You are here
Home > Italia > Unioni civili. Grasso nega i super canguri. Renzi propone il maxiemendamento con fiducia. Ok di Cirinnà

Unioni civili. Grasso nega i super canguri. Renzi propone il maxiemendamento con fiducia. Ok di Cirinnà

Fallback Image

Roma, 23 febbraio 2016 – Si lavora alacremente per dare al nostro ordinamento giuridico una legge che regoli le unioni civili. Ma la sfida al senato tra maggioranza e opposizioni è sempre al massimo della tensione. Vediamo le novità di oggi.

Grasso,super canguri non ammessi – Il presidente del Senato, Grasso, ha giudicato inammissibili i sette emendamenti premissivi al ddl Cirinnà, i cosiddetti super-canguri di Marcucci, Malan e della Lega. Gli emendamenti nel ddl Cirinnà passano quindi da 6100 a 500.

Lo ha fatto sapere il Presidente del Senato durante la riunione informale dei capigruppo. Tali emendamenti sono stati “tollerati in rare occasioni da altre Presidenze”,come “reazione proporzionata della maggioranza rispetto a ostruzionismo esasperato”.

M5S: Luigi Di Maio: no a fiducia – Il Movimento 5 Stelle rifiuta di votare la fiducia al governo Renzi nel caso venga posta sul tema delle unioni civili: “Renzi e il Pd hanno paura del Parlamento e bloccano i diritti delle persone”, ha dichiarato Di Maio in conferenza stampa. “Dietro il maxiemendamento si nascondono beghe interne al Pd e una maggioranza senza numeri”,”Grasso faccia valere il ruolo di seconda carica dello Stato”.
“La fiducia sul maxiemendamento non ha nulla a che fare con i diritti civili. Sarebbe una fiducia a un esecutivo che governa malissimo.Noi non la voteremmo”.

Matteo Renzi: ci sono due strade percorribili – “La ragionevolezza vuole che intervenga direttamente il governo:è l’unico modo per dare una legge alle unioni civili” ha detto il premier Renzi all’assemblea dei senatori Pd e spiega che col “maxiemendamento con fiducia possiamo approvare la legge al Senato in massimo una settimana,e due mesi alla Camera”.”Siamo a un passo da una legge storica”,che “potrebbe uscire da qui venerdì e andare alla Camera”, dice Renzi precisando che nel maxiemendamento non ci sarà “stepchild adoption”. Poi ai senatori dice: decidete, o soluzione parlamentare o intervento del governo.

Cirinnà: bene la fiducia – “E’ una fiducia al Paese e non al governo. Voglio chiedere a Sel di votarla”. E’ quanto dichiarato da Cirinnà, prima firmataria del dll sulle unioni civili all’assemblea dei senatori dem aperta dal segretario Renzi.
La relatrice del ddl in discussione si è espressa a favore della fiducia sul maxiemendamento proposta da Renzi. “Voglio evitare i voti segreti agli art.2 e 3 del testo”, ha spiegato Cirinnà.

Per Angelino Alfano, alleato di governo e leader NCD servono ancora ritocchi: “Sta prevalendo il buonsenso, ci sono alcuni aspetti da ritoccare sul simil-matrimoni, ma siamo su una strada positiva e dobbiamo lavorare nelle prossime ore per capire se arriveremo a destinazione”, ha detto Alfano durante una conferenza stampa al Viminale a proposito del testo sulle unioni civili.

Similar Articles

Lascia un commento


Top