta al fatto che al suo brand si accosta spesso un immagine molto negativa e quindi eliminare il brand negativo potrebbe avere un effetto mediatico positivo per l’immagine del Governo e del premier.

Sarebbe interessante che il decreto di Renzi contenesse, come probabilmente accadrà, forme di riscossione più “umane” permettendo ai cittadini che davvero non ce la fanno di poter rientrare più comodamente nel loro debito con il Fisco. Lo Stato, infatti, non può non considerare anche la sua funzione sociale: pertanto alle tante famiglie che sono in debito con il fisco per problemi reali si potrebbe concedere un trattamento di solidarietà diverso rispetto a coloro che invece le risorse ce l’hanno ma hanno provato a frodare lo Stato senza riuscirci.

Infine per ora non si capisce che fine faranno i tanti dipendenti di Equitalia che sono padri e madri, lavoratori e lavoratrici, che nulla fanno di male se non il compito che gli è stato assegnato. Molti di loro sono confluiti in Equitalia da società precedenti, altri da banche che un tempo gestivano direttamente la riscossione. Probabilmente per loro sarà riservata la possibilità di mobilitare in una delle nuove società o agenzie che saranno create ad hoc e dunque si spera che conservino il posto di lavoro.

Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top