Usa. Costruisce un orologio ma la prof crede sia una bomba. Arrestato studente 14enne

Dallas, 17 settembre 2015 – Sta facendo appassionare e scandalizzare al contempo la storia di Ahmed, Un ragazzo musulmano di 14 anni arrestato dalla polizia di Irving e incarcerato in una struttura detentiva per minori per attentato terroristico poi liberato dopo aver chiarito l’equivoco.

[easy_ad_inject_1]La colpa del ragazzo, genio dell’elettronica, sarebbe stata quella di confezionare un vero e proprio orologio digitale funzionante come compito in classe ma ad un certo punto è suonato un allarme, un bip programmato dallo stesso ragazzo. La professoressa ha pensato fosse una bomba e ha dato l’allarme. Sono intervenuti i poliziotti che lo hanno ammanettato e condotto in una struttura detentiva minorile.
La scuola inoltre lo ha sospeso per tre mesi, sospensione che, a quanto si apprende da fonti locali, sarebbe ancora vigente.

In realtà era un equivoco. Il lavoro del giovane, un compito in classe, era semplicemente un orologio digitale, interamente costruito dal ragazzo, piccolo genio dell’elettronica che sogna di frequentare il prestigioso MIT. Ahmed era andato quel giorno a scuola felice per il lavoro fatto e pregustando i complimenti della professoressa, complimenti che sono arrivati sotto forma di manette e con tanto di sospensione scolastica.

“Ho costruito l’orologio per sorprendere la mia insegnante, ma quando l’ho mostrato lei ha pensato che fosse una minaccia nei suoi confronti” ha spiegato il giovane Ahmed, racconto più volte fatto anche agli agenti di polizia mentre alle sue spalle si chiudevano le porte di ferro della triste struttura minorile.

Chiarita la vicenda e appurato che la bomba non c’era, il ragazzino musulmano è stato rilasciato. Il capo della polizia di Irving, Larry Boyd, ha confermato che nei confronti del giovane non verrà mossa alcuna accusa perché non voleva spaventare nessuno e perché il dispositivo, decritto come “un esperimento fatto in casa”, era innocuo.

La svista della professoressa ha fatto scalpore in tutti gli Stati Uniti d’America tanto che è intervenuto lo stesso presidente Barack Obama che, via Twitter, ha invitato il giovane con il suo orologio alla Casa Bianca: “Bell’orologio, Ahmed! Vuoi portarlo alla Casa Bianca? Potremmo invogliare molti giovani ad amare le scienze. Questo è ciò che rende l’America grande”.

Sulla scia del Messaggio di Obama l’hashtag #IStandWithAhmed è diventato virale ed è intervenuto sulla vicenda anche Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, che ha scritto: “Il futuro appartiene a persone come Ahmed. Se vuoi venire a Facebook, mi piacerebbe conoscerti. Continua a costruire”.

Hillary Clinton, candidata alle primarie democratiche per Usa 2016, ha scritto su twitter: “I sospetti e la paura non ci tengono al sicuro, ma ci portano indietro. Ahmed, rimani curioso e continua a costruire”.

Ahmed è felice di aver ricevuto tanti complimenti da persone così importanti e promette:”Andrò alla Casa Bianca”. Barack Obama lo aspetta a braccia aperte.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Donato Paolino

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *