You are here
Home > Economia > Unioncamere. Imprese under 35: fra gennaio e marzo +16.000. Il 36% è al Sud

Unioncamere. Imprese under 35: fra gennaio e marzo +16.000. Il 36% è al Sud

Fallback Image

Roma, 2 giugno 2015 – Unioncamere, unione italiana delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, ha presentato i dati sull’imprenditoria giovanile sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere sulla base del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio, secondo i quali emerge che fra gennaio e marzo le imprese di “under 35” sono aumentate di +16.000 unità, il 36% delle quali si sono costituite al Sud, il 22% parla straniero, 2 su 3 sono già su Internet.

[easy_ad_inject_1] “La culla di questa vitalità imprenditoriale continua ad essere il Mezzogiorno, dove ha sede il 36% delle imprese giovanili nate lo scorso trimestre, con poco più di 13mila nuove iniziative.” si legge nel comunicato stampa di Unioncamere. Inoltre le imprese dei giovani sono già in rete pronti per vendere on line i propri prodotti: “Quasi 2 aziende su 3 avviate da un under 35 hanno puntato subito su internet, il 45% è già pronto a vendere online” si legge nel comunicato.

I settori che attirano di più i giovani imprenditori sono quelli del commercio (dove opera circa il 20% delle neo-imprese ‘under 35’), delle costruzioni (9,5%) e dei servizi di ristorazione (5,1%). Nella grande maggioranza dei casi (il 76%) si tratta di imprese individuali, la forma più semplice – ma anche la più fragile – per operare sul mercato; il 17% ha scelto invece la forma della società di capitale, più idonea a sostenere progetti di sviluppo anche ambiziosi.

A Crotone il tasso di imprenditorialità giovanile più alto (15,3%), a Forlì-Cesena il più basso (6,7%)

“I giovani italiani si stanno rimboccando le maniche per cogliere le opportunità di questo momento e molti di loro scelgono di farlo attraverso l’impresa” ha detto il Presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. “Spesso sono giovani che hanno deciso di puntare su un’idea innovativa e sulle proprie competenze per realizzarla, anche sfruttando le nuove tecnologie della rete. Per sostenere questi neo-imprenditori dobbiamo dare loro un paese più moderno e quindi più digitalizzato, anche per attrarre intelligenze e investimenti dall’estero, più meritocratico e capace di valorizzare i talenti delle persone. Il vero successo delle riforme che si stanno disegnando si misurerà su quanto riusciremo a fare su questi fronti, a partire da quello della pubblica amministrazione che deve diventare realmente ‘amica’ delle imprese.”

[easy_ad_inject_2]
Vincent Dimaggio
Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it
http://www.notiziefree.it

Similar Articles

Lascia un commento


Top