UNC, Piemonte: accenni di ripresa, ma solo per beni durevoli

Torino, 26 gennaio 2015- Timidissimi, quasi impercettibili segnali di fermento economico in Piemonte. “Ma solo per alcuni settori, specialmente quelli inerenti i cosiddetti beni durevoli di primo consumo, per la casa, il lavoro, gli spostamenti: acquisti che, quando arriva il momento, non possono più essere rinviati”. Sono parole dell’Avvocato Patrizia Polliotto, Fondatore e Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 a oggi la più antica associazione consumeristica italiana.

“I consumatori piemontesi attraversano in termini di spesa un particolare momento, si comportano con cautela e acquistando solo laddove strettamente necessario”, spiega il noto legale. “Sotto le Alpi è cresciuto il comparto auto, sia per quanto riguarda i veicoli di prima immatricolazione che quelli d’occasione, segnando un più 4% e oltre. Meno fortunata la vendita di mezzi di trasporto a due ruote, ma in quest’ambito è aumentata nell’insieme la spesa complessiva legata al settore. Grazie agli incentivi previsti dal Governo, segno più anche per i mobili, con un +3% anche a oggetti a essi correlati, gli elettrodomestici. In calo del 3%, di contro, gli acquisti in elettronica e l’informatica, che in Piemonte registra al momento l’indice più basso di tutti, con un decremento pari a quasi il 4,5%”, conclude l’Avvocato Patrizia Polliotto.
Maurizio Scandurra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *